Depositphotos
BERNA
21.02.2019 - 15:430

Gli svizzeri preferiscono il pollo

Diminuiscono le vendite di vitello, agnello, maiale e salumi. Ma piacciono ali, nuggets, petti, pâté in crosta e terrine

BERNA - Il consumo di carne continua a diminuire in Svizzera. Rispetto al 2010, si è ridotto del 7% pro capite. Solo quello del pollame è in controtendenza.

Lo scorso anno, il commercio al dettaglio svizzero ha venduto 217'904 tonnellate di prodotti a base di carne, ovvero circa 4'000 tonnellate in meno rispetto al 2017 (-2%), comunica oggi l'Ufficio federale dell'agricoltura (UFAG). È stato così registrato il terzo calo consecutivo del commercio annuale.

Complessivamente, il fatturato delle vendite di carne si è contratto dell'1,2%, a 4,63 miliardi di franchi. Il prezzo al chilogrammo è aumentato mediamente dello 0,7%, attestandosi a quasi 21 franchi.

Pollo il preferito - La carne preferita dagli abitanti della Svizzera rimane il pollo. Si tratta dell'unico mercato in crescita. Nel 2018 le vendite sono aumentate dell'1,5%, attestandosi a 49'700 tonnellate. L'incremento ha riguardato soprattutto le ali (+10,2%) e i nuggets (+1,8%), mentre sono praticamente stagnate le vendite dei petti (+0,4%) e si sono ridotte quelle di mezzi e interi polli (-2,9%) nonché delle cosce (-0,8%).

Parallelamente è stato possibile aumentare la produzione indigena, a scapito delle importazioni. Lo scorso anno il giro d'affari del commercio al dettaglio di pollame è aumentato dell'1,1% a 782 milioni di franchi, malgrado il fatto che questo tipo di carne fresca è stata offerta complessivamente a prezzi leggermente inferiori rispetto all'anno prima.

Gli altri tipi di carne hanno registrato una flessione delle vendite, in particolare quella di vitello (-6,3% in volume e -5,4% in fatturato), di agnello (rispettivamente -6,0% e -3,9%) e di maiale (-5,9% e -2,4%). Il calo è stato più contenuto per quella di manzo (-1,0% e -0,7%).

Malgrado la diminuzione delle vendite di vari tagli pregiati, come i filetti di vitello e di agnello, i tagli a breve cottura restano tra i preferiti e costituiscono il 40% della carne fresca venduta lo scorso anno, raggiungendo una quota del fatturato di oltre il 50%.

Meno salumi - In flessione sono risultati anche i volumi di vendita dei prodotti trasformati (-1,4% a 86'710 tonnellate). Il calo ha riguardato soprattutto il prosciutto crudo (-2,9%), la pancetta (-2,8%), la carne secca (-2,8%) e il prosciutto cotto (-2,4%).

Grazie ai prezzi più elevati, la diminuzione del fatturato ha potuto essere in parte attenuata. L'unica crescita significativa delle vendite è stata constatata per i pâté in crosta e le terrine: a prezzi invariati, le vendite sono aumentate dell'1,3%, passando nel 2018 a 1684 tonnellate.

Commenti
 
Thor61 3 mesi fa su tio
Forse più che usare il termine "Preferire" si dovrebbe dire che sempre più spesso i clienti Svizzeri possono PERMETTERSI solo carni a basso costo come il pollo.
MIM 3 mesi fa su tio
@Thor61 Esatto, ho fatto lo stesso pensiero
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-17 19:24:20 | 91.208.130.86