keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
40 min
Migros richiama i suoi "Tondelli di riso integrale"
È stata riscontrata la presenza di latte. Chi non è allergico può consumarli senza problemi.
SVIZZERA
50 min
Coronavirus: contagi stabili in Svizzera
Dall'inizio dell'emergenza i casi positivi registrati sono 32'798, mentre i morti restano 1'686
BASILEA CAMPAGNA
1 ora
Uomo barricato in casa minaccia di aprire il fuoco
Dopo quasi quattro ore, una quarantina di agenti ha fatto irruzione nell'appartamento. Il 41enne è stato bloccato.
SVIZZERA
1 ora
Temporali e forti venti a nord delle Alpi
Tanta pioggia e grandine nella notte: particolarmente colpito il canton Svitto.
GRIGIONI
2 ore
Bimbo positivo, diciotto in quarantena
Il piccolo stava frequentando un campo di vacanza diurno a Zuoz.
SVIZZERA
3 ore
Credit Suisse, risolta la controversia americana
La seconda banca elvetica pagherà 15.5 milioni di dollari per risolvere la vicenda.
ZURIGO
3 ore
Altro superspreader in discoteca
Diverse persone che hanno trascorso la notte del 27 giugno al Club Jade si sono successivamente ammalate di coronavirus.
SVIZZERA
5 ore
Democrazia digitale: Amnesty & Co. fanno chiarezza su SwissCovid
Diverse ONG hanno unito le forze per informare sul contact tracing attraverso un portale online
SVIZZERA
15 ore
Immigrazione moderata: gli svizzeri all'estero dicono «no»
Il CSE raccomandata di votare contro all'iniziativa UDC
SVIZZERA
18 ore
La Champions nei bar è a rischio di denuncia
Dalla stagione 2021/22 le partite saranno su pay tv. Ma la diffusione di Teleclub negli esercizi pubblici è illegale
FRIBURGO
18 ore
Un anno senza “désalpes”
A causa del coronavirus sono state annullate le tre note manifestazioni nel Canton Friburgo
BERNA
18 ore
Bimbo in monopattino investito da un'auto: è grave
Stava attraversando la strada sulle strisce pedonali a Matten bei Interlaken, nel Canton Berna
VAUD
21 ore
A Morges sospeso il bike sharing a causa dei vandalismi
Si parla di danni per decine migliaia di franchi, almeno 300 bici danneggiate, PubliBike: «Comportamento inspiegabile
FRIBURGO
22 ore
Incidente mortale a Marly
Deceduto l'automobilista 79enne. Un pedone è rimasto leggermente ferito
BERNA
23.02.2018 - 16:200

Annunci pubblicitari nella media per "No Billag"

Complessivamente, 196 annunci sono stati per un "no" all'iniziativa e 96 per un "sì"

BERNA - Il numero di annunci pubblicitari pubblicati nei giornali sull'iniziativa "No Billag" è nella media. Si constata tuttavia una netta differenza a livello regionale: le inserzioni riguardano soprattutto le zone delle minoranze linguistiche.

Fino al 21 febbraio, 11 giorni prima del voto del 4 marzo, sono stati pubblicati 310 annunci nei 52 mezzi stampa esaminati, contro la media di 282 per le 48 campagne di votazioni federali osservate dal 2013. È quanto rivela uno studio pubblicato oggi da Année politique suisse (APS), un dipartimento dell'Istituto di scienze politiche dell'Università di Berna.

Se fin'ora vi è stata una campagna relativamente tiepida a livello di annunci, l'intensità è risultata più elevata nelle redazioni sui cosiddetti social media. La propaganda è iniziata piuttosto presto ed è stata caratterizzata da numerosi articoli redazionali nonché da dibattiti virulenti su reti sociali come ad esempio Twitter, constatano i ricercatori.

