Keystone
BERNA
28.03.2018 - 10:280

Cassa malati, aumenta la franchigia

Il Consiglio federale ha mandato al Parlamento un messaggio in questo senso. La frequenza degli incrementi sarà variabile in funzione dell’aumento dei costi

L’importo della franchigia è adeguato all’evoluzione dei costi dell’assicurazione obbligatoria
BERNA - L’importo della franchigia deve essere adeguato all’evoluzione dei costi dell’assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie (AOMS). Nella sua seduta del 28 marzo 2018 il Consiglio federale ha deciso di trasmettere al Parlamento un messaggio in questo senso, adempiendo una mozione adottata dalle due Camere.

Dal 1996 i premi dell’assicurazione malattie sono più che raddoppiati, mentre i salari e le rendite non hanno potuto tenere il passo con questo aumento. In questo contesto il Parlamento ha accolto alla fine del 2016 una mozione del consigliere agli stati Ivo Bischofsberger (15.4157) che incarica il Consiglio federale di modificare la legge sull’assicurazione malattie (LAMal) per adeguare l’importo delle franchigie all’evoluzione dei costi dell’AOMS.

Il Consiglio federale propone di aumentare di 50 franchi tutte le franchigie degli assicurati adulti quando i costi superano una certa soglia. La frequenza degli aumenti sarà quindi variabile in funzione dell’aumento dei costi. A seguito del nuovo sistema di calcolo tutti gli assicurati adulti dovranno partecipare in modo più marcato ai costi.

La mozione intende rafforzare la responsabilità individuale degli assicurati nel ricorso a prestazioni mediche e limitare l’aumento dei costi della sanità e quindi dei premi.

Commenti
 
nordico 1 anno fa su tio
La sanità è un grosso affare, perchè gestito bene da poche persone (gli attori) e sopportato male da chi deve obbligatoriamente pagare. Aumentare le franchige non risolve il problema generale dei costi in quanto, appena superata la soglia, le spese vanno fuori controllo. Tendenzialmente vedremo quindi nella seconda parte dell'anno esplodere i costi. Il nostro sistema sanitario va riformato partendo da zero, non mettendo qua e là qualche cerottino.
francox 1 anno fa su tio
La sanità sta diventando come tutto il resto, a due velocità. Chi dai premi assicurativi ci guadagna, non ha nessun problema nel pagarsi un medico o uno specialista, mentre tutti gli altri servono solo a riempir loro le tasche. E se come scritto sotto ci scappa il morto perché molta gente non può permettersi l'assicurazione, ai cittadini di serie A non frega proprio niente. Questa è la globalizzazione vista da un paese che aveva una buona distribuzione della ricchezza ma che ora non l'ha più.
siska 1 anno fa su tio
@francox Ciao francox, il tuo post é spiegato ancor meglio, verissimo quello che dici é la realtà che andrà realizzandosi ancor di più Ciao
siska 1 anno fa su tio
Il bubbone sulla grave malattia che si sta insinuando con la denominazione casse malati prima o poi scoppierà. Andare avanti così porterà molto male non solo a poche persone ma si allargherà a macchia d'olio. Dopo quando ci cascherà il morto cominceranno a chiedersi come mai, il filo é talmente sottile che fra non molto si romperà. Sto riflettendo se e non.
madras 1 anno fa su tio
Scherzi a parte è ora che il popolo Svizzero si metta tutto ma dico tutto d'accordo per una cassa malati unica e che i cantoni adeguino i prezzi delle prestazioni a livello Federale.
MIM 1 anno fa su tio
@madras Votazione già proposta e bocciata. Inutile insistere su questa via impraticabile. Molti di quelli che hanno bocciato la votazione davano come motivazione (me compreso) di preferire una CM Cantonale o federale in concorrenza con quelle private.
madras 1 anno fa su tio
E quindi avremo più persone morte, perché non avendo i soldi per pagare franchigie alte. Non andranno dal medico e quindi addio fichi.
gluvi 1 anno fa su tio
CASSA MALATI UNICA ..... SOLUZIONE
miba 1 anno fa su tio
@gluvi Esatto! Già il solo fatto che un'assicurazione sociale sia gestita al 100% da assicuratori privati è una campana stonata (alias gnam gnam)
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-15 22:06:41 | 91.208.130.86