Keystone
CANTONE/SVIZZERA
13.12.2017 - 07:340

Come cambiereste la SSR? Dite la vostra

La votazione sull’iniziativa “No Billag” è particolarmente sentita in tutto il paese. Quale futuro per il canone e la radiotelevisione pubblica? Partecipate al nostro sondaggio

LUGANO - Rientrare da una lunga giornata di lavoro, accendere la televisione e rilassarsi guardando un film su La1. Oppure invitare gli amici per seguire un incontro di Champions League su La2. O semplicemente ascoltare Rete Uno imbottigliati nel traffico sull’A2. Tutto questo pagando un canone annuale di oltre 400 franchi (che scenderanno a 365 a partire dal 2019).

Ma dopo il prossimo 4 marzo questo contributo potrebbe sparire definitivamente: saremo infatti chiamati a esprimerci sull’iniziativa “No Billag”, che - oltre a chiedere l’abolizione del canone radiotelevisivo - prevede anche che lo Stato non possa sovvenzionare alcuna emittente. Una votazione particolarmente sentita in tutto il paese. E che da mesi sta facendo discutere parecchio. Tra chi sostiene che senza canone l’offerta radiotelevisiva pubblica della SSR cesserà definitivamente di esistere e chi è invece convinto del contrario.

E voi cosa ne pensate? Come vi immaginate la SSR del futuro? L’offerta radiotelevisiva pubblica vi piace nella sua forma attuale o ritenete che ai tempi di Netflix non abbia nemmeno più senso di esistere? E quanto sareste disposti a pagare per il canone?

Dite la vostra partecipando al sondaggio Tamedia sulla SSR

Commenti
 
Pek Pol 4 mesi fa su fb
Toglierei tutti i quiz, sono di un patetico imbarazzante.
tirannosaurosex 4 mesi fa su tio
Chiudendola!
TIC 4 mesi fa su tio
@tirannosaurosex Sarebbe come dire : Mio figlio ha delle insufficienze a scuola allora lo espello e non gli permetto più di frequentare una scuola a vita ! Votate No in modo di permettere alla RSI di "tirar su" le insufficienze.
matteo2006 4 mesi fa su tio
@TIC Hai ragione, ed è l'idea mia di voto iniziale, poi leggi le prese di posizione dei vertici di SSR e ti dici se ha davvero senso dare ancora questa possibilità. Inizio a faticare a difendere la SSR e RSI dopo certe uscite. L'impressione è che non hanno nessuna intenzione di fare un passo indietro, di ammettere che qualcosa non funziona, che una buona metà della popolazione non è soddisfatta del loro lavoro, e quel buon 50 percento di popolazione che piaccia o meno la SSR la deve pagare; certe affermazioni mancano di rispetto verso la gente che lavora e non può permettersi "il lusso" della SSR di ricevere ogni anno milioni per mandare avanti una ditta che da fuori sembra in tutto e per tutto sovradimensionata. E te lo dice uno che non è un grande amante del servizio e si limita al quotidiano, il tg e qualche altro programma culturale.
GI 4 mesi fa su tio
Per quanto il tema in votazione "no Billag" sia oramai superato dagli eventi (e non è la prima volta che capita...) direi che un "ritorno al passato" lo gradirei parecchio (= meno commentatori ....che raccontano di tutto di più...) oltre che a meno violenza gratuita....a tutte le ore del giorno !
moma 4 mesi fa su tio
Ma come si fa a pretendere dalla gente in generale una risposta a questa domanda. Già è difficile decidere come votare, che poi, come ho letto da qualche parte, il quesito no Billag potrebbe essere ingannevvole. Per votare pro o contro la Billag, cosa bisogna scegliere cara redazione?
kochise74 4 mesi fa su tio
@moma per votare pro o contro credo basti leggere bene il testo dell'iniziativa che, stranamente e questa volta, non occorre essere dei giuristi. Poi si Farà il suo ragionamento. Comunque dall'anno prossimo la Billag, indipendentemente dalla votazione, non riscuoterà più il canone.Sarà un'altra ditta a farlo.
