Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA / RUSSIA
3 min
Maurer e Putin concordano una cooperazione più stretta
Gli argomenti trattati? Relazioni bilaterali, temi economici e impegno politico della Svizzera a favore della pace
FOTO
SVIZZERA
1 ora
Prima di Rytz, le altre candidature "verdi" al Consiglio federale
La prima presentata ufficialmente fu quella di Cécile Bühlmann nel 2000 per subentrare ad Adolf Ogi
SONDAGGIO
BERNA
4 ore
Regula Rytz: «Pronta al Consiglio federale» e "punta" al posto di Cassis
La presidente dei Verdi svizzeri: «Plr? Un partito ampiamente sovrarappresentato» e propone una nuova "formula magica"
SVIZZERA
4 ore
Quel pedofilo recidivo «deve essere internato»
Il Tribunale federale ha accolto un ricorso del Ministero pubblico sangallese: il 60enne resterà internato fino alla fine di maggio del 2020
SVIZZERA
4 ore
Coppie sposate: «No a una soluzione transitoria»
È il parere espresso dal Consiglio federale in risposta a una mozione volta a eliminare la penalizzazione del matrimonio
VAUD
5 ore
Assalti ai furgoni blindati: «Finché sulle strade gireranno certe somme...»
Canton Vaud nel mirino delle bande francesi: Un criminale di Lione fornisce l'identikit del rapinatore tipo: «Ha tra i 28 e i 42 ed ha un passato migratorio e spesso proviene dal Maghreb»
SVIZZERA
7 ore
Lo "Jass del vescovo" va al Governo solettese
Nel tradizionale torneo di carte, i membri dell'esecutivo si sono imposti «al fotofinish» su i rappresentanti della diocesi di Basilea
SVIZZERA
8 ore
Frontalieri, «no» ad una moratoria di 2 anni sulle assunzioni
La misura contrasta con l'Accordo di libera circolazione e il Consiglio federale invita a respingere quanto chiesto dalla mozione di Roger Golay
SVIZZERA
8 ore
Japan Tobacco: accordo tra direzione e personale sugli impieghi a Ginevra
Il produttore di sigarette ha reso noto di aver siglato un'intesa su un nuovo piano sociale per i 268 collaboratori in esubero previsti
BASILEA
19.07.2018 - 00:010

I telefonini hanno effetti negativi sulla memoria dei giovani

È quanto indica uno studio dell'Istituto tropicale e di sanità pubblica svizzero effettuato su 700 giovani in Svizzera

BASILEA - I campi elettromagnetici ad alta frequenza dei telefoni mobili possono avere effetti nefasti sullo sviluppo della memoria in alcune zone del cervello. È quanto indica uno studio dell'Istituto tropicale e di sanità pubblica svizzero (Swiss TPH) effettuato su 700 giovani in Svizzera e pubblicato sulla rivista "Environmental Health Perspectives".

Per il cervello, la principale fonte di esposizione a tali campi elettromagnetici ad alta frequenza è l'utilizzo di telefoni mobili vicini alla testa, ha indicato oggi a Basilea Swiss TPH. Le ricerche condotte finora non avevano permesso conclusioni chiare.

I ricercatori, diretti da Martin Röösli, hanno compiuto un ulteriore passo in questa direzione dopo uno studio pubblicato nel 2015 sulla rivista "Environment International", con un campione raddoppiato e nuove informazioni sull'assorbimento di raggi elettromagnetici da parte del cervello.

Allo studio, battezzato HERMES (Health Effects Related to Mobile phone usE in AdolescentS), hanno partecipato circa 700 studenti svizzerotedeschi fra 12 e 17 anni, i quali sono stati seguiti dai ricercatori per un periodo di un anno grazie ai loro dati individuali, forniti dagli operatori telefonici.

Le conclusioni nello studio effettuato nel 2015 sono state confermate: si è infatti registrato un effetto negativo sullo sviluppo delle prestazioni della "memoria figurativa". Il tutto è stato rilevato con test effettuati a computer con l'aiuto di figure astratte da assemblare.

La memoria figurativa si trova principalmente nell'emisfero destro del cervello e i ricercatori hanno messo in evidenza un calo significativo delle prestazioni presso i giovani che utilizzano il telefonino all'orecchio destro. Ciò tende a indicare che la dose di irraggiamento elettromagnetico assorbita è responsabile degli effetti osservati, rileva Röösli, citato nel comunicato.

A titolo di comparazione, inviare messaggi, giocare o navigare su internet provoca un'irradiazione "modesta" del cervello e non vi sono legami evidenti con lo sviluppo della memoria. I giovani hanno partecipato anche a test di memoria verbale, senza risultati significativi.

Per i ricercatori, tuttavia, sono necessari studi supplementari, in particolare per escludere altri fattori come la pubertà. Ciò può infatti avere un'influenza non solo sull'utilizzo del telefonino, ma anche sul comportamento e le capacità cognitive dei giovani.

Röösli suggerisce dunque di ridurre i potenziali rischi utilizzando auricolari, cuffiette o altoparlanti, in particolare quando la ricezione non è buona e la carica di batteria del telefono è al massimo.

I lavori, sostenuti dal Fondo nazionale svizzero, sono stati realizzati in collaborazione con il progetto europeo definito GERoNiMO (eneralized Electromagnetic Fields Research using Novel Methods), che studia l'influenza dei campi elettromagnetici ad alta frequenza sulla salute.

Commenti
 
F/A-18 1 anno fa su tio
Strumento degenerativo per il cervello, è la droga dei nostri tempi, chi non vuole scollarsi da una vita sana ne faccia uso con parsimonia. Cordiali saluti. Dottor Asctodadio.
GI 1 anno fa su tio
e non solo.....
Lourmarin 1 anno fa su tio
Ovviamente senza uno studio che le comprOvi certe cose non si possono affermare. .. ma la cosa mi sembra ormai ovvia da anni anche senza lo studio. I giovani coi genitori complici delegano tutta la loro memoria al cellulare. Il mondo della dittatura tecnologica del romanzo e film 1984 si è ormai realizzato
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-21 18:33:05 | 91.208.130.86