Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
57 min
Giovani, chiedetevi: «Devo veramente andare a quella festa?»
È l’appello del capo delle emergenze dell’Oms, Mike Ryan
SVIZZERA
5 ore
«Automobile al sole: una trappola mortale». Parola del TCS
Qualche consiglio utile per evitare brutte sorprese in questi giorni di canicola
OBVALDO
6 ore
Titlis: boom di turisti elvetici, ma non è sufficiente
Gli impianti di risalita sono presi d'assalto, ma manca comunque circa il 70% dei visitatori
SVIZZERA / LIBANO
6 ore
Nessun aiuto svizzero al Governo libanese
Gli aiuti andranno direttamente alla popolazione, tramite la Croce Rossa
SVIZZERA
6 ore
Quella fragola è pericolosa
La Confederazione mette in guardia su una formina refrigerante venduta da Depot
SVIZZERA
7 ore
Sviluppata una membrana che distrugge batteri e virus
Il procedimento potrebbe essere utile anche in chiave anti Covid-19
FRIBORGO
7 ore
Si cercano i testimoni dell'aggressione sul treno
L'aggressore aveva assalito una 27enne con una bottiglia su un InterCity.
SVIZZERA
8 ore
Panne per Postfinance: ritardi nell'elaborazione dei pagamenti
Numerosi pensionati si sono lamentati: la loro pensione non sarebbe arrivata
SVIZZERA
8 ore
Anche Berna, Argovia e Turgovia chiedono le liste degli arrivi a Kloten
Il canton Zurigo ha iniziato mercoledì a raccogliere questi dati per verificare il rispetto dell'obbligo di quarantena.
SVIZZERA
8 ore
Nel canton Zugo 20 procedimenti per truffe con i prestiti Covid
L'importo complessivo dei raggiri raggiunge i 3,8 milioni di franchi
SVIZZERA
9 ore
Mascherine a scuola? Le diverse soluzioni dei Cantoni
Tra obbligo di mascherina e distanze di sicurezza, i Cantoni si preparano per il rientro a scuola
SVIZZERA
9 ore
Finanziamento di due progetti per il Covid
Il primo riguarda l'analisi sierologica, il secondo è un apparecchio portatile per una rapida identificazione del virus
SVIZZERA
10 ore
Mascherine monouso o di stoffa: quali utilizzare?
L'Ufficio federale della sanità le raccomanda entrambe, a meno che si abbiano dei sintomi
SVIZZERA
11 ore
Più di 11'000 firme per accogliere i rifugiati eritrei
La petizione chiede di mettere fine alla politica restrittiva nei loro confronti.
SVIZZERA
11 ore
Altri 161 casi, otto ricoveri e tre decessi
Il totale dei contagi dall'inizio dell'emergenza sale a 36'269. I decessi sono 1'712.
SVIZZERA
12 ore
Il Covid-19 non giustifica decisioni prese in videoconferenza
Secondo il Tribunale federale la procedura non può essere imposta se una parte si oppone.
SVIZZERA
12 ore
L'infrastruttura digitale «è carente» nel settore pubblico
Il problema è emerso soprattutto nel periodo di lockdown.
SVIZZERA
12 ore
Swissport vuole abbassare i salari di circa 2500 dipendenti
La società sta attualmente cercando di rinegoziare le condizioni di lavoro dei suoi collaboratori con le parti sociali
SVIZZERA
12 ore
Condanna confermata all'attivista per i diritti umani
La 74enne basilese era accusata di aver violato la legge sugli stranieri
FOTO
BERNA
12 ore
Niente esibizioni di volo sull'Axalp quest'anno
L'evento era previsto per il 13 e 14 ottobre
SVIZZERA
13 ore
Durante il lockdown anche il consumo di energia va giù
Crollo del 12% rispetto allo scorso anno, indica l'Ufficio federale dell'energia
BERNA
13 ore
State lontani dai fiumi, il lago di Les Faverges si sta svuotando
È scattato l'allarme inondazioni nell'Oberland bernese a causa svuotamento lago ghiacciaio
GRIGIONI
14 ore
A scuola si tornerà tutti insieme e senza mascherina
Sono state stabilite le procedure di carattere sanitario da rispettare
BASILEA CAMPAGNA
14 ore
Muore colpita dal cavallo durante una lezione di equitazione
L'animale è inciampato durante un salto ad ostacoli. La donna è caduta a terra ed è stata travolta dal cavallo
SVIZZERA
15 ore
Vaccino: c'è la firma con l'azienda Usa, ma non per tutti
Se supererà il test clinico e sarà omologato, potranno essere vaccinate 2,25 milioni di persone.
ZURIGO
15 ore
Va alle terme, venti persone finiscono in quarantena
Una persona presente domenica nella struttura zurighese ha presentato i sintomi del coronavirus tre giorni dopo.
BERNA
16 ore
«Le montagne bruciano» parte il controfuoco per salvare le Alpi
Questo sabato l’Iniziativa delle Alpi accenderà il suo "falò alpino"
SVIZZERA
01.10.2018 - 09:240

