Keystone - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Svizzera
VAUD
8 min
Quindicenne in fuga al volante di un'auto
La polizia vodese lo ha fermato sull'A1. In precedenza il ragazzo aveva commesso tutta una serie di infrazioni
SONDAGGIO
SVIZZERA
1 ora
Vacanze in un paese a rischio? «Si potrebbe perdere lo stipendio»
Al rientro si sta in quarantena per dieci giorni e non è possibile richiedere l'indennità perdita di guadagno
SVIZZERA
2 ore
Pericoli per l'ambiente, gli uomini e le donne non sono uguali
Divergenze significative, ad esempio, per quanto riguarda le centrali nucleari e le antenne della telefonia.
SVIZZERA
2 ore
Lo shopping online? Sarà la normalità per due milioni di svizzeri
Il lockdown ha spinto molti consumatori a fare acquisti sul web. E in molti si sono affezionati a questa nuova abitudine
SVIZZERA
3 ore
La legge sulle epidemie è «insufficiente»
Uno studio dell'Università di Ginevra ha trovato vari buchi tra la Lep e la legislazione sulle assicurazioni sociali.
SVIZZERA
3 ore
Uber: ora anche a Friburgo, Sion e Yverdon
La scelta delle tre città è motivata da una forte domanda locale.
SVIZZERA
4 ore
La Confederazione spende di più per la ricerca
Lo scorso anno sono stati stanziati 2,6 miliardi. Si tratta di un aumento del 12% rispetto al rilevamento del 2017
FOTO
SAN GALLO
4 ore
Mortale in galleria
L'incidente è avvenuto questa mattina sull'A3 in territorio di Walenstadt
SVIZZERA
5 ore
Tre nuovi ricoveri e 54 contagi in Svizzera
Nella giornata di ieri erano 47, ma restano comunque sotto la soglia psicologica dei "100"
SVIZZERA/FRANCIA
04.06.2019 - 13:380
Aggiornamento : 13:54

Platini contro Infantino: «Vomitava sulla FIFA, non è credibile ora»

Il presidente è a Parigi per incontrare gli elettori in vista del voto di domani. Il francese: «Sono tutti amici fra Zurigo e Berna»

PARIGI - Il presidente della FIFA, Gianni Infantino, sta incontrando a Parigi i 211 elettori chiamati domani a rieleggerlo al vertice per il prossimo quadriennio, visto che il dirigente italo-svizzero si presenta come unico candidato.

Infantino partecipa a una serie di incontri bilaterali con i delegati dell'Uefa (Europa), Conmebol (Sudamerica), Caf (Africa), Afc (Asia), Concacaf (Nordamerica) e Ofc (Oceania). Per l'occasione, i vertici della federcalcio asiatica hanno intanto deciso che sarà la Cina ad ospitare l'Asian Cup 2023.

Ieri, intanto, Infantino ha dovuto subire gli attacchi di Michel Platini, secondo il quale l'italo-svizzero «è un ottimo giurista, un ottimo segretario generale, ma non ha nessuna legittimità, non è credibile come presidente della FIFA».

Infantino, ha detto Platini, «ha vomitato per 10 anni sulla Fifa. Quando dico "vomitato" esagero un po', ma tutti sanno che criticava in continuazione la FIFA. Come può venire a promuovere il calcio femminile mentre lo ha sempre preso in giro? Non ci ha mai creduto».

Platini è poi tornato sulle circostanze attraverso le quali l'italo-svizzero si presentò, al suo posto, alla carica di presidente FIFA: «Venne da me, nel mio ufficio, con Vilar (Angel Maria Vilar, allora vicepresidente UEFA ndr.) per spiegarmi che si sarebbe presentato candidato. In precedenza aveva fatto di tutto perché diventassi io presidente della FIFA e lavorò molto perché ottenessi le lettere di sostegno dei presidenti delle federazioni, poiché con me alla testa della FIFA lui si vedeva presidente UEFA. Ma quando ha capito che io ero "morto" per i miei problemi, ha deciso di presentarsi al mio posto per la FIFA. Forse ha anche visto l'ammontare del bonus... io avrei visto piuttosto un "ticket" Salman (Al Khalifa) presidente e Infantino segretario generale».

Nell'intervista, Platini non scarta completamente l'ipotesi, da lui mai avanzata chiaramente, di un ruolo dell'italo-svizzero nei suoi problemi giudiziario-sportivi: «So che Infantino - ha detto - ha visto Michael Lauber (procuratore generale della Confederazione, ndr) nel luglio 2015, ma potrebbero aver parlato di un'ammenda... sono tutti amici, fra Zurigo e Berna. Ma dopo tutto quello che ho fatto per Infantino non immagino che abbia potuto agire contro di me. Scrivete che lo dico sorridendo. Non ho alcuna accusa contro Gianni Infantino per quello che ha fatto, ma so, tuttavia, quello che non ha fatto affinché io rientrassi nel calcio. Quando fui scagionato dalla giustizia svizzera, nel maggio 2018, avrebbe potuto chiedere alla commissione etica della FIFA di sospendere la mia condanna, e non l'ha fatto».

Michel Platini esaurirà il prossimo ottobre la sua condanna a 4 anni di sospensione ma resta vago sul suo futuro: «Sarò contento di non essere più al bando - dice - perché io in fondo non mi ci sono mai sentito. Ma per il mondo del calcio, torno in auge, se la FIFA non trova qualcosa per prolungare la sanzione...non so quello che farò. Voglio soltanto che il mio nome non sia più infangato e che chi mi ha fatto del male paghi».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-07 18:33:45 | 91.208.130.89