admin.ch
BERNA
27.12.2017 - 19:240

"Tempesta" su altre due navi rossocrociate

Situazione economica difficile per due società che beneficiano di fideiussioni della Confederazione

BERNA - La tempesta che ha colpito la flotta commerciale marittima svizzera non si calma. Secondo rapporti dell'Amministrazione federale, due società che beneficiano di fideiussioni della Confederazione non navigano in una situazione economica molto favorevole.

Secondo i documenti che si è procurato il quotidiano friburghese "La Liberté", grazie alla legge sulla trasparenza, si tratterebbe delle aziende SCL Trudy e Seamar, con rispettivamente sede a Pfäffikon (SZ) e Givisiez (FR). Tale materiale è stato messo oggi a disposizione dell'ats da Erik Reumann, portavoce del Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca (DEFR), che ha anche confermato che entrambe le società possiedono una sola nave e che non fanno parte delle 13 già vendute.

Nella valutazione di SCL Trudy, che si basa sul bilancio annuale 2016, l'Ufficio federale Office federale per l'approvvigionamento economico del Paese (UFAE) rileva che senza il sostegno finanziario di X (nome annerito per motivi ci protezione dei dati), «la società non disporrebbe di sufficiente liquidità per coprire i propri debiti a breve termine» e che la prosecuzione delle attività nell'attuale contesto economico è possibile solo grazie al continuo supporto della casa madre.

La situazione di Seamar sembra leggermente migliore poiché dispone di liquidità sufficiente a pagare i propri debiti. L'UFAE sostiene tuttavia che il pessimo risultato dei primi sei mesi dell'anno «aggravano la situazione dell'impresa». Anche se invita alla prudenza, perché queste stime si basano su estrapolazioni dei risultati del primo semestre 2017, l'UFAE osserva che si sta delineando «una tendenza chiaramente negativa».

Lo scorso giugno, il Parlamento aveva accettato di sbloccare un credito di 215 milioni di franchi per affrontare i problemi che si è trovata ad affrontare la flotta elvetica d'alto mare, coprendo le fideiussioni di 13 battelli destinati alla vendita. La fattura è stata presentata alle Camere solo all'ultimo momento, obbligandole praticamente ad accettare la spesa.

In aprile, il Controllo federale delle finanze (CDF) aveva riscontrato delle carenze nel corso di un'ispezione alle imbarcazioni della flotta commerciale svizzera. Nel suo rapporto il CDF consigliava inoltre di sviluppare e applicare un piano di sorveglianza comune tra l'Ufficio svizzero della navigazione marittima (USNM) e l'Ufficio federale per l'approvvigionamento economico del Paese (UFAE). Essi giocano un ruolo di garante nel finanziamento per l'acquisto di navi.

In seguito alle raccomandazione del CDF, le commissioni parlamentari della gestione hanno deciso lo scorso settembre di aprire un'indagine più approfondita. Circa due settimane fa, la questione si è poi arricchita di un aspetto giuridico. Il DEFR ha inoltrato una denuncia penale al Ministero pubblico della Confederazione (MPC).

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Tags
ufae
situazione
società
navi
tempesta
cdf
flotta
confederazione
ufficio
fideiussioni
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-04-23 15:20:06 | 91.208.130.86