UBS, 10 anni fa il salvataggio della banca "too big to fail"

Confederazione e la Banca nazionale intervennero con un pacchetto di aiuti da 60 miliardi

ZURIGO - Esattamente dieci anni fa la Confederazione e la Banca nazionale svizzera (BNS) intervennero con un pacchetto di aiuti di 60 miliardi di franchi per salvare l'UBS, evitandole un fallimento che, secondo il Consiglio federale, avrebbe avuto conseguenze drammatiche per il paese.

L'annuncio era stato un fulmine a ciel sereno: in un comunicato diffuso poco prima delle sette di mattina del 16 ottobre 2008, il governo informava la popolazione del fatto che la principale banca elvetica si trovava sull'orlo del collasso e che lo Stato sarebbe intervenuto in suo aiuto.

La consigliera federale Eveline Widmer-Schlumpf - che per l'occasione sostituiva l'allora ministro delle finanze Hans-Rudolf Merz, assente per convalescenza - informò l'opinione pubblica sulle misure adottate dal governo un mese dopo il fallimento della banca americana Lehmann Brothers, un dissesto che trascinò l'intero settore finanziario nella peggiore crisi dalla Grande Depressione degli anni '30.

Se l'opinione pubblica venne colta di sorpresa, le autorità e la BNS erano da tempo al corrente delle difficoltà della grande banca elvetica ed avevano predisposto il piano di salvataggio. I problemi della società - che a inizio 2005 aveva pubblicamente annunciato l'intenzione di diventare «la numero uno a livello mondiale nell'investment banking» - erano iniziati a fine 2007 sull'onda della crisi dei titoli ipotecari ad alto rischio negli Stati Uniti.

Un rapido declino

Nell'aprile 2008 Marcel Ospel, presidente della direzione, aveva lasciato i vertici della banca. In maggio l'istituto aveva annunciato una perdita di 11,5 miliardi per il primo trimestre dell'anno. In estate i problemi erano diventati ancora più drammatici. Il valore dei titoli del mercato ipotecario in mano alla banca era precipitato e UBS si era vista costretta a rivolgersi alla Confederazione a causa del massiccio deterioramento delle possibilità di finanziamento.

Concretamente, la Confederazione rafforzò la base dei fondi propri della banca con un prestito di 6 miliardi di franchi da convertire in azioni. I titoli "tossici" per 39,1 miliardi di dollari (all'epoca 45,9 miliardi di franchi) furono rilevati dalla BNS e riuniti nello StubFund, il fondo di stabilizzazione. A differenza di UBS, l'istituto centrale aveva tempo per ricollocarli, in attesa di condizioni migliori.

