tipress (archivio)
VAUD
18.05.2018 - 15:010

Le FFS non devono pagare le spese dei pompieri dopo i suicidi  

Il Tribunale federale ha annullato una decisione della giustizia zurighese ritenendola arbitraria

LOSANNA - Le FFS non sono tenute a prendere a carico le spese per l'intervento dei pompieri in caso di suicidi sui binari. Il Tribunale federale (TF) ha annullato una decisione della giustizia zurighese ritenendola arbitraria.

Durante un'udienza pubblica odierna, i giudici supremi hanno accettato il ricorso dell'ex regia federale contro la presa a carico di 11'600 franchi comminatale dalla giustizia amministrativa del canton Zurigo. La somma era dovuta all'intervento dei pompieri di Affoltern am Albis (ZH) nel caso di un suicidio.

Nel luglio 2014, i pompieri avevano messo in sicurezza la zona durante le operazioni di polizia e di rimozione del corpo, gestendo il traffico e proteggendo il cadavere dalla vista dei passanti.

I costi dell'intervento, fissati a 14'500 franchi, erano stati fatturati alle FFS. Dopo il ricorso di quest'ultima, la somma era stata ridotta a 11'600 franchi.

La giustizia zurighese si basava sulla legge cantonale sulla polizia del fuoco, la quale prevede che le spese di intervento in caso di incidente siano a carico del proprietario del veicolo. Il TF ritiene tuttavia arbitraria l'applicazione di tale regola in caso di suicidio.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-08 11:55:30 | 91.208.130.86