20 Minuten
TURGOVIA
05.01.2019 - 08:100
Aggiornamento : 10:57

La vita svizzera del jihadista condannato a morte

Nuovi dettagli sul 24enne che è stato arrestato nel 2017 e che ora attende l'esecuzione in una cella in Iraq. La sorella: «Non lo sento da molto tempo»

FRAUENFELD - È il primo jihadista proveniente dalla Svizzera condannato a morte. Conosciuto con il nome di battaglia "Abu Aisha" verrà impiccato a gennaio in Iraq. 

Da ricerche effettuate da 20 Minuten, la sua radicalizzazione è passata quasi inosservata nel nostro Paese. Ma chi è realmente? Qual è la sua storia? T.* è nato in Svizzera nel 1994 da genitori di origine turca. La famiglia - il 24enne ha tre fratelli più grandi - abitava in un condominio nel distretto del Sarganserland (SG). Una vita tranquilla e poco appariscente. Nessuno si è mai lamentato di loro, né nel comune, né a scuola. 

Quando T. aveva 12 anni la famiglia si sposta ad Arbon nel Canton Turgovia. Ed è qui che nascono i problemi. Dopo due anni i genitori con i tre figli traslocano in un appartamento in una palazzina con una brutta fama. Una vicina che ha conosciuto la famiglia parla di «casa problematica». In quella palazzina, infatti, risiedevano molti casi al limite. La polizia la «visitava regolarmente». Ma in nessuno di questi casi l'obiettivo era il futuro jihadista.

Un vicino lo ricorda come una «persona amichevole e molto riservata». Secondo il Tages Anzeiger il giovane avrebbe frequentato spesso una moschea di Rorschach che nel frattempo è stata chiusa a causa del radicalismo dei suoi predicatori. A portarlo lì per la prima volta è stato il suo amico Alperen A., un jihadista conosciuto.

Prima tappa di T. , dopo l'uscita dalla Confederazione nel 2014, è stata la Turchia. Poi il 24enne ha raggiunto la Siria (per l'addestramento militare) e infine una fabbrica di ordigni a Tall Afar, 63 chilometri a ovest di Mosul, dove ha imparato i rudimenti dell'artificieria. 

Il suo arresto è avvenuto nel 2017 durante le operazioni di riconquista da parte dell'esercito iracheno. Il 24enne, apparentemente, non ha avuto contatti recenti con la sua famiglia: «Non lo sento da molto tempo», ha confermato una sorella a 20 Minuten. Nel frattempo i genitori sono tornati a vivere in Turchia.

* nome noto alla redazione.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-07 01:19:31 | 91.208.130.89