franco1951 4 mesi fa su tio
Con questi sondaggi tutti diventano specialisti di tutto. Si parla di auto, tutti meccanici. Di PC, tutti informatic ecc. ecc. A me la RSI piace così, trovo tanti programmi che apprezzo (film nuovi, oprima che sui canali italiani non a pagamento), approfondimenti e cultura ben fatti ecc. Poi ci sono cose che mi piacciono me, ma che ritengo possano piacere a qualcu altro. Se qualcosa non mi piace o ritengo che non sia fatto bene, non posso tranciare tutto come fanno certi. La TV ad personam non esiste. Poi leggo anche un sacco di luoghi comuni, non assodati o comprovati. Quello che invece non accetto è l'astio che spesso si legge nei commenti contro la RSI in generale e contro le persone che vi lavorano, onestamente e con grahnde professionalità. Ma si sa, la rete è il posto ideale per sfogarsi.
Eliakim Cuni Berzi 4 mesi fa su fb
Si sta spostando il problema... Il vero problema non è la SSR, ma la BILLAG stessa... Tutti vogliono una tv nazionale, ma non si può dare soldi ad una ditta privata per riscuotere i canoni pubblici. Già la SSR fa fuori qualche miliardo ed in più dobbiamo pagare i i super salari dei dirigenti BILLAG.... Ripeto non è la SSR (anche se qualche risparmio non farebbe male) il problema ma è la BILLAG.... TV pubblica... Riscossione del canone pubblica e via tutti i super salariati!!!!!!!
Filippo Pfister 4 mesi fa su fb
Ma la Billag, intesa come società di riscossione, dall'anno prossimo verrà abolita in ogni caso! Questo é già stato deciso da tempo e infatti il costo del canone scenderà di quasi 100.- Questo però I fautori della "no billag" non lo dicono e anzi, hanno chiamato apposta così l'iniziativa, per sfruttare l'astio (comprensibile) verso la societâ Billag AG e far sì che la gente voti di pancia. Un modo di fare populista è squallido.
Calotta Polare 4 mesi fa su tio
Quali uscite? Spiegati meglio.
Cristina Santoro 4 mesi fa su fb
In svizzera la tv e radio più cara al mondo x programmi di 3za categoria....basta!!!
Roberto Andreoni 4 mesi fa su fb
Anche Lei, perché non si iscrive alla CORSI per esternare pubblicamente queste sue opinioni sui programmi RSI?
Franco Locatelli 4 mesi fa su fb
Rapportato agli stipendi vigenti negli altri paesi, la nostra SSR costa meno. Poi fa programmi in quattro lingue (4), come da nessuna altra parte al mondo. Di terza categoria lo dici tu. Meglio, e tanto, dei vomitevoli programmi sulle private italiane, dove si enfatizzano morte e delitti, i grandi fratelli e le vecchie befane.
Giovanni Johnny Lillo 4 mesi fa su fb
Beh Sig. Roberto innanzitutto Cristina non ha tutti i torti e magari alla CORSI le si può sedere accanto. (s'inscrive) per quel che ne so si scrive così...
Giovanni Johnny Lillo 4 mesi fa su fb
Non se la prenda era una battuta! Diciamo che non tutti i programmi sono all'altezza di un' emittente tanto esosa! Io voterò no billag non a cuor leggero certamente. Noto tuttavia che sempre più emerge una sorta di "strizza"...sondaggi, ammissioni e via dicendo. Sono più che certo che se prima di marzo proponessero una cifra adeguata, giusta per tutti magari rinunciando ai super bonus dirigenziali, soppressione di programmi inutili, avrebbero la certezza che non verrebbe accettata. Cifra equa? Molto meno di 365.- e decisamente subito!
Giovanni Johnny Lillo 4 mesi fa su fb
PS: Credevo la CORSI fosse altro...mi sono informato or ora e mi ravvedo! Cmq la mia voleva essere solo una battuta spiritosa...
