TiPress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
5 min
Più gioco d'azzardo a causa della pandemia (e del lockdown)
In Svizzera scatta una campagna di sensibilizzazione digitale pensata in particolare per i giovani
BERNA
13 min
Imprese responsabili: iniziativa «ad alto rischio»
È l'opinione espressa da un comitato contrario alla modifica costituzionale.
SVIZZERA
37 min
Un utile da 15 miliardi per la Banca nazionale svizzera
L'istituto centrale ha approfittato della relativa quiete estiva per riprendersi dagli effetti del confinamento
BERNA
45 min
Pandemia e anziani: «Scaricate SwissCovid»
L'invito del Consiglio Svizzero degli Anziani: «È essenziale essere registrati»
SVIZZERA
1 ora
La Svizzera primeggia nel 5G
Il tasso d'adozione nel nostro Paese è il più alto al mondo.
SVIZZERA
2 ore
«I numeri peggiorano di giorno in giorno»
Il Consigliere federale promette nuove misure: «Potrebbero restare a lungo, dobbiamo valutarle attentamente».
VALLESE
2 ore
Schianto di un elicottero: trovato vivo dopo sette ore e mezza
L'incidente è avvenuto nelle vicinanze del Breithorn, in Vallese. Una persona è deceduta
BERNA
2 ore
Bambino piccolo travolto e ucciso da un treno
Il bimbo era finito sulle rotaie a Münsingen ed è morto sul posto in seguito alle ferite riportate
SVIZZERA
2 ore
Il tira-e-molla di Berset
Mascherine all'aperto: il governo sta decidendo le misure da annunciare mercoledì. Il ministro della Sanità cede terreno
SVIZZERA
3 ore
Coronavirus: in Svizzera 17'440 casi, 259 ricoveri e 37 decessi nel weekend
Nelle ultime 72 ore sono stati effettuati 82'026 tamponi: il tasso di positività è del 21,3%
SVIZZERA
3 ore
La seconda ondata probabilmente non porterà con sé una crisi del lavoro
Secondo Adecco, potrebbe addirittura portare delle nuove opportunità: «Dimostra che l'home office funziona»
SVIZZERA
19.09.2018 - 15:390

Premi cassa malati: aumento minore al 3%

Santésuisse Secondo santésuisse, bisogna approfittare della «tregua attuale» per adottare misure concrete che rallentino sensibilmente e a lungo termine l'evoluzione dei costi

BERNA - Il 2018 dovrebbe concludersi con un minore aumento dei costi della salute rispetto agli anni precedenti. Secondo santésuisse, bisogna approfittare della «tregua attuale» per adottare misure concrete che rallentino sensibilmente e a lungo termine l'evoluzione dei costi.

I premi di cassa malattia del 2019 dovrebbero crescere meno del 3%, ha affermato oggi durante una conferenza stampa a Berna l'associazione che rappresenta parte degli assicuratori malattia svizzeri. Molti giovani adulti beneficeranno di riduzioni poiché gli assicuratori dovranno pagare un contributo inferiore come compensazione dei loro rischi. Il ministro della sanità Alain Berset presenterà i premi 2019 la prossima settimana.

«Questa tregua dovrebbe essere usata per intraprendere misure» ha detto oggi la direttrice di santésuisse Verena Nold. Le previsioni mostrano che vi saranno ulteriori aumenti. «Se non viene fatto nulla per correggere questa tendenza, i costi potrebbero crescere di oltre il 3%», ha aggiunto Nold.

Nel 2017, le spese pro capite dell'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie (AOMS) sono aumentate dell'1,7%, restando inferiori alla media pluriennale. Per l'anno in corso l'associazione si aspetta un incremento leggermente più elevato delle prestazioni lorde per assicurato.

Controllo dei prezzi dei farmaci

Per arginare la crescita dei costi santésuisse invita ad abbassare i prezzi dei medicamenti e, in particolare, propone dei confronti annuali con l'estero per tutti i farmaci rimborsati. Dopo tre anni di interruzione, l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ha ripreso solo alla fine del 2017 ad esaminare regolarmente i prezzi dei medicamenti: la mancanza di pressione sui prezzi ha comportato un aumento dei costi dei farmaci pro capite del 4,6% (2016: +5,4%), deplora santésuisse.

In Svizzera, il ricorso ai generici, che permetterebbe di ridurre l'onere, è molto inferiore alla media internazionale. Inoltre, per l'associazione questi articoli sono eccessivamente cari.

Responsabilità individuale

Santésuisse auspica anche una pianificazione sanitaria sovra-cantonale in ambito ambulatoriale e stazionario nonché il miglioramento della qualità e dell'efficacia delle prestazioni mediche, compresa una maggiore coordinazione e specializzazione negli ospedali.

Secondo l'associazione è poi necessario rafforzare la responsabilità individuale degli assicurati. A tale scopo, propone di aumentare la franchigia minima di base da 300 a 500 franchi e di introdurre una tassa di 50 franchi per i casi minori di emergenza ospedaliera. Infine, chiede anche dei forfait nel settore ambulatoriale.

L'invecchiamento della popolazione rappresenta solo il 20% della crescita dei costi della sanità dal 2012. Secondo santésuisse vi è quindi margine di manovra per arginare l'aumento.

Trasferimento verso l'ambulatoriale

Nel 2017 si è registrata una diminuzione dei costi del 3,1% per persona assicurata nel settore delle prestazioni ospedaliere stazionarie. Un'evoluzione di cui santésuisse si dice soddisfatta.

Tale flessione non dovrebbe però occultare il fatto che dal 2012 i cantoni hanno progressivamente aumentato la loro partecipazione alle spese e che dal 2017 quest'ultima ha raggiunto il 55%, sottolinea l'associazione. Allo stesso tempo, la tendenza al trasferimento delle prestazioni verso il settore ambulatoriale riduce i costi nel campo ospedaliero stazionario. Le spese in questo settore sono tuttavia completamente a carico degli assicuratori. In tale contesto, santésuisse ritiene l'aumento dell'1,4% dei costi di cure ambulatoriali ospedaliere relativamente moderato.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
GI 2 anni fa su tio
Dicasi media.....ergo ci saranno dei +5 e dei +1 = +3.... E' ora di renderla non più "obbligatoria".....che mal sta lamal...
Pepperos 2 anni fa su tio
Tradotto: minori prestazioni obbligatorie Ma non dicono nulla Delle provvigioni pagate per acquistare clienti.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-26 15:03:38 | 91.208.130.86