Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
1 ora
Nessun chip obbligatorio per i gatti
Se la mozione fosse stata approvata, i felini non identificati avrebbero potuto essere sterilizzati senza il consenso del proprietario
SVIZZERA
1 ora
Ducrot alla testa delle FFS, ecco le reazioni
La SEV si augura che il nuovo Ceo fissi «giuste priorità», mentre il presidente della commissione dei trasporti definisce «una buona notizia» la sua nomina
SVIZZERA
1 ora
Casse malati, negoziare anche il volume delle prestazioni
Il Nazionale ha adottato oggi una mozione, le cui richieste sono presenti anche nel progetto licenziato la scorsa estate dal Consiglio federale
SVIZZERA
2 ore
Gli svizzeri e i treni, un "amore" che non ha eguali in Europa
Gli elvetici restano i più grandi utilizzatori di treni del continente. Percorsi in media 2398 chilometri a testa
SVIZZERA
2 ore
Un sì per la banca dati degli animali contro il rischio epizoozie
Lo ha emesso il Consiglio Nazionale, il database continuerà ad essere gestito da una società anonima
BERNA
2 ore
Nuovo ceo delle FFS: il successore di Andreas Meyer sarà Vincent Ducrot
Le Ferrovie federali hanno confermato le indiscrezioni di stampa. «Sicurezza, puntualità e pulizia sono per me prioritari», ha sottolineato il 57enne
SVIZZERA
2 ore
Snowpark: l'80% di chi si fa male ha tra i 10 e i 30 anni
Le lesioni riportate negli snowpark sono spesso gravi e riguardano la testa e la schiena
ARGOVIA
3 ore
Rogo a Zufikon, la vittima è una 97enne
È stato identificato il corpo senza vita ritrovato ieri sera in una casa unifamiliare. Le cause dell'incendio non sono ancora state appurate
SVIZZERA
3 ore
Scambio automatico, la Turchia resta fuori
Il Consiglio degli Stati, seguendo il Nazionale, ha adottato i progetti per l'estensione verso 18 Stati supplementari
SVIZZERA
23.09.2018 - 09:480
Aggiornamento : 11:40

«Vogliamo sviluppare una sorta di Netflix del servizio pubblico»

Il direttore generale Gilles Marchand promette nuovi investimenti per 20 milioni. «Vogliamo creare una piattaforma digitale per proporre tutti i nostri programmi in tutte le lingue nazionali»

BERNA - Dopo le polemiche divampate in merito allo spostamento di parte della redazione SSR da Berna a Zurigo e del previsto trasferimento da Ginevra a Losanna, il direttore generale Gilles Marchand risponde alle critiche affermando che il servizio pubblico deve adattarsi.

Marchand, in un'intervista apparsa oggi sui domenicali "Le Matin Dimanche" e "SonntagsBlick", promette però investimenti pari a 20 milioni di franchi, che tra le altre cose dovrebbe permettere la creazione di una nuova piattaforma digitale a Berna.

«Si tratta di sviluppare una sorta di Netflix del servizio pubblico: proporre tutti i nostri programmi in tutte le lingue su una piattaforma organizzata non più per regioni, ma per settori e temi con sottotitoli in tutte le lingue nazionali», annuncia Marchand.

La SSR vorrebbe inoltre aumentare la produzione di serie televisive: «Attualmente ce ne sono tre o quattro all'anno tra la Svizzera romanda e quella tedesca. Mi piacerebbe arrivare a sette, con la possibilità di trasmetterle sistematicamente anche nelle altre regioni linguistiche», aggiunge il direttore generale.

Redazione plurilingue a Berna - «Non lasceremo Berna», sostiene Marchand attraverso le pagine dei due domenicali, ribadendo gli investimenti in diversi progetti per un ammontare di 20 milioni di franchi: tra questi anche la creazione di una nuova redazione plurilingue nella città federale, con «una quindicina di giornalisti» provenienti da RSI, SRF, RTS e RTR. L'obiettivo è quello di trattare temi di rilevanza nazionale, lavorando «in particolare sulle questioni legate all'integrazione», prosegue il 56enne losannese.

La SSR ha deciso di trasferire una parte della redazione della radio SRF da Berna a Zurigo. Questo spostamento, previsto a partire dalla fine del 2020, interessa 170 dipendenti. Nella città federale restano 550 collaboratori della SSR. Nella Svizzera romanda si prevede di ricollocare entro il 2024 il dipartimento «attualità» della televisione RTS da Ginevra a Losanna. Il progetto, che deve ancora essere approvato dal consiglio di amministrazione, è volto a riunire le attività radio, tv e nuove tecnologie sul sito web del Politecnico federale di Losanna (EPFL).

Queste decisioni, che dovrebbero permettere alla SSR di risparmiare 12 milioni all'anno, hanno suscitato aspre critiche. Marchand risponde tuttavia tramite i domenicali chiedendo «un po' di coerenza», poiché «si è accusato il servizio pubblico di immobilismo (...). Non si può chiedere di prepararci per il futuro e allo stesso tempo dire di non cambiare», osserva il direttore generale della SSR, il quale ricorda poi che a partire dal 2019 essa dovrà risparmiare 100 milioni di franchi all'anno.

Commenti
 
roma 1 anno fa su tio
...mmmmmmah
Mac67 1 anno fa su tio
Ero contro il canone, vedendo, da un altro punto di vista... oggi con internet possiamo vendere informazioni (diciamo almeno non troppo “corrette”) e potremmo farlo in 4 lingue vendendo a centinaia di milioni ... quindi il canone non sarebbe stato necessario, fornendo anche in Svizzera migliore qualità di informazione! Finché il consiglio federale decide il budget billag ... ovvio che non ci sarà mai informazione va gli vada contro. Ora vogliono realizzare ciò che pensavo senza canone con il canone ...
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-10 13:56:31 | 91.208.130.89