Keystone
BERNA
02.03.2018 - 12:030

Nuove regole per poker, lotterie e giochi online

Per le scommesse sportive locali, la singola giocata non potrà eccedere i 200 franchi e la somma totale i 200 mila franchi

BERNA - In futuro sarà possibile organizzare piccoli tornei di poker fuori dalla case da gioco purché l'importo massimo della singola posta di partenza non ecceda i 200 franchi e la somma totale delle giocate non superi i 20 mila franchi. È quanto prevedono le ordinanze sulle case da gioco adottate oggi dal Consiglio federale e inviate in consultazione.

Nelle ordinanze si precisa che i giochi in denaro nella cerchia familiare o amicale continuano a non necessitare di un'autorizzazione, purché le poste e le possibilità di vincita siano ridotte e vi partecipi un numero di giocatori limitato, precisa una nota odierna del Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP).

L'ordinanza regola anche le piccole lotterie, le scommesse sportive locali. Per le piccole lotterie, la singola posta non potrà superare i 10 franchi e la somma totale delle giocate i 100 mila franchi. Ciascun organizzatore è autorizzato a proporre al massimo due piccole lotterie all’anno.

Per le scommesse sportive locali, la singola giocata non potrà eccedere i 200 franchi e la somma totale i 200 mila franchi. Per organizzatore e luogo d’organizzazione sono autorizzate scommesse sportive per al massimo 10 giorni all’anno. Le scommesse possono riguardare al massimo 10 eventi sportivi al giorno.

Per proteggere i giocatori dal gioco eccessivo, nell'ordinanza sui giochi in denaro il governo propone, in particolare, misure di protezione per i giochi online per individuare tempestivamente i giocatori a rischio.

L'ordinanza precisa anche con quali strumenti s'intende contrastare la manipolazione di competizioni sportive. A tal fine verrà istituita una piattaforma nazionale. In qualità di organo centrale d'informazione garantirà una verifica regolare dei sospetti fondati.

Approvando oggi le ordinanze di applicazione, sottolinea il DFGP, l'esecutivo vuole chiarire diversi aspetti sui quesiti rimasti aperti prima che nel giugno prossimo il Popolo si esprima in votazione sul referendum lanciato contro la nuova Legge sui giochi in denaro.

La nuova legge sui giochi in denaro, approvata dal Parlamento l'anno scorso, attua l'articolo costituzionale sui giochi in denaro approvato dal Popolo nel 2012. La legge riunisce in un unico atto normativo l'attuale legge sulle case da gioco e la legge federale concernente le lotterie e le scommesse. I giochi da casinò, le lotterie e le scommesse sportive continueranno anche in futuro a necessitare di un'autorizzazione. Vengono ora ammessi i giochi proposti online come la roulette o il poker.

Secondo il comitato referendario composto da Giovani PLR, Giovani Verdi Liberali e Giovani UDC, mediante tale legge si accetta la censura su Internet e l'isolamento digitale. In effetti, la legge prevede un blocco generalizzato degli accessi a pagine straniere di giochi online in denaro per meglio proteggere gli utenti e favorire i gestori di strutture legali basate in Svizzera.

Permettendo inoltre ai casinò svizzeri di proporre giochi anche sul web, secondo il comitato promotore la normativa ha come obiettivo di proteggere le case da gioco in Svizzera e i rispettivi interessi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-07 02:51:02 | 91.208.130.85