Keystone
SVIZZERA
03.08.2018 - 16:000

Quasi 3000 allievi in bicicletta a scuola con bike2school

Gli allievi provenienti da Ticino e Romandia erano però solo il 14% del totale

BERNA - Circa 3000 bambini e adolescenti hanno partecipato in primavera all'azione bike2school. Si tratta di una cifra record, indica oggi PRO VELO in un comunicato. Gli allievi provenienti da Ticino e Romandia erano però solo il 14% del totale.

Bike2school, che ha lo scopo di promuovere l'uso della bicicletta come mezzo di trasporto quotidiano, è rivolta agli alunni di tutta la Svizzera a partire dalla quarta elementare. Le classi scolastiche vengono invitate ad utilizzare la bicicletta il più frequentemente possibile per percorrere il tragitto casa-scuola per quattro settimane. In questo modo collezionano punti e chilometri. Le attività parallele, ideate dalle singole scuole, aumentano le possibilità di vincita, spiegano gli organizzatori.

I partecipanti di quest'anno provenivano da 23 cantoni diversi e hanno percorso globalmente 293'000 chilometri in quattro settimane. L'interesse in Ticino e in Romandia rimane scarso, fa notare PRO VELO. Eppure è proprio in queste regioni che il fenomeno dei "genitori-taxi" che accompagnano i figli a scuola in auto è particolarmente diffuso. Nella Svizzera tedesca solo l'11% dei bambini viene accompagnato a scuola, nella Svizzera francese la percentuale sale al 50% e in Ticino addirittura al 63%.

Ci sono però anche comuni che danno il buon esempio a sud della Alpi. Stabio ha elaborato un piano per mettere i sicurezza i tratti pericolosi ed è riuscito a incrementare l'uso della bicicletta da parte degli allievi. Nadia Bianchi, vice direttrice dell'Istituto scolastico Chiasso e vice sindaco di Stabio, sostiene l'azione bike2school e proporrà di partecipare anche in autunno, precisa il comunicato.

Stando alle cifre indicate dal Microcensimento mobilità e trasporti dell'Ufficio federale di statistica (UST), la percentuale di bambini accompagnati a scuola dai genitori-taxi in Svizzera è salita del 40% tra il 2005 e il 2015. I genitori non mandano i figli a scuola a piedi o in bicicletta perché ritengono che il percorso tra casa e scuola non sia sicuro. Con questo comportamento, però, contribuiscono all'aumento del traffico vicino agli edifici scolastici, rendendo il tragitto effettivamente più pericoloso, conclude PRO VELO.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-11 03:10:29 | 91.208.130.89