La Confederazione si sbarazzò della sua partecipazione in UBS nell'estate 2009 realizzando un guadagno di 1,2 miliardi. Lo Stabfund nel frattempo ha potuto vendere a condizioni migliori quasi tutti i titoli rilevati e ha da tempo rimborsato integralmente il prestito alla BNS. Fino a metà 2013 il fondo di stabilizzazione ha fruttato alla BNS circa 3,76 miliardi di franchi.

Il salvataggio non mancò di sollevare numerose critiche: per molti esso illustrava il principio della socializzazione delle perdite e della privatizzazione dei profitti.

Esperti di finanza colti di sorpresa

Se governo e BNS avevano saputo prevedere il tracollo di UBS, le difficoltà della grande banca avevano colto di sorpresa diversi esperti finanziari. È il caso dell'ex banchiere Konrad Hummler - ai tempi socio e direttore della banca privata Wegelin & Co, uscita poi praticamente distrutta dalla vertenza con il fisco americano - o dell'allora presidente dell'Associazione svizzera dei banchieri (ASB) Pierre Mirabaud, che in piena crisi USA avevano affermato che non vi era alcuna necessità di prevedere misure di salvataggio per le banche elvetiche.

Le grosse difficoltà di UBS in quel periodo non erano tuttavia limitate alla sua politica spregiudicata nell'investment banking: parallelamente negli USA la grande banca elvetica era finita nel mirino della giustizia per casi di evasione fiscale, anche a causa delle testimonianze fornite dall'ex bancario Bradley Birkenfeld. Per risolvere il contenzioso, UBS era stata costretta al termine di un lungo braccio di ferro - nel quale il Consiglio federale aveva nuovamente giocato un ruolo risolutore - a sborsare 780 milioni di dollari e a consegnare al fisco americano i nomi di numerosi frodatori.

Nessun cambiamento di politica aziendale

Il fatto di aver chiamato in causa le autorità federali e la BNS non sembrò scuotere particolarmente UBS: la grande banca procedette sì nella primavera del 2009 a un rimpasto ai vertici e mise maggiormente l'accento sull'amministrazione patrimoniale. L'istituto rimase tuttavia fedele a quello che definì un "collaudato modello di business" di una banca universale, che comprendeva generosi bonus ai manager.

Peter Kurer, allora presidente del consiglio di amministrazione di UBS, all'indomani dell'annuncio del salvataggio della banca da parte della Confederazione, aveva affermato che malgrado il tracollo legato ai subprime l'istituto avrebbe continuato a versare bonus milionari ai manager attivi nel settore dell'investment banking. Ciò aveva sollevato una tempesta di indignazione tra la popolazione.

Complessivamente nell'anno in questione la grande banca aveva elargito bonus per 2,2 miliardi di franchi e nel maggio 2009 aveva autorizzato un aumento salariale per i manager del settore in questione. Ma questa era solo la punta dell'iceberg: i vertici di UBS continuarono infatti a mettere sul conto spese vacanze in famiglia, auto private o visite a strip club.

Il mancato cambiamento di cultura aziendale si è messo in luce anche dall'atteggiamento di UBS nel periodo successivo alla crisi subprime e alla diatriba fiscale: sia che si parlasse di manipolazione di tassi di cambio o che di tassi d'interesse l'istituto risultava sempre in qualche modo coinvolto. Il suo nome appare anche nell'inchiesta per corruzione sul fondo sovrano malaysiano 1MDB, che ha travolto l'istituto luganese BSI. Basta gettare un occhio sulle cifre: tra il 2009 e il 2018 la grande banca elvetica ha sborsato quasi 12 miliardi di franchi solo per cause legali o multe.

Nel frattempo molte cose sono cambiate, anche grazie alle nuove regolamentazioni in vigore, con ripercussioni sull'organico dell'istituto. UBS, che nel 2007 su un totale di 84mila dipendenti impiegava 22mila persone nel settore dell'investment banking, ora ha ridotto gli effettivi a 61mila persone, 5mila delle quali nel settore degli investimenti. È invece cresciuto da 7mila a 25mila il numero di dipendenti presso il Corporate Center, unità che si occupa tra l'altro del rispetto delle normative.

