Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
6 min
Truffati su Autoscout24, la start-up gli regala una vacanza
La vicenda ha fatto il giro della Svizzera. E Mycamper ha deciso di offrire alla famiglia una settimana di noleggio.
SVIZZERA
7 min
Il maltempo colpisce la Svizzera orientale
In Appenzello Esterno sono caduti ben 90 litri di pioggia per metro quadrato nell'arco di 24 ore.
SVIZZERA
40 min
Gli impiegati di commercio rinunciano all'aumento
Vista la crisi economica, per l'associazione di categoria la priorità va data al mantenimento dei posti di lavoro.
SVIZZERA
1 ora
Occhio ai bambini sulla strada!
Rientro in classe, l'Upi mette in guardia sui pericoli nel tragitto casa-scuola
GINEVRA
2 ore
«Se Ginevra fosse una nazione sarebbe sulla lista dell'UFSP»
Il cantone romando è uno dei principali focolai e presenta un'incidenza superiore a cento casi per 100'000 abitanti.
SVIZZERA
2 ore
Pernottamenti giù del 47,5% nella prima metà del 2020
La domanda degli ospiti stranieri presenta un calo del 60,1%.
SVIZZERA
3 ore
Mercato del lavoro? Le aspettative sono (molto) basse
Sale la fiducia degli svizzeri nei confronti dell'andamento dell'economia, ma non sulla sicurezza degli impieghi
SVIZZERA
11 ore
Un po' di neve che fa sorridere i ghiacciai
La perturbazione delle scorse ore ha fatto scendere il limite delle nevicate nelle Alpi
BERNA
13 ore
Errore sui luoghi di contagio, ora c’è chi vuole vederci chiaro
La politica si fa domande. Il PLR: «Come è stato possibile?». Parla l'ex medico cantonale di Berna: «Uno sbaglio grave»
SVIZZERA
17 ore
«Le accuse contro Infantino sono infondate»
È quanto ha ribadito oggi la FIFA, che non esclude il complotto
BERNA
11.01.2018 - 12:580
Aggiornamento : 14:41

Il personale sanitario non si vaccina contro l'influenza

È la conclusione cui giunge uno studio non ancora pubblicato, i cui risultati principali sono consultabili sull'edizione odierna del "Tages-Anzeiger"

BERNA - Ancora troppi infermieri, e altro personale sanitario, non giudicano necessario vaccinarsi contro l'influenza nonostante il rischio di infettare i pazienti. È la conclusione cui giunge uno studio non ancora pubblicato, i cui risultati principali sono consultabili sull'edizione odierna del "Tages-Anzeiger".

Come ogni anno, anche questa volta la Svizzera è stata colpita da un'ondata di influenza. Una malattia di solito innocua per la maggior parte delle persone, che però può causare nei soggetti più deboli - come anziani e bambini - complicazioni, anche fino alla morte.

Ogni anno, secondo Andreas Widmer dell'Ospedale universitario di Basilea citato dal quotidiano, diverse centinaia di persone soccombono all'influenza. Benché facciano difetto dati precisi, Widmer stima in 200 i decessi riconducibili a infezioni d'origine influenzale contratte negli ospedali.

Un modo per ridurre il rischio di infezione sarebbe la vaccinazione generalizzata del personale curante, specie gli infermieri e le infermiere, le persone maggiormente a contatto coi pazienti.

Tuttavia solo una minoranza, indica il quotidiano svizzerotedesco, si lascia vaccinare. La resistenza è forte specie tra il personale curante, meno tra i medici. All'Ospedale universitario di Zurigo, il 15% del personale curante è vaccinato, a Basilea il 25% e all'Inselspital di Berna il 36%.

Le percentuali tra i medici sono più elevate: a Basilea e Berna oltre il 50%, a Zurigo più del 30%. A livello nazionale, circa un quarto del personale curante globale, quindi compresi i medici, si immunizza contro l'influenza.

Secondo gli autori di uno studio svolto all'Ospedale universitario di Basilea e all'Ospedale cantonale di San Gallo, per proteggere efficacemente i pazienti, la quota di personale vaccinato dovrebbe aggirarsi attorno all'80%.

Dall'indagine, svolta su più anni, risulta che il personale è attento all'igiene, specie delle mani, e all'importanza di indossare una mascherina. Tuttavia, in generale sottovaluta la vaccinazione, benché sia consapevole della necessità di proteggere i malati.

Secondo Widmer, nonostante da anni il personale curante sia reso attento sull'importanza di immunizzarsi, il successo di tale opera di sensibilizzazione è limitato. Maggiore sensibilità è dimostrata invece dai medici. Per invertire la tendenza si potrebbe obbligare il personale a farsi vaccinare, ma in Svizzera ciò non sarebbe possibile.

Secondo il quotidiano, i risultati della ricerca confermano indagini precedenti. La sola informazione non basta. Anzi. Spesso il personale curante si sente infastidito e sotto pressione dalla comunicazione "moraleggiante" sull'importanza di vaccinarsi.

In molti team medici, la questione è addirittura tabù. Insomma, quanto si fa pressione si rischia di ottenere l'effetto contrario, indica il giornale citando Roswitha Koch, dell'Associazione svizzera delle infermiere e degli infermieri. Koch sostiene che la decisione di vaccinarsi deve essere presa dal singolo in piena autonomia.

La ricerca mostra anche quanto sia importante la cultura aziendale o del singolo team. Contrariamente al problema dell'igiene delle mani o dell'importanza di indossare una mascherina, il tema della vaccinazione viene sovente eluso. Secondo i ricercatori bisogna invece parlare apertamente del problema. Laddove ciò accade, come all'Ospedale pediatrico di Zurigo, la quota di vaccinati si aggira attorno al 50%, tre volte di più rispetto all'Ospedale universitario.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-04 11:26:07 | 91.208.130.89