Depositphotos - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FRIBURGO
1 ora
Tragedia stradale nel canton Friburgo: muore una mamma e il suo bimbo è ferito grave
La donna era finita nell'altra corsia durante una curva e ha preso in pieno un camion
SVIZZERA
2 ore
«Anche se hanno raffreddore e mal di gola, i bambini possono andare a scuola»
L'infettivologo Cristoph Berger commenta le raccomandazione dell'UFSP: «I tamponi siano solo l'ultimissima risorsa»
SONDAGGIO
SVIZZERA
5 ore
Berna in cerca di vaccini (che non ci sono)
Anche l'influenza normale dà da pensare all'Ufficio federale di sanità. Le case farmaceutiche hanno il fiato corto
BERNA
6 ore
Non si è placata la voglia di manifestare per il clima
Sulla Helvetiaplatz di Berna oggi si sono riunite oltre 2'000 persone.
SVIZZERA
6 ore
Il presidente del PS si mette in quarantena
Christian Levrat ha precauzionalmente annullato tutti i suoi impegni in attesa del risultato del test.
SVIZZERA
6 ore
Sarebbe stata la figlia a sparare e uccidere il padre
Ricostruita la dinamica della violenta lite di ieri: la ragazza è stata arrestata
SVIZZERA
7 ore
Clorato nel filetto di pangasio vietnamita surgelato, richiami in tutta la Svizzera
Il provvedimento riguarda anche un punto vendita ticinese
SVIZZERA
7 ore
PostFinance divide destra e sinistra
Solo l'ala destra del PS, la Piattaforma riformista, si allinea in toto con il progetto del Consiglio federale
SVIZZERA
8 ore
Nuove raccomandazioni per i bambini sotto i 12 anni
L'UFSP ha pubblicato nuove direttive. In caso di positività al test, la procedura sarà la stessa usata per gli adulti
SVIZZERA
8 ore
Anche Sommaruga all'ultimo saluto a Helmut Hubacher
Si è svolta oggi la cerimonia d'addio all'ex presidente del PS.
SVIZZERA
01.04.2019 - 11:030
Aggiornamento : 15:35

Quasi 100 casi di morbillo nei primi tre mesi del 2019

Solo in marzo la Confederazione ha ricevuto 55 segnalazioni. Da gennaio sono ben 97

BERNA - I casi di morbillo continuano ad aumentare in Svizzera: dall'inizio dell'anno all'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ne sono stati segnalati un centinaio. A causa della comparsa dei recenti focolai la Confederazione oltre alla vaccinazione ritiene necessarie altre misure.

Secondo il bollettino settimanale dell'UFSP dall'inizio di gennaio i casi registrati sono stati 97, contro i 15 nello stesso arco di tempo del 2018.

Affinché il morbillo possa essere eliminato in Svizzera dovrebbero essere sottoposti a due dosi di vaccino il 95% dei bambini e tutti coloro nati dopo il 1963. Tale obiettivo non è ancora raggiunto. Secondo l'UFSP le recenti epidemie in Svizzera, soprattutto nei cantoni di Neuchâtel e Berna, dimostrano che oltre alla vaccinazione sono necessarie altre disposizioni per evitare l'espandersi di questa malattia altamente contagiosa.

Secondo l'UFSP ciò comprende per esempio l'identificazione di persone sospette di contagio, l'esclusione di bambini negli asili e di ragazzi nelle scuole che non sono vaccinati, la vaccinazione di persone a contatto con i malati come anche una vaccinazione post esposizione.

Secondo l'ultimo rapporto dell'UFSP sulla situazione, pubblicato a inizio marzo, quest'anno sono noti finora diversi focolai. A Ginevra tra il 12 gennaio e il 5 febbraio vi sono stati cinque casi che hanno interessato una madre e il figlio piccolo e tre dipendenti di un hotel. Il primo impiegato dell'hotel è stato contagiato da un cliente proveniente dal territorio francese al confine con Ginevra.

Nella regione di San Gallo e Zurigo vi è stato un focolaio con sei casi tra il 27 gennaio e il 21 febbraio. Infettatosi nelle Filippine il primo malato ha contagiato durante il volo di ritorno in Svizzera altre due persone e poi trasmesso l'infezione al fratello e a un sanitario. Anche il fratello ha poi contagiato una persona del servizio sanitario.

I passeggeri del volo interessato sono stati informati dall'UFSP di essere stati esposti a bordo al virus del morbillo. Sono stati forniti loro chiarimenti sulla malattia, le possibili conseguenze e anche sulla vaccinazione. È stato inoltre loro raccomandato di consultare immediatamente un medico qualora la malattia si fosse dichiarata e di evitare l'entrata in contatto con bambini e donne incinte. Inoltre alle persone non protette è stato raccomandato di vaccinarsi o di completare il programma di vaccinazione.

L'UFSP ha pure invitato i passeggeri del volo in questione a comunicargli se sono vaccinati o no contro il morbillo e ha chiesto loro di indicare il loro cantone di residenza.

Il più grande focolaio di morbillo finora noto è scoppiato in febbraio nei cantoni di Neuchâtel e Berna dove secondo l'UFSP sono stati registrati 25 casi: otto nel primo e 17 nel secondo. Fino a metà marzo al medico cantonale bernese erano noti 40 casi di morbillo. Circa 50 scolari non hanno più potuto frequentare le lezioni. I primi due casi si sono presentati quasi contemporaneamente nello stesso comune neocastellano senza che la fonte fosse identificata. Uno di questi ha portato il morbillo in una scuola privata di Bienne.

Nel mese di marzo vi sono stati due casi di morbillo tra gli studenti all'Università di Zurigo: 25'000 studenti e tutti i 9000 dipendenti sono stati informati per mail. Sempre via posta elettronica è stato loro raccomandato di vaccinarsi contro il virus altamente contagioso.

Il morbillo ha un'incubazione fino a tre settimane. La malattia si manifesta inizialmente con sintomi simili a quelli di un'influenza, senza eruzione, ma è già molto contagiosa. La tipica eruzione cutanea si presenta quattro giorni più tardi.

Il morbillo, nel 10% dei casi porta a diverse e a volte serie complicazioni, come polmoniti e infezioni cerebrali.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-26 00:49:57 | 91.208.130.85