Non solo UBS

UBS non è l'unica banca che ha dovuto essere salvata dal tracollo con un intervento dello Stato. Già prima della crisi finanziaria l'ente pubblico è dovuto intervenire a favore di diverse banche cantonali.

Negli anni Novanta e Duemila numerosi istituti cantonali si sono trovati in difficoltà, confrontati con la crisi economica e immobiliare. Le società, impegnate a volte in strategie di espansione, avevano anche spesso una gestione del rischio inadeguata.

Di conseguenza, le banche cantonali di Berna (1993), Ginevra (2000), Vaud (2001/02) e Glarona (2008) hanno dovuto essere risanate con fondi cantonali. Quelle di Soletta (1995) e Appenzello Esterno (1996) non hanno potuto essere salvate e sono state completamente privatizzate: questi due cantoni non hanno più banche cantonali.

«In seguito alla crisi immobiliare degli anni 90, il sistema delle banche statali in Svizzera e all'estero venne profondamente scosso», si legge in una pubblicazione di Avenir Suisse, laboratorio di idee di matrice liberale. Nella confederazione si resero necessarie rettifiche di valore per circa 42 miliardi di franchi.

La Banca cantonale di Berna, ad esempio, ha dovuto scorporare 6,5 miliardi di franchi di crediti inesigibili in una società di salvataggio. L'operazione si è conclusa nel 2002 con una perdita complessiva di 2,6 miliardi di franchi, di cui circa 1,5 miliardi di coperti dalla garanzia statale del cantone.

Naturalmente la situazione è difficile quando una banca con una vasto clientela fallisce e i correntisti perdono i loro soldi, afferma Samuel Rutz di Avenir Suisse. «Ma non è perché interviene lo stato come salvatore che non ci sia un prezzo da pagare». Bisogna semplicemente essere coscienti che passa alla cassa il contribuente.

Nell'esempio di Berna, le difficoltà delle finanze cantonali hanno chiaramente avuto il loro inizio nella crisi bancaria. Il cantone è ancora oggi indebitato per miliardi di franchi.

Quasi tutte le 24 banche cantonali svizzere hanno una garanzia statale illimitata. Ciò significa che, in caso di insolvenza, il cantone è responsabile delle passività del suo istituto e si assicura che i creditori non subiscano perdite. Fanno oggi eccezione le banche cantonali di Berna, Ginevra e Vaud.

In qualità di proprietari o comproprietari, i cantoni decidono l'organizzazione e la forma giuridica della loro banca cantonale. Di queste istituzioni, 15 sono enti pubblici e nove sono società anonime.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
gmogi 1 anno fa su tio
Lasciato a casa dopo 39 anni e 8 mesi ( e non in prepensione) perché in tutti quei miliardi non ci stavo contabilmente
pulp 1 anno fa su tio
@gmogi Mi spiace.... purtroppo però il mondo del lavoro è questo e bisogna anticipare gli eventi...non subirli.
gmogi 1 anno fa su tio
@pulp Nessun problema, è storia passata. Ma purtroppo quando hai più di 53 anni in Ticino l’unica cosa che puoi anticipare sono solo le spese. Saluti
tip75 1 anno fa su tio
è stata un azione indegna, aiutare era legittimo ma gratis non lo era e non lo è piu, e loro per giunta non fanno altro che inventare spese nuove e togliere interessi ai clienti, con la benedizione del governo che sta zitto...una vergogna
pulp 1 anno fa su tio
@tip75 I clienti hanno sempre la possibilità di lavorare con chi meglio credono.
dan007 1 anno fa su tio
Già e oggi si permettono licenziare personale chiudere filiali ristruttura nonostante miliardi di utili e scandaloso
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-08 00:21:38 | 91.208.130.86