Roberto Andreoni 4 mesi fa su fb
Giovanni Johnny Lillo Caro Giovanni, questo scambio mi fa molto piacere [dopo però la frecciatina sul verbo "inscrivere" gliela lancio per simpatia ;)] Come vede, sull'argomento c'è molta disinformazione, e spero che altre persone intelligenti come Lei capiscano cosa rischierebbe la Svizzera nel perdere un Ente radiotelevisivo pubblico, che dovendo rappresentare una "pluralità", evidentemente non può soddisfare ogni singolo cittadino. Tante persone criticano di pancia... e non sanno che esiste un luogo, la CORSI appunto, creato proprio per permettere all'utente di dire la sua. Chi vi partecipa è una sorta di "azionista della RSI", con la differenza che rispetto all'assemblea degli azionisti di UBS, Nestlé o Roche... ogni persona ha UNA quota (e non il 50% o più, come avviene per i colossi privati quotati in borsa). In tal senso, è molto più democratica la RSI che un'UBS "too big to fail" che ha rischiato di mandare in malora l'economia Svizzera con la crisi bancaria! Oggi, tra l'altro, stavo pensando a quanti servizi offre la RSI oltre al classico palinsesto. Esempio: redazione presidiata 24h su 24! Ieri sera hanno subito diffuso per radio l'annuncio di scomparsa di un ragazzo. Se non ci fosse il servizio pubblico, alla Polizia resterebbero solo i siti internet per diramare questi comunicati, col rischio di non raggiungere la popolazione in là con gli anni che non usa la tecnologia. Poi c'è chi sta guidando e ascolta la radio... e magari si vede passare di fianco il ragazzo scomparso! Per non parlare dell'allarme rapimento di minori o quando suonano le sirene e ci si sintonizza su Rete Uno (magari in orari in cui le radio private non hanno giornalisti in sede). Vabbeh, non mi dilungo, anche se l'argomento mi appassiona un sacco! Sono convinto che i miei argomenti Le abbiano fatto cambiare idea. E poi, diciamocelo, fra un anno pagheremo solo 365.- di canone. 4 volte meno di un caffé o TREDICI volte meno [nel mio caso] di quello che pago all'anno per la cassa malati, (complementare privata compresa). Meno di quanto spendo al mese per il cellulare. Insomma, il canone radiotelevisivo, rapportato al costo della vita... è veramente concorrenziale! Mi permette infine la frecciatina promessa? "Iscriversi a un corso" e "inscrivere qualcosa", ossia "disegnare dentro una figura geometrica". Es. a scuola: "il cerchio inscritto dentro un quadrato di lato lungo X centimetri". Lo dico col sorriso e -lo ammetto- ho dovuto cercare la definizione sul vocabolario per essere convincente come sulla CORSI!
Figenfeld 4 mesi fa su tio
A Bellinzona, Minusio e Muralto non hanno pulito proprio (!) Argo 1 è Argo 1, ma non paragonare Mele con Pere p.f., cmq una splendida giornata;)
Stephan Kesslinger 4 mesi fa su fb
Sarebbe bello avere una tv non in mano ai liberali. 😊
Luca Mer 4 mesi fa su fb
Lei è un socialista molto generoso e altruista: si batte a spada tratta per salvare la tv dei liberali! 😆
Stephan Kesslinger 4 mesi fa su fb
Non sono socialista e non voglio salvare la tv, sono stufo di leggere balle dei pro-chiusura
Figenfeld 4 mesi fa su tio
Cosa si pretende dal cittadino? Pagare senza decidere? Hanno dormito 4 anni da quando si conosce il tema "Billag"! Adesso vi lamentate (?), ditelo alla CF Leuthard, ai Direttori Matter e Canetta! Ci si è abituati a certi poteri eh....dunque che prendino fuori il dito dal fondoschiena, ma con proposte ragionevoli e concrete, il 4 marzo è vicino.....La SRF (2100 imp.) RTS idem come la RSI (con 1600 Imp.) e RSR con 170...non so eh..forse lo sapete meglio voi......
TIC 4 mesi fa su tio
@Figenfeld Le uscite per un'azienda come la SSR oltre agli stipendi sono anche i macchinari, vale a dire : Le telecamere, i mixer, le unità mobili (camion con regie), le auto aziendali, ... In oltre le imposte che paga sul territorio.
kochise74 4 mesi fa su tio
Allora chiudiamo il Cantone perché la neve é stata fatta male.... per non parlare di Argo 1... Chiudiamo tutti e licenziamo tutti... bel ragionamento costruttivo.
