keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
4 ore
Rapina a mano armata alla biglietteria FFS
Ladri in azione alla stazione di Burgdorf, nella capitale. È in corso una caccia all'uomo
ZURIGO
7 ore
Uomo gravemente ferito da colpi d'arma da fuoco
Il 32enne aveva chiamato la polizia dicendo di essere inseguito. Ancora da chiarire la dinamica dell'accaduto
ISRAELE / SVIZZERA
8 ore
Il presidente israeliano ringrazia il benefattore che ha comprato i cimeli hitleriani
L'imprenditore svizzero-libanese Abdallah Chatila li ha acquisiti per donarli allo Yad Vashem, il Memoriale della Shoah
ZURIGO
9 ore
Record di partecipanti alla nuotata di San Nicolao
In molti hanno persino deciso di percorrere una distanza più lunga dei tradizionali 111 metri
SVIZZERA
9 ore
L'epica spedizione di Mike Horn e Børge Ousland è finita
Dopo quasi tre mesi fra i ghiacci dell'Artico, i due sono stati recuperati dalla nave Lance. Nonostante qualche gelone, sono in buona salute
ARGOVIA
10 ore
Incendi dolosi a Merenschwand: carcere preventivo per uno dei sospettati
Si tratta di un 37enne svizzero. Venerdì erano state fermate dieci persone
SVIZZERA
10 ore
«Gli standard sulla verdura dei supermercati sono irrealistici»
Lo sfogo di un coltivatore Bio che deve buttare metà delle sue patate perché “troppo grandi”, lui: «Nessuno si lamenta: hanno paura»
BERNA
11 ore
Formula magica sotto attacco, ma una mancata rielezione è un fatto raro
Dal 1848 a oggi è accaduto solo quattro volte e due casi risalgono al 1800
BERNA
14 ore
Sciare sulla Jungfrau non sarà per tutti
Le Jungfraubahnen intendono limitare l'accesso alle piste sopra a Wengen e Grindelwald. Questione di tutela ambientale e marketing
GINEVRA
14 ore
Pedone investito da un'auto muore a Ginevra
L'incidente è avvenuto attorno alle 4.30
BERNA
15 ore
Iniziativa "Più abitazioni a prezzi accessibili": «L'opuscolo contiene errori»
L'Associazione svizzera degli inquilini chiede al Consiglio federale una rettifica urgente. Si vota il 9 febbraio
SVIZZERA
15 ore
I genitori al pronto soccorso "sclerano", sicurezza rafforzata
I numeri sulle aggressioni negli ospedali sono impressionanti: in un anno 1500 al CHUV di Losanna, 1200 all'Inselspital di Berna, 900 all'ospedale di Zurigo e 5000 all'HUG di Ginevra
SVIZZERA
15 ore
Poco spazio per lavorare: i dipendenti di Swiss protestano
Sui nuovi A320 Neo la superficie a disposizione nelle cucine di bordo sarà ancora più limitata, lamentano gli assistenti di volo. La compagnia relativizza
SVIZZERA
16 ore
Uber minaccia di abbandonare la Svizzera
Essere datore di lavoro significa pagare i contributi sociali a tutti gli autisti. Una situazione che non piace alla rappresentante della sharing economy
BERNA
23.02.2018 - 16:200

Annunci pubblicitari nella media per "No Billag"

Complessivamente, 196 annunci sono stati per un "no" all'iniziativa e 96 per un "sì"

BERNA - Il numero di annunci pubblicitari pubblicati nei giornali sull'iniziativa "No Billag" è nella media. Si constata tuttavia una netta differenza a livello regionale: le inserzioni riguardano soprattutto le zone delle minoranze linguistiche.

Fino al 21 febbraio, 11 giorni prima del voto del 4 marzo, sono stati pubblicati 310 annunci nei 52 mezzi stampa esaminati, contro la media di 282 per le 48 campagne di votazioni federali osservate dal 2013. È quanto rivela uno studio pubblicato oggi da Année politique suisse (APS), un dipartimento dell'Istituto di scienze politiche dell'Università di Berna.