Differenze sono emerse nelle regioni linguistiche. In Svizzera tedesca vi sono stati 133 annunci (35 a favore dell'iniziativa e 98 contro). Da precisare è che questa categoria tiene in considerazione le pubblicità dei giornali in lingua tedesca, ad eccezione di quelli dei Grigioni. Quest'ultimo cantone ha registrato 30 annunci (3 pro e 27 contro). In generale, i giornali in lingua italiana hanno contato 67 annunci (58 pro e 9 contro), mentre in Romandia, la stampa in francese, 62 (nessuno a favore).

Complessivamente, 196 annunci sono stati per un "no" all'iniziativa - che chiede l'abolizione del canone radio televisivo - e 96 per un "sì". A queste cifre si aggiunge una ventina di pubblicità "neutre", che annunciavano ad esempio un dibattito.

La campagna si è concentrata molto su alcune regioni: gli oppositori si sono particolarmente attivati nei Grigioni, in Svizzera romanda e orientale. I fautori del testo hanno dal canto loro investito molto in Ticino.

Timori per la diversità dei media - In Romandia e nei Grigioni, vi sono forti timori di perdere la diversità mediatica nelle proprie lingue, nel caso in cui l'iniziativa venisse accettata. In Ticino, l'enorme squilibrio a favore degli annunci a difesa del testo (58-9) si spiega in parte per l'attivismo del giornale della Lega, il Mattino della domenica, che ha pubblicato 31 annunci per un "sì" a "No Billag".

In Ticino vi sono però anche altri fattori che possono giocare un ruolo, tra questi la tentazione di esprimere un voto di protesta contro la SSR o contro lo Stato, osservano gli autori dello studio. Ad ogni modo, gli annunci a favore dell'iniziativa si concentrano su questi temi. Da notare sono anche i pochi annunci pubblicitari apparsi nei cantoni svizzero tedeschi più popolati (Zurigo, Berna e Argovia).

Privilegiati i giornali regionali - Lo studio mette inoltre in evidenza un'altra caratteristica di questa campagna rispetto alle altre: gli annunci sono stati pubblicati principalmente nei giornali regionali. In occasione di altre votazioni, come quella dell'iniziativa "AVSplus", le campagne sono state molto più visibili a livello nazionale, raggiungendo dunque un pubblico più ampio.

Visto che l'iniziativa necessita di una doppia maggioranza della popolazione e dei cantoni per essere approvata, i comitati contro "No Billag" hanno dunque indirizzato i loro annunci verso alcuni cantoni, nella speranza di ottenere un no dei cantoni? Questo aspetto non è stato studiato, ma probabilmente non è così, ha affermato Marc Bühlmann, direttore di Année Politique Suisse, contattato dall'ats.

Per alcune votazioni, questa strategia viene utilizzata, conferma il ricercatore. Ma per "No Billag" invece non è così, secondo lui, visto che non esiste un comitato nazionale. "In questa campagna, si è invece piuttosto investito in modo mirato in funzione alle regioni linguistiche".

Ordinamento finanziario - Per il secondo oggetto in votazione il 4 marzo, il nuovo ordinamento finanziario 2021 che intende estendere la riscossione dell'IVA e dell'imposta federale diretta, la campagna di annunci pubblicitari è quasi inesistente, rileva lo studio bernese. Ciò si spiega con il fatto che questo oggetto è praticamente incontestato.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
centauro 2 anni fa su tio
Tempo fa si polemizzava sul TIO riguardo gli striscioni illegali che appaiono lungo le strade, attualmente quelli gialli "NO a no billag" sparsi un po' ovunque sono stati autorizzati?
TIC 2 anni fa su tio
Sinceramente, sui nostri quotidiani, ho visto più annunci per il sì.
WGWG 2 anni fa su tio
Disinformazione a go go
MIM 2 anni fa su tio
Dimostrazione di chi ha più interessi affinché la tassa venga mantenuta.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-11 13:20:16 | 91.208.130.87