Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
TURGOVIA
5 ore
Una truffa da quasi un milione e mezzo: andrà in carcere
Un fiduciario turgoviese è stato condannato a 36 mesi di detenzione, di cui 12 da scontare, per aver raggirato un'anziana, un asilo nido ed una società privata
ZURIGO
6 ore
Esce di strada e urta un albero: morto 20enne
L'incidente è avvenuto oggi a Elgg. Inutili i tentativi di rianimazione
SVIZZERA
6 ore
Le chat di Whatsapp restano criptate
La Confederazione non intende obbligare i fornitori di servizi di messaggeria a rendere i dati accessibili alle autorità giudiziarie
SVIZZERA
7 ore
Accordo quadro: «Nessuna firma se non si chiariscono i punti in sospeso»
Il Consiglio federale risponde all'interrogazione inoltrata da Marco Chiesa dopo le dichiarazioni dell'ambasciatore Matthiessen
GRIGIONI
7 ore
Tampona un Suv fermo, due feriti leggeri
Il 79enne non si è accorto del blocco momentaneo volto a permettere il trasporto di legname. L'impatto è stato inevitabile
BASILEA CITTÀ
7 ore
In strada per i sans-papiers
La dimostrazione è avvenuta a un anno dalla presentazione di dieci domande per cosiddetti casi di rigore. Sei sono state approvate
SVIZZERA
8 ore
«Malgrado le opposizioni, il 5G non è a rischio»
Il CEO di Swisscom ritiene di poter coprire entro la fine dell'anno oltre il 90% del Paese con la rete mobile di nuova generazione
GRIGIONI
8 ore
Centauro investito da un'auto
Il 27enne è stato trasportato all'ospedale di Coira con ferite di media gravità
SVIZZERA
9 ore
Autopostale: «Vigilanza lacunosa da parte di Berna»
La Commissione della gestione del Consiglio degli Stati punta il dito contro il Consiglio federale: «È evidente che si dovrà aumentare la vigilanza sulle aziende parastatali»
SVIZZERA
06.02.2019 - 14:240

Soldi tedeschi in Svizzera: tutto da rifare

Il Tribunale federale rimanda la causa a Zurigo sui milioni spariti dopo la caduta del Muro di Berlino e che sarebbero stati occultati in Julius Bär

LOSANNA - Rischia di andare ancora per le lunghe l'annosa vertenza tra Julius Bär e le autorità tedesche nella causa legata alla scomparsa di somme milionarie dell'ex Germania orientale comunista. Il Tribunale federale (TF) ha annullato la sentenza della giustizia zurighese, che aveva deciso in favore della banca e che dovrà ora tornare ad occuparsi dell'intricato caso.

Il 18 aprile 2018 il tribunale superiore di Zurigo aveva respinto in seconda istanza un'azione legale contro Julius Bär avviata nel 2014 dall'Istituto federale tedesco per i compiti speciali legati alla riunificazione (Bundesanstalt für vereinigungsbedingte Sonderaufgaben, BvS), che esige dalla banca zurighese la restituzione di oltre 100 milioni di franchi più interessi. In una sentenza pubblicata oggi, il Tribunale federale accoglie tuttavia nei punti principali le argomentazioni di quest'ultimo e rimanda la causa a Zurigo per una nuova valutazione.

Da oltre due decenni la Germania è alla ricerca di milioni spariti dopo la caduta del Muro di Berlino e che sarebbero stati occultati da membri del Partito di Unità socialista di Germania (SED, comunista), al potere dal 1949 al 1990. A quanto sembra una società della Repubblica democratica tedesca (RDT, o DDR nella sigla tedesca) attiva nel commercio estero avrebbe spostato grossi importi su conti di banche straniere perché non finissero nelle casse della Germania riunificata.

Si trattava di circa 97 milioni di franchi, cui si sono aggiunti gli interessi maturati dal 1994, per un totale che era stato calcolato in oltre 200 milioni di franchi. Il BvS è partito alla caccia di tali fondi. Il problema sta nel fatto che da tempo il denaro è stato rimosso dai conti in questione e che le tracce sono state cancellate. L'autorità tedesca vuole quindi rendere responsabili le banche che non hanno impedito i prelevamenti.

La disputa tra il BvS e Julius Bär riguarda l'ex banca Cantrade, che tra il 1989 e il 1992 non avrebbe bloccato numerosi ritiri di questo genere. Julius Bär aveva rilevato la Cantrade nel 2005 da UBS e quindi secondo l'autorità tedesca ha l'obbligo di restituire i milioni scomparsi. Ma Julius Bär si oppone con vigore, sostenendo che ai tempi in cui sono avvenuti i fatti l'istituto apparteneva a UBS.

Nella sentenza dell'aprile 2018, il Tribunale superiore di Zurigo aveva ritenuto la vertenza conclusa, essendo avvenuta nel 2009 una transazione tra il BvS e la direttrice della società della DDR, accordo in base al quale questa doveva versare al BvS 106 milioni di euro che teneva depositati su un conto della Banca cantonale di Zurigo. Il tribunale zurighese aveva dunque respinto le richieste dello stesso BvS nei confronti della banca Julius Bär.

Il Tribunale federale non è invece dello stesso avviso. I supremi giudici di Losanna rilevano che l'accordo è stato concluso tra la direttrice della società e il BvS, senza che la banca fosse coinvolta nella transazione. Le richieste nei suoi confronti da parte dell'autorità tedesca rimangono dunque legittime. Il TF rinvia così di nuovo il dossier al Tribunale superiore di Zurigo per un riesame.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-15 00:01:07 | 91.208.130.86