Se fin'ora vi è stata una campagna relativamente tiepida a livello di annunci, l'intensità è risultata più elevata nelle redazioni sui cosiddetti social media. La propaganda è iniziata piuttosto presto ed è stata caratterizzata da numerosi articoli redazionali nonché da dibattiti virulenti su reti sociali come ad esempio Twitter, constatano i ricercatori.

Differenze sono emerse nelle regioni linguistiche. In Svizzera tedesca vi sono stati 133 annunci (35 a favore dell'iniziativa e 98 contro). Da precisare è che questa categoria tiene in considerazione le pubblicità dei giornali in lingua tedesca, ad eccezione di quelli dei Grigioni. Quest'ultimo cantone ha registrato 30 annunci (3 pro e 27 contro). In generale, i giornali in lingua italiana hanno contato 67 annunci (58 pro e 9 contro), mentre in Romandia, la stampa in francese, 62 (nessuno a favore).

Complessivamente, 196 annunci sono stati per un "no" all'iniziativa - che chiede l'abolizione del canone radio televisivo - e 96 per un "sì". A queste cifre si aggiunge una ventina di pubblicità "neutre", che annunciavano ad esempio un dibattito.

La campagna si è concentrata molto su alcune regioni: gli oppositori si sono particolarmente attivati nei Grigioni, in Svizzera romanda e orientale. I fautori del testo hanno dal canto loro investito molto in Ticino.

Timori per la diversità dei media - In Romandia e nei Grigioni, vi sono forti timori di perdere la diversità mediatica nelle proprie lingue, nel caso in cui l'iniziativa venisse accettata. In Ticino, l'enorme squilibrio a favore degli annunci a difesa del testo (58-9) si spiega in parte per l'attivismo del giornale della Lega, il Mattino della domenica, che ha pubblicato 31 annunci per un "sì" a "No Billag".

In Ticino vi sono però anche altri fattori che possono giocare un ruolo, tra questi la tentazione di esprimere un voto di protesta contro la SSR o contro lo Stato, osservano gli autori dello studio. Ad ogni modo, gli annunci a favore dell'iniziativa si concentrano su questi temi. Da notare sono anche i pochi annunci pubblicitari apparsi nei cantoni svizzero tedeschi più popolati (Zurigo, Berna e Argovia).

Privilegiati i giornali regionali - Lo studio mette inoltre in evidenza un'altra caratteristica di questa campagna rispetto alle altre: gli annunci sono stati pubblicati principalmente nei giornali regionali. In occasione di altre votazioni, come quella dell'iniziativa "AVSplus", le campagne sono state molto più visibili a livello nazionale, raggiungendo dunque un pubblico più ampio.

Visto che l'iniziativa necessita di una doppia maggioranza della popolazione e dei cantoni per essere approvata, i comitati contro "No Billag" hanno dunque indirizzato i loro annunci verso alcuni cantoni, nella speranza di ottenere un no dei cantoni? Questo aspetto non è stato studiato, ma probabilmente non è così, ha affermato Marc Bühlmann, direttore di Année Politique Suisse, contattato dall'ats.

Per alcune votazioni, questa strategia viene utilizzata, conferma il ricercatore. Ma per "No Billag" invece non è così, secondo lui, visto che non esiste un comitato nazionale. "In questa campagna, si è invece piuttosto investito in modo mirato in funzione alle regioni linguistiche".

Ordinamento finanziario - Per il secondo oggetto in votazione il 4 marzo, il nuovo ordinamento finanziario 2021 che intende estendere la riscossione dell'IVA e dell'imposta federale diretta, la campagna di annunci pubblicitari è quasi inesistente, rileva lo studio bernese. Ciò si spiega con il fatto che questo oggetto è praticamente incontestato.

Commenti
 
centauro 1 anno fa su tio
Tempo fa si polemizzava sul TIO riguardo gli striscioni illegali che appaiono lungo le strade, attualmente quelli gialli "NO a no billag" sparsi un po' ovunque sono stati autorizzati?
TIC 1 anno fa su tio
Sinceramente, sui nostri quotidiani, ho visto più annunci per il sì.
WGWG 1 anno fa su tio
Disinformazione a go go
MIM 1 anno fa su tio
Dimostrazione di chi ha più interessi affinché la tassa venga mantenuta.
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-09 02:53:38 | 91.208.130.85