Keystone
BERNA
06.01.2018 - 17:450

Dopo la tempesta si contano i danni

I venti, la pioggia e la neve costeranno circa 25 milioni di franchi alle assicurazioni private, fino a 90 milioni per i Cantoni

BERNA - La tempesta Burglind, che si è abbattuta mercoledì in gran parte della Svizzera, costerà alle assicurazioni private dai 20 ai 25 milioni di franchi. Per i Cantoni invece si va dai 60 ai 90 milioni di franchi.

Per le assicurazioni private si tratta di un avvenimento di media gravità, ha indicato l’Associazione svizzera delle assicurazioni. I danni sono inferiori a quelli causati dalla tempesta Lothar nel 1999 (170 milioni di franchi), ma maggiori di quelli della tempesta Joachim del 1995 (7 milioni).

I numeri dei danni causati dalla natura sono stati più di 10’000 in tutta la Svizzera.

Queste stime non tengono però conto dei danni a carico delle assicurazioni immobiliari cantonali né di quelli alle infrastrutture. Giovedì, il totale relativo agli edifici e infrastrutture cantonali si aggirava attorno ai 50 milioni. Venerdì le nuove stime parlavano di una somma che va da 60 a 90 milioni di franchi, sulla base dei dati forniti da 18 assicurazioni cantonali.

Nel solo canton Berna, uno dei più toccati dalla tempesta insieme a Lucerna, i venti hanno causato danni per 15 milioni di franchi, secondo l’Assicurazione immobiliare Berna, che ieri a mezzogiorno aveva contato circa 7’600 sinistri, ma il numero è destinato a raggiungere i 10’000.

Nel canton Lucerna sono state inviate 3’000 richieste, per un totale di circa 10 milioni di franchi.

Boschi e foreste - La tempesta non ha risparmiato i boschi e le foreste: i proprietari dovranno procedere alla pulizia dei terreni, trasportando i tronchi caduti a terra, e abbattendo gli alberi danneggiati. Ma a causa delle condizioni meteorologiche, non è ancora stato possibile quantificare i danni, ha fatto sapere l’Associazione dei proprietari dei boschi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-14 19:59:10 | 91.208.130.89