Tipress
SVIZZERA
28.01.2019 - 14:040
Aggiornamento : 15:16

Sempre più terreno fertile per la marijuana legale

Uno studio di Dipendenze Svizzera indica che negli ultimi anni il CBD ha in parte eclissato la cannabis con un tenore di THC elevato

BERNA - Dal 2016 negozi specializzati, supermercati e chioschi svizzeri commerciano prodotti contenenti cannabidiolo (CBD), uno dei principi attivi della cannabis. Uno studio di Dipendenze Svizzera mostra che ad andare per la maggiore in questo campo è la vendita di marijuana, ovvero CBD sotto forma di infiorescenze.

La ricerca, divulgata oggi, è stata realizzata su incarico dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). In questi ultimi anni, si legge in una nota di Dipendenze Svizzera, il CBD ha eclissato il THC (tetraidrocannabinolo), che è responsabile dei principali effetti psicotropi della canapa.

Questo per due ragioni: al CBD vengono attribuite proprietà in materia di salute e la legislazione elvetica ne ha permesso l'emergere, dato che dall'estate 2016 si può trovare in commercio.

Dal 2011, la cannabis con meno dell'1% di THC non è più illegale nella Confederazione, viene ricordato nel comunicato. In parallelo, nuove varianti contenenti molto poco THC e parecchio CBD, sostanza che induce rilassamento, sono state sviluppate in Nord America. Dei produttori elvetici le hanno adottate e immesse nel mercato chiamandole «cannabis legale», acquistabile in diversi negozi e su Internet.

Nella sua indagine, Dipendenze Svizzera ha preso in considerazione diversi aspetti. Per quanto riguarda gli effetti del CBD, è emerso che la letteratura sul tema è limitata: restano quindi ancora molti punti di domanda. Un bilancio sommario delle conoscenze attuali suggerisce comunque che questo principio attivo può contribuire alla riduzione dei dolori e dell'ansia.

Per quel che concerne i vari prodotti a base di cannabidiolo, supermercati e chioschi vendono marijuana, mentre nei negozi specializzati l'offerta è più ampia. L'analisi dei 90 siti web che vendono CBD in Svizzera ha mostrato che i fiori restano generalmente i preferiti dei consumatori, ma accanto a essi spunta altro.

Alcuni portali mettono a disposizione prodotti per fumare come sigarette al CBD e liquidi per sigarette elettroniche. Si possono pure trovare oli, tinture, alimenti e cosmetici.

Nell'ambito dello studio sono state interrogate oltre 1500 persone che hanno fatto uso almeno una volta di CBD. Circa due terzi di loro lo ha fatto negli ultimi 30 giorni e, di questi, quasi un terzo lo fa quotidianamente. Una maggioranza dei consumatori recenti fuma anche tabacco, sigarette elettroniche e canapa illegale. Uno su tre ha dichiarato di soffrire di una malattia diagnosticata da un medico spesso associata a dolori fisici (per esempio artrite e reumatismi) o di una depressione.

Queste persone hanno valutato positivamente il CBD, in particolare per il sonno, lo stress e il benessere. I feedback sono più tiepidi per le conseguenze a livello di concentrazione ed energie. La maggior parte degli interpellati ha aggiunto che il consumo di cannabidiolo ha permesso di ridurre quello di tabacco e cannabis illegale.

Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-08-23 04:49:47 | 91.208.130.87