Depositphotos - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Svizzera
VAUD
16 min
Con l'app di tracciamento l'attenzione sulla Svizzera è alta
Il sistema decentralizzato DP-3T attira l'attenzione di molti paesi per la protezione della privacy
SVIZZERA
2 ore
Telelavoro: detective a caccia di dipendenti indisciplinati
Non mancano le aziende che chiedono ad agenzie investigative di sorvegliare i propri collaboratori
BERNA
4 ore
«Il Covid-19 non spazzi lo sviluppo sostenibile»
Incontro (online) tra capi di Stato e di Governo per non dimenticare l'Agenda 2030, nonostante la pandemia
FRIBURGO
6 ore
Donna annega nel lago della Gruyère
Si trattava di una 66enne: ieri sera era uscita per una nuotata e non era più rientrata
GRIGIONI
6 ore
Auto in fiamme a Coira
Stamani la vettura ha reso difficile la circolazione nel capoluogo retico
SVIZZERA
6 ore
Il coronavirus metterà a dura prova le finanze pubbliche
Ma si mira a evitare aumenti d'imposte, come si evince da un sondaggio condotto in una settantina di Comuni
BERNA
6 ore
Lavori agricoli fatali per un 65enne
L'incidente è avvenuto questa mattina su un pendio ripido di Arni.
VAUD
7 ore
Struttura sanitaria in un mare di debiti, lascia il direttore
Pascal Rubin si è dimesso a causa delle gravi difficoltà finanziarie in cui versa l'Ospedale Riviera-Chablais.
SVIZZERA
7 ore
"Mister Covid-19" esce di scena: «È un buon momento per partire»
Dopo alcuni mesi di "lavoro straordinario", Daniel Koch va in pensione «con sentimenti positivi».
ZURIGO
8 ore
Aeroporti e compagnie aeree pronti alla grande ripresa dei viaggi
Swiss ed Edelweiss intendono ricominciare a proporre numerosi collegamenti nelle prossime settimane
SVIZZERA
8 ore
Mister dati ci ripensa: «Via libera alla registrazione in bar e ristoranti»
La raccolta dei dati avverrà su base volontaria, a meno che nel locale non possa venir garantita la distanza sociale.
SVIZZERA
8 ore
Al via i test di sicurezza sull'app SwissCovid
Una prima versione del sistema svizzero di tracciamento è stata messa a disposizione oggi.
SVIZZERA
9 ore
Helvetas: donazioni da record nel 2019, ma occhio al Covid
Grazie ai donatori, l'anno scorso Helvetas ha potuto aiutare 3,8 milioni di persone
SVIZZERA
30.04.2019 - 10:230
Aggiornamento : 16:28

Sempre meno soldi a fine mese, calano i salari reali

Gli stipendi nominali sono cresciuti dello 0,5%, ma l'inflazione si è attestata a +0,9%

NEUCHÂTEL - Meno soldi a disposizione alla fine del mese per i dipendenti in Svizzera: i salari reali nel 2018 sono diminuiti dello 0,4% rispetto all'anno prima, emerge dai dati pubblicati oggi dall'Ufficio federale di statistica (UST). I timidi aumenti nominali sono stati infatti erosi dall'inflazione.

Gli stipendi nominali sono cresciuti in media dello 0,5%, confermando una tendenza osservata dal 2010, con tassi di crescita che non hanno superato l'1% (ultimi anni: +0,4 nel 2017, +0,7% nel 2016 e +0,4% nel 2015).

In generale le decisioni di adeguamenti salariali per il 2018 sono state prese alla fine del 2017, quando il rincaro per l'anno seguente era stimato al +0,2%. L'inflazione si è poi rivelata assai superiore, pari al +0,9%, secondo i dati UST. Quella percepita da diversi consumatori rischia però di essere stata anche più elevata, visto che come noto i funzionari di Neuchâtel non comprendono nel loro paniere dei prezzi i premi dell'assicurazione malattia, aumentati in media del 4% nel 2018 per gli adulti e del 5% per i minorenni.

