La moderatrice Anic Lautenschlager.
SVIZZERA
03.01.2019 - 06:070
Aggiornamento : 07:27

Srf 3: la moderatrice fa la battuta e tira in ballo Hitler

È accaduto nel corso di un programma satirico andato in onda sulla rete pubblica il 1. gennaio

ZURIGO - L’obiettivo era quello di anticipare alcuni degli eventi in calendario nell’anno in corso. Per cui, in “Comedy Ausblick 2019”, si è parlato anche di Eurovision Song Contest.

Le fasi finali del concorso canoro, come ben sappiamo, quest’anno si svolgeranno a Tel Aviv. E Anic Lautenschlager, moderatrice 34enne in quegli istanti al microfono, ha parlato di «un evento gay in un Paese ebraico, che si potrebbe anche definire l’incubo di Hitler».

Interpellato da 20 minuten, Roman Heggli, colui alla guida di Pinkcross, ritiene «problematico che sulle frequenze della radio pubblica si facciano battute sconsiderate». E anche se non trova la stessa discriminatoria, auspica, perlomeno, «un po’ più di tatto».

Jonathan Kreutner, segretario generale della Federazione svizzera delle comunità israelite (Fsci), dal canto suo, sostiene che «la satira è consentita in svariate forme, a condizione però che non risulti diffamatoria». E in questo caso, secondo Kreutner, non è accaduto.

Infine, come vedono quanto accaduto in Srf? Secondo Pascal Scherrer, direttore di Srf 3, la battuta della collega non sarebbe nulla di problematico e in linea con il programma satirico andato in onda.

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-09 04:05:22 | 91.208.130.86