Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FRIBURGO / APPENZELLO ESTERNO
16 ore
Liquami nei torrenti, maxi moria di pesci
FRIBURGO / VAUD
16 ore
La barca si capovolge, nuotano oltre un'ora per raggiungere la riva
VAUD
17 ore
La polizia passa all'azione e sloggia i manifestanti
GRIGIONI
18 ore
Violento scontro, conducenti feriti e furgoni distrutti
BERNA
18 ore
L'impresa estrema di 4 ricercatori in spedizione nell'Artico
SVIZZERA
18 ore
UBS e Credit Suisse, un topmanager sarebbe stato pedinato
SVIZZERA / STATI UNITI
18 ore
In vigore la convenzione contro le doppie imposizioni
NEUCHÂTEL
19 ore
Trovato un cadavere vicino ad una scuola
SOLETTA
19 ore
La maggioranza degli svizzeri si fida delle centrali nucleari
BASILEA CITTÀ
19 ore
L’autista dello scuolabus picchia il bambino di 9 anni
ZURIGO
21 ore
Scritte contro Erdogan, la giustizia svizzera sconfessa la Turchia
SVIZZERA
21 ore
Siamo sempre più spaventati, xenofobi e un po’ omofobi
SOLETTA
21 ore
Bimba cade da cavallo e perde la vita
SVIZZERA
22 ore
«Tassare al 90% i capitali oltre i 2 miliardi»
SAN GALLO
22 ore
Poliziotto si spara alla gamba durante un'esercitazione
GINEVRA
26.03.2018 - 14:520

Rimandata a casa dalla maternità, partorisce in taxi

Una donna di 33 anni ha dato alla luce il suo terzogenito nel tragitto tra casa e ospedale. «Non mi hanno ricoverato nonostante perdessi sangue e provassi un dolore tremendo»

GINEVRA - Il parto era previsto per la settimana successiva. Per questo motivo una donna di 33 anni, domenica 11 marzo, è stata rimandata a casa dal reparto maternità dell’ospedale universitario di Ginevra (HUG). Ma appena tornata a casa ecco la sorpresa: alla donna si rompono improvvisamente le acque e partorisce nel taxi che la stava nuovamente accompagnando in ospedale.

La vicenda, raccontata dalla “Tribune de Genève”, era iniziata la notte precedente quando la 33enne inizia ad accusare i primi sintomi di malessere collegati all’imminente parto. Dopo aver chiamato l’ospedale, i dolori si intensificano e lei e suo marito si precipitano al reparto maternità, dove, però, le levatrici garantiscono alla coppia che il bimbo non sarebbe nato prima di una settimana. «Quando ho dato alla luce il mio primogenito all’ospedale Santa Cruz sono stata ricoverata per due giorni. Qui, nonostante perdessi sangue e provassi un dolore tremendo, mi hanno rimandata a casa», confida la madre al giornale ginevrino.

Poco dopo il ritorno a casa, alla 33enne si rompono le acque. Il piccolo Julien viene al mondo sul sedile posteriore del taxi poco prima di giungere in ospedale. Giunti all’HUG, la madre viene subito ricoverata per un’emorragia e per l’espulsione della placenta. Il bimbo, da parte sua, sta bene.

La madre deplora il comportamento dei dipendenti ospedalieri. «Non mi hanno dato alcun sostegno psicologico. Anzi. Tutti discutevano divertiti di quel bèbè nato sul taxi».

Nicolas De Saussure, il portavoce dell’istituto, assicura che «questi casi sono estremamente rari, soprattutto se la madre ha già contattato il reparto maternità». Se il travaglio non è ancora iniziato, una donna può essere rimandata a casa, ma solo con il suo consenso.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-21 09:40:17 | 91.208.130.87