Keystone
ZURIGO
23.10.2018 - 13:380
Aggiornamento : 16:09

Spostati in seconda classe per lasciare il posto all’equipaggio

L’aereo diretto a Bangkok è partito con due ore di ritardo perché i passeggeri non volevano cedere il posto. La compagnia: «In realtà avevano ricevuto un upgrade, non l’avevano acquistato»

ZURIGO - Un volo partito in ritardo e le scuse del CEO della compagnia. Nulla di strano, si direbbe a prima vista, se non fosse che l’aereo è decollato due ore dopo per volontà del pilota e del copilota. Il motivo? A bordo c’erano due colleghi che volevano viaggiare in prima classe, ma i posti erano tutti occupati.

Il volo Thai Airways era previsto per le 13.30 dell’11 ottobre dall’aeroporto di Zurigo con destinazione Bangkok. Ai passeggeri di prima classe - come riferisce il Bangkok Post - è stato chiesto di cedere il posto a due colleghi del personale di volo della compagnia, diretti nella capitale thailandese. Ma nessuno era disposto a retrocedere in seconda classe. Solo dopo due ore una coppia ha lasciato il posto, lamentandosi in un secondo momento con la compagnia perché «l’equipaggio aveva preso in ostaggio i passeggeri finché qualcuno non avesse ceduto».

In realtà, il direttore commerciale di Thai Airwas a Zurigo Nandor Hammermüller, precisa quanto accaduto: «Normalmente per questa tratta viene utilizzato un B777-300ER che non ha la prima classe. Quel giorno, però, è stato messo a disposizione all'ultimo momento un B747 e ad alcuni passeggeri è stato offerto un upgrade in prima classe. I due piloti in transito avrebbero dovuto prendere servizio non appena arrivati a Bangkok e in questi casi è preferibile che viaggino nelle condizioni migliori per riposare adeguatamente. L’errore è stato non bloccare due posti per loro prima di offrire agli altri passeggeri l’upgrade».

Comunque, Thai Airways ha aperto un’indagine interna. «Il ritardo di un’ora all’atterraggio avrebbe dovuto essere evitato - ha concluso il portavoce -. Per questo ci scusiamo ufficialmente con i clienti interessati».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Pepperos 1 anno fa su tio
Un indagine? Ma fate propio ridere! Conosco la Thailandia....
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-13 16:16:55 | 91.208.130.86