Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
VIDEO
ZURIGO
4 min
Dopo la partita devasta il tram a calci
L'atto di vandalismo si è verificato ieri pomeriggio al termine dell'incontro di calcio tra Zurigo e Sion. Non è la prima volta che gli ultras tigurini si rendono protagonisti di scene simili
SCIAFFUSA
1 ora
Parte un colpo dall'arma d'ordinanza, due agenti in ospedale
Il poliziotto che ha sparato ha riportato ferite a una mano, mentre un collega potrebbe aver subito danni all'udito
GINEVRA
2 ore
Prevenzione contro la radicalizzazione: «Bilancio positivo»
Il programma socioeducativo lanciato nel giugno del 2016 ha gestito 126 casi, la maggior parte dei quali legati all'islamismo. Apotheloz: «Lo Stato Islamico sembra morto, ma dobbiamo rimanere attenti»
SVIZZERA
4 ore
«Basta violenze, in Bolivia servono nuove elezioni»
La Svizzera prende posizione sugli sviluppi politici nel Paese Sudamericano. Il DFAE: «Pronti a sostenere la preparazione, ma vanno rinnovati gli organi elettorali»
FRIBURGO
6 ore
Caos ballottaggio: «Inutile la riconta dei voti»
La cancelleria cantonale ritiene non vi siano motivi validi per un riconteggio: «Il problema è stato unicamente di trasmissione». Ma il PPD, che ha perso il proprio seggio agli Stati, pensa al ricorso
SOLETTA
6 ore
Il Canton Soletta dichiara guerra ai giardini ghiaiosi
Un atto parlamentare del PS additava quella che definiva una «nuova moda». Il Governo ha riconosciuto l'esistenza del problema e intende promuovere i prati fioriti
SVIZZERA
7 ore
Gli svizzeri vivono di più, ma il livello d'istruzione pesa
Tra il 1990 e il 2015 l'aspettativa di vita degli uomini è passata da 78 a 82 anni e quella delle donne da 83 a 86
SVIZZERA
06.02.2019 - 15:580

Telefonate indesiderate: sono oltre 18 milioni al mese

Soprattutto i call center operanti all'estero non possono quasi mai essere perseguiti dalla SECO e spesso comunque il procedimento viene archiviato senza multa

BERNA - Ogni mese in Svizzera si ricevono oltre 18 milioni di telefonate pubblicitarie indesiderate. Il problema principale delle chiamate illegali non sono le norme vigenti, ma il fatto che l'inosservanza dell'apposito asterisco a fianco del numero telefonico di solito non ha conseguenze.

Lo scrive la Fondazione svizzerotedesca per la protezione dei consumatori (SKS) in una lettera inviata a metà gennaio alla commissione parlamentare competente, dato che il tema è oggetto di discussioni nell'ambito della revisione della legge sulle telecomunicazioni.

Nello scritto si sottolinea che soprattutto i call center operanti all'estero non possono quasi mai essere perseguiti dalla Segreteria di Stato dell'economia (SECO). Spesso è infatti difficile identificare chi chiama, poiché può far apparire un numero di telefono qualunque e quindi falso.

Inoltre, anche se l'identificazione ha successo, la SECO non può intervenire direttamente, ma deve operare attraverso richieste di assistenza legale ad altri Stati. Ciò complica e ritarda la pratica e la procedura è anche molto costosa rispetto all'infrazione. La conseguenza è che il procedimento di solito viene archiviato senza multa.

Secondo la SKS, l'intervento della SECO e delle procure sarebbe molto più facile se si potesse perseguire sia il committente che chi trae profitto dalle chiamate pubblicitarie illegali. In tal modo attraverso il cliente - di solito residente in Svizzera - si potrebbero identificare e punire i call center che hanno commesso l'infrazione.

Così tutte le aziende sarebbero costrette a cessare la collaborazione con società poco serie che effettuano chiamate illegali. E non sarebbero più svantaggiati gli imprenditori che rispettano la legalità dell'asterisco che mostra il rifiuto della pubblicità, aggiunge la SKS.

L'organizzazione dei consumatori sottolinea che già oggi Swisscom offre la possibilità di bloccare le chiamate pubblicitarie indesiderate su richiesta degli utenti.

Secondo la compagnia telefonica il sistema di filtraggio da lei utilizzato è in grado di distinguere il telemarketing dalle chiamate legittime, senza intervenire su quelle effettuate da rinomati istituti di ricerca di mercato e sociali nonché da inserzionisti legali.

La proposta del Consiglio federale e del Consiglio degli Stati per la revisione della legge sulle telecomunicazioni consentirebbe al governo di obbligare altre imprese di telecomunicazione ad offrire un filtro del genere per le chiamate pubblicitarie.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-11 22:16:34 | 91.208.130.89