keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
11 ore
Cocaina "liquida" nel bagaglio a mano
Un 46enne cittadino russo è stato intercettato allo scalo zurighese con la droga sciolta in due bottiglie di whisky
SONDAGGIO
SVIZZERA
12 ore
La Svizzera come l'Irlanda: «Sigarette a quindici euro»
Le associazioni attive nella prevenzione suggeriscono di prendere spunto dall'esempio estero
SVIZZERA
12 ore
Manifestazioni in diverse città svizzere
Proteste contro i provvedimenti anti-Covid. Ma a Berna è sceso in piazza il fronte opposto
SVIZZERA
12 ore
La panne ha messo k.o. soprattutto i certificati esteri
Il guasto si è verificato durante alcuni lavori di manutenzione da parte dei tecnici dell'Ue
FOTO
LUCERNA
13 ore
Festa federale di tiro, spara anche Viola Amherd
La consigliera federale ha preso parte alla giornata conclusiva dell'evento a Lucerna
SVIZZERA
14 ore
I Verdi in Consiglio federale «per fare la differenza»
Il partito ribadisce la rivendicazione del seggio, a spese del PLR
SVIZZERA
15 ore
I Verdi liberali puntano al Governo federale
Lo ha affermato il presidente Jürg Grossen nell'ambito dell'odierna assemblea dei delegati
Svizzera
15 ore
Consenso presunto nella donazione degli organi, lanciato un referendum
La decisione è stata presa in Parlamento poche settimane fa. I referendari: «è necessario che la popolazione si esprima»
BERNA
16 ore
Rissa a Berna, un ferito grave
Sarebbe stato aggredito da uno sconosciuto, secondo la polizia
SVIZZERA
16 ore
La Svizzera esclusa (in parte) dal turismo asiatico
Swiss non può volare a Singapore. Il motivo: non ci sono ancora abbastanza cittadini con due dosi di vaccino
BERNA
21.03.2018 - 12:350

Le trasmissioni in differita finiscono in tribunale

Il nodo della questione è legato alla diminuzione degli introiti pubblicitari

BERNA - Finisce in tribunale una disputa sorta attorno all'offerta replay garantita dai distributori di canali televisivi, che consente di vedere in differita programmi già trasmessi.

La comunità di interessi Radio e Televisione (IRF), che riunisce la SSR, le emittenti private svizzere e le principali emittenti straniere i cui programmi possono essere ricevuti in Svizzera, si è infatti rivolta al Tribunale amministrativo federale. La IRF contesta in particolare la tariffa che disciplina le offerte televisive in differita decisa in febbraio dalla Commissione arbitrale federale, senza che alle emittenti TV siano stati concessi "diritti di parte". Tale tariffa, secondo i ricorrenti, "osteggia in misura consistente i diritti delle emittenti televisive commerciali" che per via della modalità replay "registrano significative perdite negli introiti pubblicitari".

La fruizione della TV in modalità differita cresce rapidamente e sostituisce la fruizione della televisione lineare, afferma la IRS. Ne traggono tuttavia vantaggio non le emittenti, quanto piuttosto gli operatori di servizi TV quali UPC, Sunrise e Swisscom, che offrono la funzione replay come parte delle loro offerte a pagamento e che versano alle emittenti solo una somma minima fissata dalla tariffa contestata.

Il nodo della questione è che i distributori di servizi TV "possono offrire più di 50‘000 ore di programmazione in differita a fronte di un pagamento alle Società di gestione di soli 1,50 franchi per abbonato e mese (a breve si dovrebbe passare a 1,60 franchi) e possono perfino commercializzare pubblicità propria".

Gli utenti che guardano la TV in differita saltano la pubblicità in misura del 60-80%. In questo modo le emittenti che si finanziano con la pubblicità nel 2017 hanno perso introiti pubblicitari per oltre 100 milioni di franchi. Per il 2018 è previsto un danno di 140 milioni. I versamenti garantiti dalla tariffa, la cosiddetta TC 12, sono peraltro irrisori: nel 2016 le emittenti hanno ricevuto 7,6 milioni di franchi.

Per permettere la sopravvivenza delle emittenti commerciali, scrive la IRF in un comunicato, occorre creare "condizioni giuste ed eque". Le emittenti devono diventare parte delle negoziazioni relative alla TC 12 per poter direttamente negoziare le condizioni quadro della televisione in differita con gli operatori di servizi TV e le Società di gestione. La TC 12 deve inoltre essere migliorata in modo da compensare o impedire le perdite di gettito tramite adeguati provvedimenti di carattere tecnico. Secondo la IRF "occorre implementare nuove norme di legge che garantiscano l'esistenza della televisione in chiaro. La situazione attuale compromette fortemente la pluralità dei media in Svizzera".

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
francox 3 anni fa su tio
Io le pubblicità non le guardavo in passato registrando i programmi. Non le guardo ora con le trasmissioni in differita così come non le guardano i miei figli con Netflix e altri sistemi. Qualsiasi boiata si inventeranno non le guarderò mai più, esattamente come farà tanta gente che si è disintossicata da quelle stronzate. Piuttosto pago o ricomincio a registrare.
Thor61 3 anni fa su tio
Personalmente se non potessi vedere un programma in differita o registrato semplicemente NON LO VEDREI, dove sia il problema lo sanno solo loro, poi non è sempre vero che si salti la pubblicità. spesso la lascio andare per fare altro, ma non vado avanti veloce. Tradotto è un falso problema, ma sarà una nuova tassa da far pagare ancora per andare a recupero della riduzione del canone? Secondo me SI ;o((((
prophet 3 anni fa su tio
E' un NON problema...perché allora dovrebbero contestare ogni e qualsiasi mezzo di registrazione...io registro le serie TV che mi interessano e poi le guardo...saltando le pubblicità...sostanzialmente la stessa cosa...
matteo2006 3 anni fa su tio
E via che ripartono all'attacco alla ricerca di soldi, se non li prendono da una tasca sarà dall'altra ma i pantaloni sono sempre i miei da cui si attinge! Paghiamo per mantenere uffici che continuano a chiederci sempre più soldi per i più disparati motivi, e state freschi che cablecom swisscom e sunrise non abbasseranno i loro introiti ma saremo noi a dover compensare.
MIM 3 anni fa su tio
@matteo2006 UPC mi costa meno che billag, e non sono obbligato a pagarla.
Thor61 3 anni fa su tio
@matteo2006 Come avevo previsto prima della votazione! Se non fosse passato il referendum "Loro" (SSR e CF) sarebbero passati da noi per compensansare la "Riduzione" e, questa è solo una prima e frettolosa (Sono passati solo pochi giorni dalla votazione) esplorazione, poi troveranno altro ancora fidatevi!

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-17 05:17:17 | 91.208.130.89