fotolia
ULTIME NOTIZIE Svizzera
VALLESE
1 ora
Cede un cornicione di neve: morta una guida alpina
L'incidente si è verificato in Vallese. La vittima è un 56enne della regione
SVIZZERA
3 ore
Beny Steinmetz condannato a cinque anni di carcere
Il magnate è stato riconosciuto colpevole di corruzione di pubblici ufficiali stranieri in Guinea e falsità in documenti
SVIZZERA
3 ore
Il lockdown pesa sui conti di Amag
Complessivamente sono state vendute 71'290 auto, oltre a 8315 altri veicoli
SVIZZERA
3 ore
Miliardario vaccinato: Hirslanden si scusa coi cittadini
Il CEO in una lettera: «Abbiamo sottovalutato il potere simbolico della somministrazione a un paziente facoltoso»
SVIZZERA
3 ore
Politecnici obbligati a lanciare una campagna contro le molestie
A Zurigo erano già stati presi provvedimenti in merito
SVIZZERA
3 ore
I piloti Edelweiss accettano le misure di risparmio
La filiale di Swiss potrà risparmiare fino al 20% sul monte stipendi per il personale della cabina di pilotaggio
SVIZZERA
3 ore
Test per gli asintomatici? Li pagherà la Confederazione
Il Consiglio federale propone che i cantoni effettuino test preventivi nelle cerchie di persone a rischio
SVIZZERA
4 ore
Le nuove varianti sono sempre più diffuse in Svizzera
Oggi le autorità sanitarie federali sono a conoscenza di 674 casi (ieri erano 582)
SVIZZERA
5 ore
Il 4% delle reclute è positivo al coronavirus
Tutti i giovani che negli scorsi giorni sono entrati in servizio sono stati sottoposti al test
SVIZZERA
5 ore
La task force Covid-19 cambia pelle
Ci sono state una dozzina di dimissioni da quando l'organo è stato istituito nel marzo 2020
SVIZZERA
08.04.2018 - 15:510

Cresce l'ostilità antimusulmana

Il Rapporto 2017 redatto dalla Commissione federale contro il razzismo mostra come gli episodi di discriminazione in Svizzera siano quanto mai diffusi

BERNA - In Svizzera l'anno scorso si sono registrati 301 casi accertati dalla Rete di consulenza per le vittime del razzismo, contro i 199 del 2016. Oltre un terzo riguardano forme di xenofobia in generale. Seguono gli episodi di discriminazione nei confronti dei neri e quelli di ostilità antimusulmana.

È quanto emerge dal Rapporto 2017 redatto dalla Commissione federale contro il razzismo. La pubblicazione era prevista per domani ma diversi domenicali ne hanno anticipato oggi il contenuto.

Le maggiori forme di intolleranza sono state la xenofobia (112 casi segnalati, il 37% del totale), seppure sia in calo di 10 punti percentuali rispetto all'anno precedente, così come il razzismo nei confronti dei neri (95; 32%; -3 punti). In aumento invece l'ostilità antimusulmana (54; 18%; +2 punti).

Come già negli scorsi anni, anche nel 2017 le persone di origine africana sono state quelle più prese di mira (98), si legge nel rapporto. In seconda posizione vi sono gli individui di origine europea (88), tra cui quelli provenienti da Paesi dell'Unione europea, dai Balcani e dalla Turchia. Tra di loro figurano però anche numerosi cittadini svizzeri (60) percepiti come stranieri e discriminati a causa del loro aspetto. Vi è stato poi un aumento di cittadini eritrei vittime di discriminazioni razziali che si sono rivolti a un consultorio (24).

Di norma, i consultori della Rete di consulenza vengono interpellati più spesso da persone in possesso di un passaporto svizzero o con uno status di soggiorno consolidato rispetto a richiedenti asilo, ammessi provvisoriamente o sans-papiers.

Gli ambiti in cui è avvenuto il maggior numero di discriminazioni sono il posto di lavoro (43; 14%), seppur in diminuzione di 3 punti percentuali rispetto al 2016, e la scuola o una struttura di custodia collettiva diurna (42; 14%), in aumento di 3 punti percentuali. Molti episodi si sono registrati però anche negli spazi pubblici (38; 13%), in calo di 4 punti, nell'amministrazione statale (23; 7%), in discesa di 1 punto, e nella polizia (25; 8%; -2).

La maggior forma di esclusione censita è stata la disparità di trattamento (107; 36%), in crescita di 7 punti percentuali, seguita dalle umiliazioni (62; 21%), in rialzo di 1 punto. Molte vittime hanno subito ingiurie (93; 31%), in calo di 12 punti, o calunnie e denunce mendaci (38; 13%), in salita di 3 punti. Per quanto riguarda la violenza, gli attacchi all'integrità fisica la fanno ancora da padroni con 19 casi (6%), ma sono in calo (-2 punti) rispetto al 2016.

Nella maggioranza delle situazioni (192) sono state le stesse vittime a rivolgersi a uno dei 27 consultori attivi a livello nazionale, tra cui il Centro Ascolto Razzismo e Discriminazione (Cardis) di Viganello, soprattutto per telefono (159). I servizi forniti sono stati perlopiù consulenza psicosociale (138), informazione (127) e consulenza legale (121).

Le vittime di discriminazione razziale che si sono rivolte a uno dei consultori della Rete nel 2017 appartenevano soprattutto alla fascia di età dai 26 a 65 anni, mentre non si è registrata una gran differenza tra il numero di uomini (126) e donne (119).

Il rapporto rende comunque attenti che il maggior numero di casi non significa necessariamente che il razzismo sia cresciuto in uguale misura nella società. Tra i possibili motivi all'origine di questa evoluzione vi sono una maggiore sensibilizzazione delle vittime o un migliore accesso ai consultori. Bisogna tuttavia considerare che visto il numero elevato di "casi sommersi" si può presumere che la maggior parte degli episodi non venga segnalata. Tale rapporto non ha quindi "alcuna pretesa di esaustività".


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-22 21:23:08 | 91.208.130.89