Keystone (archivio)
Non sapendo quando il tribunale amministrativo si pronuncerà sulla questione resta aperta anche la nuova data in cui la popolazione sarà chiamata a votare
GRIGIONI
29.03.2019 - 17:520

Slitta il voto sul nuovo cinema di Coira

Il comitato promotore dell'iniziativa ha impugnato la decisione del Legislativo - che ne ha invalidato una parte - davanti al Tribunale amministrativo

COIRA - È rimandata a data da definirsi la votazione popolare, prevista inizialmente il 19 maggio, sull'iniziativa "Per un centro storico vivo - iniziativa a favore del cinema di Coira", contro la costruzione di un nuovo complesso cinematografico nella parte ovest del capoluogo grigionese.

Dopo che lo scorso 7 marzo il Consiglio comunale di Coira ha dichiarato non valida parte dell'iniziativa popolare, il comitato promotore ha impugnato la decisione davanti al tribunale amministrativo.

A comunicare la decisione e lo slittamento del voto una nota odierna della cancelleria comunale.

L'iniziativa, che aveva raccolto 816 firme (800 il numero minimo per presentare un'iniziativa popolare presso il Comune di Coira) ed era stata depositata a luglio 2018, si oppone alla costruzione di una nuova struttura con la quale il vecchio cinema non potrebbe competere. Il comitato promotore è sotto la guida di Markus Kalberer che appartiene all'amministrazione del cinema cittadino, la quale gestisce due strutture in due zone della città.

I promotori mirano ad una modifica della legge comunale sull'edilizia, la quale prescrive che la zona 1, dedicata ad attività lavorative, sia circoscritta ad aziende che operano nei settori dell'industria, del commercio e dei servizi. La modifica chiede che si aggiunga "escluso i cinema", che rientrerebbero altrimenti nei servizi. Questa modifica, a detta del municipio, è ammissibile. Non lo è invece la disposizione transitoria secondo cui la modifica suddetta dovrebbe essere retroattiva e, in particolare, applicabile a tutte le domande di costruzione che al momento dell'accettazione dell'iniziativa non abbiano ancora ricevuto un permesso definitivo.

Perché questa seconda parte sia stata dichiarata non valida lo ha spiegato a Keystone-ATS il consigliere comunale responsabile Tom Leibundgut: «In sintesi, l'effetto retroattivo sarebbe eccessivo in termini di tempo, creerebbe marcate disparità a livello di legge e violerebbe il principio di proporzionalità e il principio della buona fede».

Non sapendo quando il tribunale amministrativo si pronuncerà sulla questione resta aperta anche la nuova data in cui la popolazione cittadina sarà chiamata ad esprimere il proprio voto sull'iniziativa.

La vicenda controversa era peraltro già approdata davanti al Tribunale federale: dopo che il Tribunale amministrativo grigionese aveva respinto l'opposizione contro la costruzione della struttura, sei oppositori avevano richiesto l'effetto sospensivo, rifiutato dai giudici supremi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-25 06:29:27 | 91.208.130.89