Tipress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SAN GALLO
3 ore
Auto contro un Piranha dell'esercito
I dieci militari sono rimasti illesi, mentre l'85 a bordo del veicolo è stata trasportata in ospedale in gravi condizioni
SVIZZERA
5 ore
L'invecchiamento rallenta il benessere
Quando la generazione del baby boom andrà in pensione, gli over 65 passeranno dal 30% del 2017 al 48% del 2045
SVIZZERA
6 ore
Franchigie alte «anche per chi guadagna poco»
Luce verde della Commissione della sicurezza sociale del Nazionale per un'iniziativa di Philippe Nantermord
SVIZZERA
6 ore
Canapa ricreativa, studi «non auspicabili»
La Commissione della sicurezza sociale e della sanità del Nazionale ha respinto il progetto di un articolo sulla sperimentazione nella legge sugli stupefacenti
BERNA
6 ore
«L'economia svizzera rallenterà»
Ne hanno preso atto i partiti di governo (Udc, Plr, Ppd e Ps) in un incontro tenutosi oggi nella capitale
SVIZZERA
6 ore
AVS, l'USS rivendica la tredicesima mensilità
L'Unione sindacale svizzera ha lanciato oggi un'iniziativa popolare
BASILEA
7 ore
Roche rileva l'americana Promedior per 390 milioni di dollari in contanti
Sono previsti anche pagamenti fino a un miliardo di dollari che dipenderanno dai progressi nello sviluppo e nell'approvazione di nuovi farmaci
SVIZZERA
8 ore
Nessun "effetto Greta", gli svizzeri volano in vacanza
Kuoni, Hotelplan, ITS Coop Travel e Knecht Reisen confermano il trend. E sono ancora molto poche le compensazioni di CO2 tramite Myclimate
VIDEO
BERNA
8 ore
Il video della tempesta di neve che ha bloccato 200 persone
Venti a 180 chilometri orari. Il racconto di chi si è trovato nella tormenta
SVIZZERA
10 ore
Ex allenatore di Swiss-Ski diventa CEO di un aeroporto
Martin Rufener torna nel mondo dell'aviazione
FOTO
LUCERNA
11 ore
La tettoia finisce sui binari e il treno la centra
L'incidente si è verificato questa mattina a Escholzmatt. La causa potrebbe essere il forte vento che soffiava sulla regione
BERNA
12.03.2018 - 16:040
Aggiornamento : 17:42

AutoPostale: il Governo «pronto a far chiarezza»

Il procedimento penale aperto dall'Ufficio federale di polizia parte dal 2007. Il tema sarà discusso dal Parlamento mercoledì

BERNA - Non accennano a placarsi le critiche e gli interrogativi sollevati dallo scandalo delle manipolazioni contabili presso AutoPostale. Messo sotto pressione dall'insieme dei partiti, il Consiglio federale ha fornito oggi alcuni elementi chiarificatori, dicendosi pronto a fare piena luce su tutte le aziende sovvenzionate. Il Parlamento ne discuterà mercoledì.

Rispondendo a una serie di interpellanze urgenti di PS, UDC, PLR, PPD, Verdi, PVL e PBD, il governo ha precisato che l'Ufficio federale di polizia (fedpol) ha aperto un procedimento penale contro AutoPostale il 2 marzo, dal quale potrebbero scaturire multe o sanzioni pecuniarie.

Il procedimento parte dal 2007 e non ha limiti temporali, ha precisato la ministra dei trasporti Doris Leuthard al Nazionale durante l'"ora delle domande". Non si ferma quindi al 2015, come annunciato in un primo tempo dal governo. Per il 2016 e 2017, l'Ufficio federale dei trasporti (UFT) deve tuttavia ancora valutare se siano state versate sovvenzioni indebitamente, ha specificato rispondendo a Olivier Feller PLR/VD). Nessun contratto di prestazione né indennizzo è stato invece firmato per il periodo 2018/2019.

Parallelamente La Posta ha incaricato lo studio di avvocati Kellerhals Carrard ed esperti contabili di d'Ernst & Young di condurre un'inchiesta esterna. Un comitato di tre esperti dovrebbe garantire l'indipendenza della stessa. Anche in Francia sono in corso procedimenti giudiziari.

In vista dell'Assemblea generale 2018 della Posta Svizzera SA, è previsto di nominare un esperto o istituire un controllo speciale in particolare per quanto riguarda i conti 2017 e il discarico da concedere al consiglio di amministrazione.

La cronologia - Interrogato sulla cronologia dello scandalo, il Consiglio federale ha indicato che dubbi sono emersi dopo che AutoPostale è stata ristrutturata in subholding, sin dal suo primo esercizio contabile 2016. Secondo il rapporto di revisione dell'UFT del 6 febbraio scorso, la Posta ha fornito diversi documenti, ma in un primo tempo si è rifiutata di consentire l'accesso a quelli delle società del gruppo.

Solo dopo un incontro ai vertici fra Susanne Ruoff e l'UFT, all'inizio di settembre del 2017, si è messa a completa disposizione dei revisori. Soltanto da quel momento l'ufficio federale ha potuto disporre di indizi sull'ampiezza delle irregolarità. Il 2 novembre 2017 l'UFT ha informato il Controllo federale delle finanze, il quale ha informato il Consiglio federale.

Le altre aziende - Oltre ad AutoPostale, altre aziende di trasporto ricevono sovvenzioni. L'UFT ha inviato loro una missiva a fine febbraio affinché controllino i loro conti e confermino per iscritto che tutto è conforme alle disposizioni legali. In caso contrario la Confederazione non firmerà con loro contratti per gli anni 2018/2019.

Nel 2013, l'UFT ha sottoposto a perizia la procedura di ordinazione nel trasporto regionale di viaggiatori. Da questa sono emersi ritardi nella definizione del finanziamento di alcune offerte, la complessità delle interfacce procedurali e l'assenza di incentivi volti ad aumentare ulteriormente l'efficienza. Una decisione di indirizzo da parte della Confederazione e dei Cantoni è attesa per metà 2018, ha precisato il governo.

Conflitti d'interesse - Il Consiglio federale ha pure ammesso l'esistenza di conflitti d'interesse nel settore delle aziende pubbliche. Ha però ricordato che ci sono disposizioni per limitarli: la Confederazione separa chiaramente i suoi ruoli di proprietario, autorità di regolazione e sorveglianza del mercato, così come di mandatario o fornitore di servizi.

Tuttavia, a causa delle irregolarità rilevate presso AutoPostale, l'esecutivo è disposto a esaminare una separazione fra controllo delle sovvenzioni e sorveglianza del mercato.

Il governo è anche cosciente della concorrenza potenziale che le imprese statali possono presentare per il settore privato. Se volessimo eliminare completamente questo rischio, bisognerebbe arrivare a una privatizzazione completa, una soluzione che il governo ritiene troppo radicale. Secondo il Consiglio federale, l'attuale separazione dei ruoli è conforme alle norme internazionali.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-15 22:50:28 | 91.208.130.86