TiPress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FOTO E VIDEO
ZURIGO
10 ore
L'ultimo saluto a Kuhn: «Grazie per tutto, Köbi»
La Svizzera calcistica, ma non solo, ha reso omaggio a Zurigo all'ex selezionatore nella Nazionale. Magnin: «Era un uomo del popolo». Frei: «Una leggenda»
GINEVRA
11 ore
Arrestato il deputato Simon Brandt
L'accusa è "violazioni del segreto d'ufficio"
TURGOVIA
12 ore
Frontale fra un camion e un trattore
I due conducenti hanno riportato solo lievi ferite
SVIZZERA
13 ore
Il Consiglio federale in breve
Ecco il riassunto di tutte le decisioni prese dal Governo nella giornata odierna
SVIZZERA
13 ore
Torturati e uccisi per soldi, prigione a vita per un 30enne
Nel 2016, l'uomo, con la complicità della moglie e di un garagista, tolse la vita a un 36enne e a un 25enne
SVIZZERA
13 ore
Il canone per le imprese è anticostituzionale
Per il Tribunale amministrativo federale la classificazione in sei livelli tariffari è troppo indifferenziata
VAUD
14 ore
Vaud mette al bando le antenne 5G
Il Consiglio di Stato ha deciso di confermare il divieto finché la Confederazione metterà a disposizione strumenti che consentano ai cantoni di verificare i valori limite delle radiazioni
VALLESE
14 ore
Assalto al bancomat, si cercano tre scassinatori
Il fatto è accaduto a Leytron
SVIZZERA
15 ore
Sotto il Cupolone non si balla il valzer
Dopo la rielezione dell'intero Consiglio federale, non ci saranno cambiamenti nemmeno alla testa dei vari dipartimenti
ZURIGO
15 ore
La savana dello zoo accoglie quattro rinoceronti bianchi
Il nuovo spazio verrà inaugurato il 9 aprile. Vi troveranno casa anche giraffe, zebre, struzzi, suricati e iene
SVIZZERA
16 ore
Condannato per aver nascosto i vestiti di un'amica in sauna
La motivazione è che la querelante è stata costretta a camminare nuda nella "Sauna-Studio-Tanzlokal"
SVIZZERA
19.09.2018 - 15:390

Premi cassa malati: aumento minore al 3%

Santésuisse Secondo santésuisse, bisogna approfittare della «tregua attuale» per adottare misure concrete che rallentino sensibilmente e a lungo termine l'evoluzione dei costi

BERNA - Il 2018 dovrebbe concludersi con un minore aumento dei costi della salute rispetto agli anni precedenti. Secondo santésuisse, bisogna approfittare della «tregua attuale» per adottare misure concrete che rallentino sensibilmente e a lungo termine l'evoluzione dei costi.

I premi di cassa malattia del 2019 dovrebbero crescere meno del 3%, ha affermato oggi durante una conferenza stampa a Berna l'associazione che rappresenta parte degli assicuratori malattia svizzeri. Molti giovani adulti beneficeranno di riduzioni poiché gli assicuratori dovranno pagare un contributo inferiore come compensazione dei loro rischi. Il ministro della sanità Alain Berset presenterà i premi 2019 la prossima settimana.

«Questa tregua dovrebbe essere usata per intraprendere misure» ha detto oggi la direttrice di santésuisse Verena Nold. Le previsioni mostrano che vi saranno ulteriori aumenti. «Se non viene fatto nulla per correggere questa tendenza, i costi potrebbero crescere di oltre il 3%», ha aggiunto Nold.

Nel 2017, le spese pro capite dell'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie (AOMS) sono aumentate dell'1,7%, restando inferiori alla media pluriennale. Per l'anno in corso l'associazione si aspetta un incremento leggermente più elevato delle prestazioni lorde per assicurato.

Controllo dei prezzi dei farmaci

Per arginare la crescita dei costi santésuisse invita ad abbassare i prezzi dei medicamenti e, in particolare, propone dei confronti annuali con l'estero per tutti i farmaci rimborsati. Dopo tre anni di interruzione, l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ha ripreso solo alla fine del 2017 ad esaminare regolarmente i prezzi dei medicamenti: la mancanza di pressione sui prezzi ha comportato un aumento dei costi dei farmaci pro capite del 4,6% (2016: +5,4%), deplora santésuisse.

In Svizzera, il ricorso ai generici, che permetterebbe di ridurre l'onere, è molto inferiore alla media internazionale. Inoltre, per l'associazione questi articoli sono eccessivamente cari.

Responsabilità individuale

Santésuisse auspica anche una pianificazione sanitaria sovra-cantonale in ambito ambulatoriale e stazionario nonché il miglioramento della qualità e dell'efficacia delle prestazioni mediche, compresa una maggiore coordinazione e specializzazione negli ospedali.

Secondo l'associazione è poi necessario rafforzare la responsabilità individuale degli assicurati. A tale scopo, propone di aumentare la franchigia minima di base da 300 a 500 franchi e di introdurre una tassa di 50 franchi per i casi minori di emergenza ospedaliera. Infine, chiede anche dei forfait nel settore ambulatoriale.

L'invecchiamento della popolazione rappresenta solo il 20% della crescita dei costi della sanità dal 2012. Secondo santésuisse vi è quindi margine di manovra per arginare l'aumento.

Trasferimento verso l'ambulatoriale

Nel 2017 si è registrata una diminuzione dei costi del 3,1% per persona assicurata nel settore delle prestazioni ospedaliere stazionarie. Un'evoluzione di cui santésuisse si dice soddisfatta.

Tale flessione non dovrebbe però occultare il fatto che dal 2012 i cantoni hanno progressivamente aumentato la loro partecipazione alle spese e che dal 2017 quest'ultima ha raggiunto il 55%, sottolinea l'associazione. Allo stesso tempo, la tendenza al trasferimento delle prestazioni verso il settore ambulatoriale riduce i costi nel campo ospedaliero stazionario. Le spese in questo settore sono tuttavia completamente a carico degli assicuratori. In tale contesto, santésuisse ritiene l'aumento dell'1,4% dei costi di cure ambulatoriali ospedaliere relativamente moderato.

Commenti
 
GI 1 anno fa su tio
Dicasi media.....ergo ci saranno dei +5 e dei +1 = +3.... E' ora di renderla non più "obbligatoria".....che mal sta lamal...
Pepperos 1 anno fa su tio
Tradotto: minori prestazioni obbligatorie Ma non dicono nulla Delle provvigioni pagate per acquistare clienti.
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-14 05:53:02 | 91.208.130.85