Keystone
SVIZZERA
05.02.2018 - 15:220

Il sole picchia in montagna: «Proteggersi è fondamentale»

Vestiti adeguati, copricapo, occhiali da sole e crema: la Lega contro il cancro dà i suoi consigli per evitare che i raggi solari provochino dei danni

BERNA - D'inverno in montagna bisogna proteggersi indossando vestiti adeguati, un copricapo e occhiali da sole, nonché applicando sulla pelle una crema solare che difenda dai raggi UVA e UVB. Questi alcuni consigli forniti dalla Lega contro il cancro, che ricorda come i raggi siano particolarmente intensi in altitudine e quando c'è neve.

Basti pensare che ogni 1'000 metri di altitudine l'intensità dei raggi UV aumenta all'incirca del 10%, mentre la neve riflette fino al 90% della luce del Sole, ricorda l'organizzazione di utilità pubblica in una nota odierna.

Il freddo e le nuvole spesso ci fanno sottovalutare l'intensità dei raggi solari, ma anche in quel tipo di giornate fino all'80% dei raggi dannosi oltrepassa la coltre di nubi e ci raggiunge, avverte la Lega contro il cancro. Inoltre, dopo i primi mesi invernali la pelle è estremamente sensibile.

I danni provocati dai raggi UV sono la causa principale dell'insorgere del cancro della pelle. Ogni anno in Svizzera circa 2'700 persone si ammalano di melanoma e circa 320 ne muoiono, mette in guardia la Lega contro il cancro.

Oltre a indumenti adeguati, una crema solare con fattore di protezione di almeno 30, nonché una protezione per le labbra, l'organizzazione mantello ricorda che quando si acquistano occhiali da sole o da sci è importante accertarsi che abbiano l'etichetta CE con la dicitura "100% protezione UV fino a 400 nanometri", idealmente con lenti marroni o grigie.
 
 

Commenti
 
Tags
sole
raggi
cancro
lega cancro
lega
occhiali sole
montagna
protezione
crema
pelle
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES

Ultimo aggiornamento: 2018-05-27 01:45:44 | 91.208.130.87