Keystone
SVIZZERA
10.09.2018 - 23:000

Espulsioni: l'Onu rimprovera la Svizzera

Il caso di un eritreo è al centro del confronto. Amnesty Svizzera esige che la Confederazione vada oltre le regole scritte

BERNA - Un eritreo ha presentato domanda di asilo in Svizzera nel 2015. È venuto nel nostro paese dall’Italia. Secondo il regolamento di Dublino, i richiedenti asilo devono presentare la loro domanda nel paese Schengen in cui sono entrati per la prima volta. La Segreteria di Stato per la migrazione (SEM) ha quindi deciso di trasferire l'uomo in Italia. Il tribunale amministrativo federale si è espresso favorevolmente due volte, ma la persona interessata si è rivolta alle Nazioni Unite. Ora la sua Commissione contro la tortura (CAT) ha affrontato questa decisione giungendo alla conclusione che la Svizzera non ha esaminato sufficientemente la situazione del richiedente. «L'espulsione è disumana», ha dichiarato il CAT.

«La decisione delle Nazioni Unite non è giuridicamente vincolante, ma autorevole», afferma Muriel Trummer, esperta di diritto d'asilo presso Amnesty Switzerland. E indica la strada: «Il CAT ha chiarito che il regolamento di Dublino deve sempre essere applicato in armonia con i diritti umani. Non sta al di sopra di tutto».


Keystone

«La Svizzera deve assumersi la sua responsabilità» - Nel caso in esame, l'eritreo è stato curato in una clinica di Ginevra specializzata per persone che hanno subito torture e per vittime di guerra. Secondo Trummer, che conosce specificamente il caso, l'uomo è gravemente traumatizzato. In Italia non ci sono praticamente posti corrispondenti dove può essere curato. Inoltre, l'eritreo era stato espulso dall’Italia, dove stava per strada. «È difficile ottenere un trattamento specifico per le esperienze traumatiche vissute da senzatetto. Questo porta a grandi sofferenze», afferma Trummer.

Amnesty Svizzera è al momento al corrente di circa 60 casi pendenti nei quali i richiedenti asilo particolarmente vulnerabili devono essere espulsi. Oltre alle vittime di torture, si tratta di madri single, vittime della tratta, malati e anziani. A seguito della decisione del CAT, l'organizzazione chiede alla Svizzera di interrompere le espulsioni e di definire nuove linee guida per trattare i casi dei richiedenti asilo particolarmente vulnerabili. «La Svizzera deve assumersi la sua responsabilità».

La decisione sarà esaminata - Il SEM non ha ancora commentato la decisione dell'ONU e le sue conseguenti implicazioni per la politica svizzera in materia di asilo. Secondo un rapporto dell'Agenzia svizzera per i rifugiati, la Svizzera sta sostanzialmente seguendo le decisioni del Comitato delle Nazioni Unite.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-11 06:09:18 | 91.208.130.86