tipress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
5 ore
Cosa ci dirà Berset domani?
Il Consiglio federale è pronto a comunicare le nuove misure anti-Covid. Ecco alcune anticipazioni
GINEVRA
6 ore
Omicron nel campus, duemila in quarantena
Due contagi nella Scuola internazionale di Ginevra hanno fatto scattare massicce misure di contenimento
SVIZZERA
6 ore
«Introdurre una tassa per i non vaccinati»
Lo ha proposto Sanija Ameti, co-presidente del movimento Operation Libero
GRIGIONI
8 ore
In vacanza in hotel, ma solo se vaccinati o guariti
Al Kulm di St.Moritz la stagione turistica invernale inizia con una stretta sulle misure sanitarie
SVIZZERA
10 ore
«Presto potremmo dover decidere chi curare e chi no»
Il personale di cura lancia l'ennesimo allarme: le risorse sono scarse e i pazienti continuano ad aumentare.
SVIZZERA
11 ore
Un nuovo record di pacchi per la Posta
Sono 7,4 milioni quelli recapitati tra il 22 e il 30 novembre 2021. Centomila in più rispetto alla Cyber Week del 2020
SVIZZERA
11 ore
Decessi legati al Covid-19 quasi raddoppiati in una settimana
Il tasso di positività per 100mila abitanti è passato da 437,6 a 590,6: ben oltre il doppio del Ticino (269,2).
ZURIGO
12 ore
Un nuovo centro per i test covid all'aeroporto di Zurigo
È stato inaugurato oggi ed è in grado di effettuare 15mila tamponi alla settimana.
SVIZZERA
12 ore
Quarto caso di Omicron in Svizzera
La persona contagiata è rientrata nove giorni fa dal Sudafrica.
SVIZZERA
12 ore
«Nessuna quarantena per i viaggi d'affari»
Swismem si dice scettico sull'efficacia delle quarantene: «Non fermeranno la diffusione del virus».
GINEVRA
10.02.2019 - 13:510

No alla cassa malattia pubblica e alle cure dentarie gratis

Con una percentuale del 55,05% supera invece lo scoglio delle urne la nuova legge sulla laicità

GINEVRA - Non ci sarà una cassa malattia pubblica cantonale, né un'assicurazione obbligatoria per le cure dentarie nel canton Ginevra: le due iniziative del Partito del Lavoro (PdL) che ne chiedevano l'istituzione sono state entrambe bocciate dai votanti. Supera invece l'esame delle urne la nuova legge sulla laicità, che vieta in particolare i segni esterni di appartenenza religiosa ai funzionari e agli eletti. La partecipazione è stata del 43,83%.

Assicurazione malattia pubblica - L'iniziativa "per una cassa d'assicurazione malattia e infortuni ginevrina pubblica a scopo sociale", per la quale erano state raccolte facilmente le firme, è stata respinta con il 55,54% dei voti. Contestata dalla destra, ha diviso anche la sinistra: i socialisti si sono opposti, mentre i Verdi e Ensemble a Gauche non hanno dato raccomandazioni di voto.

La cassa voluta dal PdL mirava a sottrarre l'assicurazione malattia agli interessi privati, garantendo alle persone domiciliate nel cantone una copertura delle cure completa. Per il governo e la maggioranza del Gran Consiglio essa sarebbe stata tuttavia sottoposta alle stesse costrizioni legali ed economiche degli altri assicuratori malattia con cui sarebbe entrata in concorrenza. A loro avviso non avrebbe dunque potuto consentire premi più bassi. Molti avevano espresso il timore che potesse attirare i "cattivi rischi" e costituire un baratro finanziario per lo Stato.

Cure dentarie - Non ha avuto maggiore successo l'iniziativa "per il rimborso delle cure dentarie", che preconizzava un'assicurazione obbligatoria: è stata respinta dal 54,76% dei votanti pur essendo sostenuta dalla sinistra e dai sindacati.

Il testo prevedeva l'istituzione di una assicurazione obbligatoria e di un dispositivo di prevenzione. Era combattuto dal governo cantonale, dalla destra, dalle organizzazioni padronali, come pure da dentisti e igienisti. Presentata senza controprogetto dal Gran Consiglio, essa prevedeva il finanziamento dell'assicurazione con un prelievo sui salari in parti eguali (circa l'1%) tra dipendenti e datori di lavoro. Per i non attivi, prevedeva che fosse lo Stato a subentrare.

Il governo cantonale aveva calcolato tra i 150 e i 260 milioni di franchi all'anno il costo annuale dell'assicurazione, dei quali tra 78 e 135 milioni a carico dello Stato. Un onere finanziario che avrebbe minacciato l'equilibrio di bilancio del Cantone, temeva il Consiglio di Stato.

Secondo i promotori dell'iniziativa, il 20% della popolazione rinuncia a cure dentarie per mancanza di soldi. Una cifra contestata dai dentisti, che sostengono si tratti soltanto del 6% circa.

Laicità - Con una percentuale del 55,05% supera invece lo scoglio delle urne la nuova legge sulla laicità, che vieta in particolare i segni esterni di appartenenza religiosa ai funzionari e agli eletti.

Promosso in origine dal consigliere di Stato PLR Pierre Maudet, il nuovo testo, destinato a sostituire quello in vigore dal 1907, era stato adottato lo scorso aprile dalla maggioranza di destra del Gran Consiglio, dopo un lungo dibattito.

Per i fautori, la legge dovrebbe consentire di prevenire il "ripiegamento identitario", ma molte sono le voci discordanti. Sono stati infatti addirittura quattro i referendum, promossi dai partiti di sinistra e da formazioni sindacali, femministe e musulmane, che hanno denunciato un testo definito liberticida e discriminatorio.

Superato l'esame popolare, la nuova legge dovrà ancora fare i conti con la giustizia. La Rete evangelica ginevrina e i Verdi - una delle cui elette, la consigliera municipale di Meyrin Sabine Tiguemounine, porta il velo - hanno già presentato ricorso, giudicandola anticostituzionale.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-03 03:25:51 | 91.208.130.89