Tipress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GRECIA / SVIZZERA
39 min
Migranti si fingono una squadra di pallavolo per volare a Zurigo
SVIZZERA/ FRANCIA
2 ore
Svizzero strafatto di LSD sparisce a Disneyland
SVIZZERA
3 ore
«I genitori che lavorano e assistono i figli malati vanno sostenuti»
TURGOVIA
3 ore
Zimmermann condannato per atti sessuali su un 15enne
BERNA
4 ore
Fallimento Thomas Cook: una novantina gli svizzeri interessati
VAUD
5 ore
Pista di ghiaccio a Malley, dopo i lavori spazio all'hockey
SAN GALLO
5 ore
Duemila chilometri in tre giorni, fermato camionista-stacanovista
SVIZZERA / REGNO UNITO
6 ore
Thomas Cook, a Zermatt non piace il "piano Matterhorn"
SVIZZERA
6 ore
Credit Suisse ai dipendenti: «Concentratevi sui clienti, non su Khan»
TURGOVIA
7 ore
Tremila pazienti psichiatrici sottoposti a test con farmaci
ZURIGO
8 ore
Ora parla Swiss Life: «L'offerta di Manor era irrealistica»
SVIZZERA
8 ore
Meno morti e meno feriti sulle strade svizzere
VAUD
8 ore
Il Governo vodese sostiene l'iniziativa per una cassa malati cantonale
SVIZZERA
10 ore
Prima viaggi, poi paghi. Dall'anno prossimo lo si potrà fare
SVIZZERA / BRASILE
10 ore
Evase a Zugo nel 2010, riacciuffato in Brasile
SAN GALLO
08.08.2018 - 12:000

Ricongiungimento anche per chi diventa maggiorenne

Il TAF ha stabilito che il diritto sussiste anche per gli adolescenti che raggiungono la maggiore età nel corso della procedura

SAN GALLO - Il diritto al ricongiungimento familiare sussiste anche quando un adolescente, nel corso della procedura, diventa maggiorenne. Lo ha stabilito con una sentenza il Tribunale amministrativo federale (TAF) di San Gallo modificando la prassi attuale del Tribunale federale (TF). La decisione non è definitiva.

La vicenda riguarda una ragazza originaria del Camerun, intenzionata a raggiungere la madre residente in Vallese. La procedura di ricongiungimento era stata avviata nel 2013 quando la giovane aveva 16 anni. Le autorità cantonali avevano però respinto la richiesta, dato che la donna aveva raggiunto nel frattempo la maggiore età.

Benché questa decisione sia stata in seguito cassata dal Tribunale cantonale, la Segreteria di Stato alla migrazione (SEM) ha ribadito il proprio parere negativo rifiutando un permesso di soggiorno.

Nella sua sentenza a favore del ricorso della madre della giovane, il TAF si rifà alla recente giurisprudenza della Corte europea dei Diritti dell'Uomo secondo cui sussiste un diritto al ricongiungimento familiare sulla base dell'articolo 8 della Convenzione europea dei diritti umani se il bambino/a diventa maggiorenne nel corso della procedura.

Secondo il TAF, la Corte europea dei Diritti dell'Uomo tiene sempre conto della protezione della vita familiare, anche quando i richiedenti hanno raggiunto la maggiore età nel corso della procedura.

Nella loro sentenza, i giudici sangallesi hanno anche fatto valere principi costituzionali quali la sicurezza e la prevedibilità del diritto, il divieto dell'arbitrarietà, la celerità e l'uguaglianza di trattamento. Può infatti accadere che due minorenni con le medesime condizioni di partenza inoltrino una richiesta di ricongiungimento, ma che a causa delle diversa durata delle procedure un giovane possa giungere in Svizzera e l'altro no.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-23 22:59:03 | 91.208.130.89