TIC 4 mesi fa su tio
@kochise74 Infatti, e pensiamo anche che se chiudesse non ci sarebbero più i 213 milioni di franchi che tornano annualmente nell'economia ticinese.
Figenfeld 4 mesi fa su tio
@TIC Guarda le uscite, e non solo le entrate.....
Figenfeld 4 mesi fa su tio
Si potrebbe cestinare, perché non sono mai entrati in merito ad un consenso costruttivo da parte della SSR e sopratutto della RSI, niente proposte solo "colla per le cadreghe" e flessibilità zero, l'unica era di mettere il fieno in cascina, senza riguardo alla generazione futura! 200.- CHF sarebbe ottimo per la prestazione d'oggi!
Figenfeld 4 mesi fa su tio
Per completare, vuol dire di votare un bel SI a No-Billag!
limortaccituoi 4 mesi fa su tio
@Figenfeld Quindi il tuo commento scritto con molto impegno è da cestinare. Perché se voti SI non ci sarà nulla da migliorare ;)
Figenfeld 4 mesi fa su tio
Ridurre il 60% degl'impiegati e, una tassa annua massima di 200.-CHF (0.548/ct./g) con scelte di programma analoghe sia, per la TV e la Radio. La CF Leuthard invece di sparar fuori una cifra di 1.- (365.-) già ché l'attuale è di 1.20/giorno, doveva puntare sin dall'inizio a una cifra accettabile per il popolo, ma comunicare la non esistenza di un Piano B, è una trascurità totale per una SA, dunque ci vuole il salasso del personale, anche nei quadri e la direzione! Ci raccontano troppe frottole pur per poter andare avanti come sempre, stavolta diremo di NO!
Hardy 4 mesi fa su tio
A me come detto spiacerebbe se la radiotelevisione pubblica svizzera chiudesse, ma è ormai evidente che alla maggioranza della popolazione svizzera per un motivo o per l'altro essa non piace, e se con questa iniziativa il popolo ha la possibilità di non pagare il canone per un servizio che ormai usa sempre meno e che piace sempre meno credo ci sia poco da immaginare su come andrà la votazione. La gente paga per quello che usa, punto, e non riguarda solo la fruizione di radio e tv ma anche di altri tipi di servizi, ognuno praticamente si crea il proprio pacchetto e stop. Comunque trovo davvero aberrante augurare la disoccupazione a chi lavora per la SRG SSR. L'azienda può benissimo non piacere ma da qui a sperare che migliaia di famiglie finiscano toccate dalla perdita di un impiego ce ne vuole. Chi lo fa è davvero sicuro che il servizio pubblico impieghi solo gente raccomandata? Fosse per quello allora dovrebbero far chiudere parecchie altre aziende, anche nel privato. Per rispondere alla domanda, cosa cambierei alla RSI? Per esempio un bel restyling di palinsesto alle reti radiofoniche che credo da troppi anni siano sempre la solita solfa (soprattutto Rete Uno e Rete Tre, Rete Due non l'ho mai ascoltata). In TV apprezzo il tentativo di info notte, anche se trovo il programma ancora poco consistente. Mi piacciono le trasmissioni di approfondimento, anche se a volte un po' troppo "spettacolarizzate" (soprattutto "Patti Chiari") e senza contenuti e approfondimenti di rilievo. Un'altra osservazione: quando si trattano temi attuali di importanza internazionale, molto spesso vengono intervistati personaggi italiani: la cosa in sé non mi turba, più che altro mi chiedo se ci sia qualcuno che faccia al caso anche nella Svizzera italiana. Ne parlavo diverse volte con mio padre, che apprezza la RSI ma che spesso è critico per questa cosa. Non si può comunque dire che non sia presente sul territorio.
kochise74 4 mesi fa su tio
@Hardy Anche perché se 1200 restano a casa (nel solo Ticino) qualcuno la loro disoccupazione la pagherà. Senza contare, a mio avviso, il possibile aumento di tasse comunali/cantonali dato che almeno qualche milioncino di ammanco ci sarà dato che son disoccupati ed il reddito sarà minore...
