Keystone
La legale di Ringier Annegret Kammermann, promette battaglia.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
TURGOVIA
8 ore
Una truffa da quasi un milione e mezzo: andrà in carcere
Un fiduciario turgoviese è stato condannato a 36 mesi di detenzione, di cui 12 da scontare, per aver raggirato un'anziana, un asilo nido ed una società privata
ZURIGO
8 ore
Esce di strada e urta un albero: morto 20enne
L'incidente è avvenuto oggi a Elgg. Inutili i tentativi di rianimazione
SVIZZERA
8 ore
Le chat di Whatsapp restano criptate
La Confederazione non intende obbligare i fornitori di servizi di messaggeria a rendere i dati accessibili alle autorità giudiziarie
SVIZZERA
9 ore
Accordo quadro: «Nessuna firma se non si chiariscono i punti in sospeso»
Il Consiglio federale risponde all'interrogazione inoltrata da Marco Chiesa dopo le dichiarazioni dell'ambasciatore Matthiessen
GRIGIONI
9 ore
Tampona un Suv fermo, due feriti leggeri
Il 79enne non si è accorto del blocco momentaneo volto a permettere il trasporto di legname. L'impatto è stato inevitabile
BASILEA CITTÀ
9 ore
In strada per i sans-papiers
La dimostrazione è avvenuta a un anno dalla presentazione di dieci domande per cosiddetti casi di rigore. Sei sono state approvate
SVIZZERA
11 ore
«Malgrado le opposizioni, il 5G non è a rischio»
Il CEO di Swisscom ritiene di poter coprire entro la fine dell'anno oltre il 90% del Paese con la rete mobile di nuova generazione
GRIGIONI
11 ore
Centauro investito da un'auto
Il 27enne è stato trasportato all'ospedale di Coira con ferite di media gravità
SVIZZERA
11 ore
Autopostale: «Vigilanza lacunosa da parte di Berna»
La Commissione della gestione del Consiglio degli Stati punta il dito contro il Consiglio federale: «È evidente che si dovrà aumentare la vigilanza sulle aziende parastatali»
SVIZZERA
12 ore
Cassis invita al rispetto del multiculturalismo
Il consigliere federale ha tenuto un discorso alla conferenza generale dell'Unesco
ZUGO
11.06.2019 - 16:220
Aggiornamento : 16:50

Doppio ricorso nel caso Jolanda Spiess-Hegglin

L'ex deputata esige le scuse del Blick, mentre Ringier si rifiuta di pagare la riparazione per torto morale decisa dal Tribunale cantonale di Zugo

ZUGO - Doppio ricorso in appello nella vertenza che oppone l'ex gran consigliera di Zugo Jolanda Spiess-Hegglin al gruppo editoriale Ringier. L'ex deputata esige dal "Blick" delle scuse, mentre l'editore si rifiuta di pagare una riparazione per torto morale.

Lo scorso 10 maggio, con la sentenza di prima istanza, il Tribunale cantonale di Zugo aveva stabilito che il "Blick" ha violato i diritti della personalità della Spiess-Hegglin. Il caso si riferisce ad articoli pubblicati dal quotidiano di Zurigo nel dicembre 2014 in relazione a un rapporto sessuale dell'allora deputata ecologista con il gran consigliere dell'UDC Markus Hürlimann.

Accogliendo la causa civile avviata dalla Spiess-Hegglin contro Ringier, il tribunale le ha riconosciuto una riparazione morale di 20'000 franchi. La richiesta di pubblicare delle scuse sulla prima pagina del "Blick" è invece stata respinta.

La notizia del ricorso in appello dell'ex deputata, riportata dalle testate di CH Media, è stata confermata a Keystone-ATS dall'avvocato di Spiess-Hegglin. Lo scopo - afferma il legale - è di lanciare un segnale contro la mancanza di una «cultura delle scuse» nei media svizzeri.

Anche Ringier non intende accettare la sentenza della prima istanza. Il gruppo ha fatto sapere di non condividere la decisione del tribunale su due punti essenziali. L'editore continua ad essere dell'opinione che non ci sia stata una violazione della personalità e che, di conseguenza, non debba essere concesso alcun risarcimento.

Sui due ricorsi si dovrà esprimere il Tribunale superiore del canton Zugo. La causa civile riguarda un articolo pubblicato dal "Blick" il 24 dicembre 2014, nel quale il quotidiano zurighese pubblicava nome e foto degli allora deputati cantonali di Zugo Spiess-Hegglin e Hürlimann e titolava: «Scandalo sessuale per un politico UDC: l'ha violentata?».

All'articolo in questione ne erano seguite altre decine, sullo stesso giornale e su altri media, tutti incentrati su quanto fosse realmente avvenuto tra Hürlimann, allora presidente dell'UDC cantonale, e la collega dei Verdi durante una festa, bagnata dall'alcol, per la nomina nel nuovo landamano (presidente del Consiglio di Stato).

Secondo i giudici della prima istanza, la violazione della personalità è legata alla pubblicazione del nome e della foto della presunta vittima di un reato sessuale, senza che ciò fosse dettato da un interesse pubblico predominante.

L'allora 34enne Jolanda Spiess-Hegglin, sposata e madre di tre figli, sosteneva che Hürlimann avesse approfittato di lei versandole nel bicchiere di vino gocce di stupefacente (la cosiddetta droga dello stupro) durante i festeggiamenti. Hürlimann ha sempre contestato questa versione, pur ammettendo che ci fu un rapporto sessuale consenziente. Il procedimento per violenza carnale contro l'uomo è stato archiviato.

In sede penale, i due protagonisti hanno raggiunto un accordo extragiudiziale nel marzo 2018: Hürlimann ha ritirato la denuncia per calunnia e diffamazione nei confronti dell'ex collega.

Il "Blick" si è finora rifiutato di presentare pubbliche scuse all'ex deputata. Numerosi suoi articoli sono stati tuttavia cancellati dalla banca dati dei media svizzeri. Il fatto ha suscitato le critiche del Consiglio svizzero della stampa, che lo scorso aprile ha puntato il dito contro Ringier. Secondo l'organo di autocontrollo dei giornalisti, questa interferenza negli archivi distorce l'immagine di ciò che i media hanno pubblicato sul caso Spiess-Hegglin/Hürlimann.

Commenti
 
lancelot_1967 5 mesi fa su tio
Domanda: chi è la persona della fotografia? Certamente non Jolanda Spiess-Hegglin!
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-15 02:30:39 | 91.208.130.87