I salari reali medi sono quindi scesi dello 0,4% (+0,5% nominale meno 0,9% inflazione). Il dato medio riassume naturalmente una realtà settoriale assai più variegata: si va dal +0,8% del ramo chimico farmaceutico al -1,3% dell'industria del legno, della carta e dalla stampa, passando da realtà intermedie come per esempio commercio al dettaglio (+0,1%), costruzione (-0,4%) e amministrazione pubblica (-0,6%). Complessivamente il settore secondario presenta un -0,6% e quello terziario un -0,4%.

Tornando al dato generale elvetico, va rilevato che è il secondo anno consecutivo che si registra una flessione, dopo il -0,1% del 2017. Per ritrovare invece un terzo anno negativo bisogna risalire al 2008 (-0,4%). In mezzo vi sono annate con il segno più: negli ultimi cinque anni (dal 2014 al 2018) il ritmo annuo medio della progressione dei salari reali è stato, per l'insieme degli stipendiati, dello 0,6% (+0,5% per gli uomini e +0,7% per le donne; +0,5% nel secondario, +0,6% nel terziario).

Ad aver maggiormente influenzato l'andamento al rialzo durante questo lustro anni sono stati due rami ad alta densità di ricerca e sviluppo, nonché fortemente orientati all'esportazione: si tratta dell'industria chimica e farmaceutica (+1,1%) e di quelle della fabbricazione di prodotti informatici, elettronici, elettrici, ottici e dell'orologeria (+0,8%). Gli altri rami industriali hanno presentato tassi di crescita annui medi compresi tra +0,2% e +0,7%.

Nel terziario, le evoluzioni più marcate sono state osservate nel comparto dei servizi finanziari e delle attività assicurative (+1,1%), nonché nel campo editoria, audiovisivo, radiotelevisione e telecomunicazioni (+0,9%). Gli aumenti reali medi più contenuti sono stati per contro registrati nel ramo del trasporto e magazzinaggio (+0,1%) nonché in quello delle attività amministrative e di servizi di supporto (+0,3%).

Evoluzione allarmante - È un’evoluzione «allarmante», ha commentato oggi l’Unione sindacale svizzera (USS). Sebbene l'economia elvetica viaggi a pieno regime le buste paga si sono fatte più leggere nel 2018, deplora l'USS in un comunicato odierno. I datori di lavoro - aggiunge la federazione sindacale - hanno privato i salariati degli effetti della crescita. Tutto questo in un contesto di pigioni elevate e di costante aumento dei premi dell'assicurazione malattia.

A detta dell'USS le cifre diffuse dall'UST sono particolarmente scioccanti in relazione al settore della costruzione: malgrado anni di alta congiuntura nel ramo si è assistito a una perdita reale pure dello 0,4%. L'Unione sindacale chiede ora "aumenti sostanziali". La "nuova intransigenza" dei datori di lavoro viene ritenuta inaccettabile: anche i dipendenti devono poter approfittare della crescita economica.

Sulla stessa lunghezza d'onda è il sindacato Syna, che rivendica aumenti salariali per tutti. Ritocchi supplementari degli stipendi minimi vanno inoltre garantiti nei comparti con buste paga leggere, quali vendita, ristorazione e parrucchieri.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
patrick28 1 anno fa su tio
Forza UE !! Sempre
lollo68 1 anno fa su tio
Nel calcolo non hanno tenuto conto dei premi della cassa malati? Eppure è la prima voce di spesa per la nostra famiglia: il grafico mensile delle entrate e delle uscite della banca è quasi sempre a favore di quest'ultimo.
tip75 1 anno fa su tio
pensa un po’ in ticino...
LAMIA 1 anno fa su tio
Ma che scoperta. È quello che vogliono padrona to e chi ci vuole in EU! A quando la riduzione delle quote sindacali?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-29 00:17:02 | 91.208.130.85