Tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
1 ora
Lobby a Palazzo federale: pubblicato un vademecum per i neoparlamentari
Le Camere federali hanno sviluppato una guida sulla (non) accettazione di vantaggi e sul segreto d'ufficio
BERNA
1 ora
Auto elettriche: un automobilista svizzero su due è interessato a comprarne una
Lo rivela un sondaggio pubblicato dal TCS. Gli interpellati sperano che l'uso di questi veicoli protegga di più l'ambiente
BASILEA CAMPAGNA
3 ore
Ritrovate monete di epoca romana
Sarebbero state sotterrate attorno all'anno 180 dopo Cristo. Verranno restaurate, catalogate ed esposte al Museo di Liestal
SVIZZERA
3 ore
«Non c'è nemmeno spazio per uno zaino»
L'associazione traffico e ambiente stima che negli ultimi anni lo spazio per i bagagli sui treni FFS sia diminuito drasticamente
BERNA
3 ore
Il PPD cerca un nuovo capogruppo
La ricerca segue la mancata elezione Lombardi al Consiglio degli Stati
ZURIGO
4 ore
I bimbi sordi a scuola da Google
Il colosso della Silicon Valley offrirà lezioni di robotica a una trentina di allievi nella lingua dei segni
SVIZZERA
4 ore
UBS: il piano di Ermotti è di rimanere in carica fino al 2021?
Completando così 10 anni da CEO. In 8 anni alla guida di Ubs il manager ha guadagnato come un ticinese in 1400 anni
SVIZZERA
5 ore
«Una legge unica per le attività di sorveglianza»
Mister dati ha di nuovo criticato il fatto che attualmente queste attività siano disciplinate da un gran numero di atti legislativi speciali e di norme
SVIZZERA
5 ore
Trent'anni fa lo scandalo delle schedature
Oltre 320'000 persone (4410 in Ticino) chiesero a Berna se figurassero tra gli schedati. Circa 40'000 (804 in Ticino) ottennero risposta affermativa
SVIZZERA
12.06.2019 - 10:320
Aggiornamento : 12:12

Preferenza indigena: «Disoccupati poco interessati ai posti»

Il Blick rileva che i problemi in questo ambito non riguardano solo gli uffici regionali di collocamento. «Su 68 telefonate ha risposto una sola persona»

ZURIGO - A non funzionare nell'ambito della preferenza indigena non sono solo gli uffici regionali di collocamento (URC): anche gli stessi disoccupati appaiono poco interessati al lavoro che viene loro proposto, sostiene oggi il Blick.

Su mandato del quotidiano - che ieri aveva criticato gli URC, perché scarsamente attivi - un'azienda di collocamento del personale ha telefonato a 68 senza lavoro che avevano un profilo adatto per un posto vacante di falegname, disponibile da subito e al 100%. Il bilancio dopo un'ora di chiamate viene definito desolante dai reporter del giornale: ha risposto una sola persona, in tutti gli altri casi si è attivata solo la segreteria telefonica.

E questo è avvenuto in un martedì piovoso: con il bel tempo è praticamente impossibile raggiungere persone in cerca di impiego attraverso il portale Jobroom.ch, spiega l'imprenditore che ha effettuato il test. «Forse perché vanno in piscina», aggiunge. Vengono ignorati anche i mail e i messaggi sulla segreteria telefonica. «Nei casi estremi devo fare sino a 100 telefonate al giorno per trovare un collaboratore per un posto disponibile».

Il Blick dà voce anche alla frustrazione dei datori di lavoro, che ricevono solo poche candidature dagli UFR e quelle poche spesso non sono utili. Magari poi i disoccupati chiamati per un appuntamento non si presentano. Persino nei settori in cui vi sono tanti senza lavoro è difficile trovare personale adatto.

Hans-Ulrich Bigler, direttore dell'Unione svizzera arte e mestieri (USAM), non è sorpreso: in particolare nei rami come quello della costruzione e della gastronomia sono annunciati molti disoccupati che spesso non hanno alcun interesse per un nuovo impiego. «Lo sento di continuo e questo mostra che l'applicazione rigida della preferenza indigena per i posti vacanti non porta nulla, se non maggiore burocrazia», afferma il consigliere nazionale (PLR/ZH).

Commenti
 
tip75 5 mesi fa su tio
ahahh ma per favore per favore quando la smettiamo di raccontare bazzanate??? l ufficio di collocamento serve solo a foraggiare le tasche di pochi e svuotare quelle del contribuente non di certo ad aiutare al collocamento. un business creato ad arte dov’è quattro frustrati possono esercitare il ruolo da padreterni o fare i marstrini ad adulti che sono finiti nella rete di chi assume solo chi costa poco o vien da fuori
klich69 5 mesi fa su tio
BLICK GIORNALE SATIRICO PIÙ KE ALTRO TANTO DICE IL VERO PROBLEMA CHE SONO I SALARI.
Maxy70 5 mesi fa su tio
Magari anche perché sono posti di lavoro tagliati su misura per la mano d'opera frontaliera, a salari con i quali non si può vivere in Svizzera! Senza questa sciagurata "libera circolazione" (a senso unico, per i disoccupati UE) i Sigg. datori di lavoro dovrebbero creare condizioni accettabili per gli Svizzeri. Sbaglio?
Güglielmo 5 mesi fa su tio
semplicissimo… un datore di lavoro chiama perché sei in disoccupazione e ritiene che sei idoneo per il posto offerto? rispondi di no? TI SALTA LA DISOCCUPAZIONE CICCIO….. BASTA NADA THE END ! Altro che protezione, un paio di ciufoli !
Danny50 5 mesi fa su tio
Normale. Meglio stare a casa in assistenza che lavorare per qualche soldo in più che poi va a finire in imposte.
max0920 5 mesi fa su tio
certo che non ce interesse negli anni il lavoro si e sempre piu precarizzato e gli unici che ci anno guadagnato sono stati le agenzie di lavoro interinale e le ditte che usano i dipendenti come fazzoletti usa getta con la minaccia costante del licenziamento se non si accettano le angherie del datore di lavoro.
gmogi 5 mesi fa su tio
Perché vengono proposti lavori dall’Urc? Mi giunge nuova questa cosa.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-18 16:12:31 | 91.208.130.87