Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
VIDEO
SVIZZERA
9 ore
Quella montagna verde che fa storcere il naso ai puristi del rossocrociato
Presentata oggi dalla Federazione Svizzera di Calcio, la nuova maglia da trasferta della Nazionale non sembra fare l’unanimità tra i tifosi
SVIZZERA
10 ore
Berna, la città migliore in Europa in cui stare al volante
Secondo "l'indice di guida nelle città 2019" di Mister Auto, la capitale svizzera si piazza al quarto posto a livello globale
SVIZZERA
10 ore
Milestone 2019, premiata una start-up di Zermatt
La "Bonfire", attiva nell'ambito della comunicazione digitale, appartiene all'ente turistico e alle Ferrovie di montagna della località vallesana
SVIZZERA
13 ore
Miliardo di coesione, accordo in vista fra le Camere
La commissione di politica estera del Nazionale raccomanda al plenum di allinearsi alla posizione degli Stati e del governo
SVIZZERA
13 ore
Schengen/Dublino, un centinaio di milioni per le banche dati
La commissione di politica estera del Nazionale ha approvato il versamento
GRIGIONI
13 ore
Niente cittadinanza onoraria per il fondatore del WEF
Il Canton Grigioni rivela che non esiste la base legale per compiere questo passo: «Stiamo vagliando ulteriori possibilità per onorare i meriti di Schwab»
SVIZZERA
14 ore
Collaboratori esterni a Berna, ci sono margini di miglioramento
Lo rileva la Commissione della gestione degli Stati, che ha espresso soddisfazione per l'intervento del governo
SVIZZERA
14 ore
Una donna raccoglierà il testimone di Levrat?
L'ipotesi prende forma in vista del prossimo Congresso del partito, che si terrà a Basilea il 4 e 5 aprile
BERNA
15 ore
Grave incidente nucleare, siamo pronti?
Da domani a venerdì la centrale atomica di Beznau sarà teatro di un'esercitazione generale
SVITTO
15 ore
Travestito da Ku Klux Klan, il politico lascia l'UDC
Il giovane attaccò con dello spray al peperoncino il partecipante a una manifestazione antirazzista post Carnevale
SVIZZERA
15 ore
«Il 9 febbraio è la sconfitta che brucia di più»
È l'iniziativa contro l'immigrazione di massa il cruccio più grande di Christian Levrat. Secondo il 49enne è stata sottovalutata dal suo partito
SVIZZERA
03.01.2019 - 07:260

Il caldo da record darà una spinta ai partiti ecologisti?

Le temperature registrate nel 2018 potrebbero avere conseguenze politiche. Il Barometro delle speranze rileva una forte preoccupazione per l’ambiente

ZURIGO - Divieti di accendere fuochi all’aperto, contadini confrontati con carenza d’acqua e morie di pesci in fiumi troppo caldi: la scorsa estate la Svizzera ha dovuto fare i conti con temperature superiori alla media. E non solo: anche la stagione autunnale era più calda del solito. Ora l’ambiente è la principale preoccupazione dei cittadini. Lo rivela il Barometro delle speranze di Swissfuture: il 60% degli interpellati si dice infatti preoccupato per l’ambiente e il clima. «Dalla scottatura alla carenza d’acqua, le conseguenze del grande caldo le ha potute constatare chiunque. Mentre lo scioglimento dei ghiacciai spesso si apprende soltanto dai giornali» spiega l’autore dello studio Andreas Krafft.

Certo, il Barometro delle speranze mostra la preoccupazione degli svizzeri per la questione ambientale. Ma se per il 32,9% degli interpellati è importante agire, soltanto l’11,8% si dice disposto a prendere parte ad attività concrete in difesa dell’ambiente, quali - per esempio - manifestazioni.

Elezioni all'insegna del clima - Secondo il ricercatore, i Verdi e i Verdi liberali potrebbero comunque approfittare della maggiore consapevolezza dei cittadini per i temi ambientali. Anche Regula Rytz, presidente dei Verdi, spera in un rafforzamento delle forze ecologiche. E il 2019 lo dichiara l’anno delle elezioni all’insegna del clima. «Soltanto con più Verdi in Parlamento possiamo impedire al PLR di boicottare la protezione dell’ambiente nel nostro paese» afferma, alludendo al recente fallimento al Nazionale della revisione totale della legge sul CO2.

Bando all'energia fossile - E in vista delle “elezioni ambientali” i Verdi hanno già elaborato un loro programma che prevede l’abbandono dell’energia fossile entro il 2050, una piazza finanziaria neutrale dal punto di vista climatico e la tassazione di chi vola spesso. Secondo l’ultima indagine Univox dell’istituto GFS di Zurigo, perlomeno il primo punto troverebbe il consenso dei cittadini: il 58% degli interpellati ritiene infatti che nei prossimi vent’anni la Svizzera debba rinunciare ai combustibili fossili.

«Ecologisti sottorappresentati» - «A differenza del Parlamento, al popolo risulta chiaro che è finalmente necessario mettere in atto delle misure a protezione del clima» afferma Tiana Angelina Moser dei Verdi liberali. E il Barometro delle speranze confermerebbe, a suo dire, che nel Legislativo nazionale i partiti ecologisti sono sottorappresentati. «Ci vuole una manovra correttiva. E questa è possibile soltanto in accordo con l’economia. Gli slogan senza un riferimento alla realtà non portano a nulla».

Un effetto di breve durata? - I partiti ecologisti sono sicuramente partiti in pole position, secondo il politologo Sandro Lüscher. «Il grande caldo del 2018 con le sue devastanti conseguenze sull’uomo e sull’ambiente ha portato a una riflessione critica sul  nostro comportamento ambientale». Ma sottolinea che nell’opinione pubblica gli eventi estremi hanno una durata di vita piuttosto breve. «Si pensi per esempio all’incidente nucleare di Fukushima, che un po’ ovunque ha dato una spinta ai partiti verdi. Ma questo effetto è poi rapidamente svanito».

Commenti
 
F.Netri 10 mesi fa su tio
Certo, che il surriscaldamento darà una spinta agli ecologisti! Del resto, gli ecologisti hanno sempre sperato nel surriscaldamento per guadagnare più voti.
F/A-18 10 mesi fa su tio
@F.Netri Io non direi così, piuttosto credo che se il clima avesse una tendenza al miglioramento i Verdi non esisterebbero nemmeno, purtroppo non è così e urgentemente bisogna intervenire. Quando il mondo sarà devastato, inquinato, aria irrespirabile, mari pieni di plastiche e petrolio, ghiacciai spariti, qualche centrale nucleare che esplode, sostanze tossiche e scorie nucleari da smaltire, specie animali estinte, vita dell'essere umano stravolta, che cosa c'è ne faremo delle ricchezze accumulate dai pochi e della miseria degli altri?
Galium 10 mesi fa su tio
@F.Netri Invece di fare sempre e solo polemiche da bar contro gli ecologisti sarebbe molto più cercare di chinarsi sui problemi ambientali. Questi esistono, anche se danno fastidio a molti, sia per ragioni politiche che, più squallidamente, per meri interessi economici di qualche lobby
Galium 10 mesi fa su tio
@Galium Intendevo scrivere "molto più utile"
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-13 06:57:08 | 91.208.130.85