gabola 4 mesi fa su tio
Ai tempi in cui i cronisti guardavano e parlavano della partita i costi di sicuro erano inferiori a oggi dove ci vuole il cronista,il professore e quello che mangia pop corn a bordo campo e dire due parole,che sicuramente dormono in alberghi da baüscia,o programmi che costano un occhio per non dire niente,magari cominciare a ridimensionare i costi sarebbe un passo avanti per abbassare un abbonamento che non serve a vedere quasi niente senza un ulteriore abbonamento e si passano i 1500 fr annui
John Gambardine 4 mesi fa su fb
Cambierei con una tv meno faziosa, piu' innovativa, rivoluzionaria, meno politica, un giornalismo d' inchiesta molto più audace di Patti chiari e Falo', meno quiz dilettantistici, costi ottimizzati, non dimentichiamo che siamo un bacino di utenza di 8 milioni di persone per la Svizzera ( livelli della Lombardia) e 300 mila anime per il Ticino. Non è la CNN ! Una tv gestita da giovani preparati sul serio e da menti creative. Meno raccomandati, amici della politica e dei partiti. La raccomandazione sforna eccessi di mediocrità ( lo stiamo ben vedendo specie in Ticino). La raccomandazione nel 2018 è obsoleta e vetusta sono cambiati gli schemi. Chi non si adegua e non si rinnova muore lentamente. Le assunzioni vanno fatte in base alle capacità, alle esperienza ed alla vivacità intellettiva. Lavoro lungo ma non impossibile. Certamente.. ci vorrebbe tanta autocritica, cambiamenti radicali e umiltà, una roba assai difficile per certi elementi. Una governance gestita con mediocrità dai soliti intoccabili, prima o poi presenta il conto. Infatti....
Roberto Andreoni 4 mesi fa su fb
Di sicuro, per esternare ciò, Lei ha delle precise fonti che potrebbe rendere pubbliche, invece di riprendere false credenze popolari sulla RSI. Io invece, che dispongo di uno spiccato spirito di analisi, ho visto giovani volonterosi partire oltre Gottardo per frequentare l'Università e tornare in Ticino per farsi assumere con le loro stesse forze, facendo la gavetta in un'azienda che produce in indotto non indifferente sull'economia locale. Io penso inoltre che se i quiz sono -come dice Lei- "dilettantistici" dipenderà dal BASSO livello dei concorrenti, che non sanno neppure citare i sette Consiglieri federali e i Dipartimenti da loro diretti, o i cinque Consiglieri di Stato ticinesi! Potrebbe approfittarne per iscriversi Lei, e magari sbancare il jackpot! Buona fortuna!
John Gambardine 4 mesi fa su fb
Roberto Andreoni ..No grazie carissimo, i quiz li lascio a lei che vede così' di buon occhio la Tv nostrana. :) Per quel che riguarda l' ignoranza dei concorrenti che lei cita sopra, le do ragione. Probabilmente anche le scuole Ticinesi, hanno in questo caso la loro bella responsabilità. Non se la prenda con la gente comune.
Roberto Andreoni 4 mesi fa su fb
John Gambardine Grazie per le belle parole! Dico sul serio. Chiaro che ci sono programmi... e programmi... ma io penso che certe inchieste di Falò siano formidabili! Pensi solo a quella su Argo Uno: il giornalista ha sollevato un polverone che sta facendo tremare anche Palazzo delle Orsoline! Più audace di così... Se non ci fosse stato quel reportage targato RSI (e non TIO/20 minuti!) non ci sarebbe neanche stata una Commissione d'inchiesta parlamentare. Suvvia, quando si dice che il giornalismo è il Quarto potere... ci sarà un perché! Invito anche tutti i lettori di questo forum a passare in rassegna i post di TIO delle ultime 48 ore. Elenco non esaustivo eh: Hockey - Traffico - Neve - ancora Neve - Personaggi - Traffico - Incidenti - ri-Incidenti - ri-Neve - ri-Personaggi e... ANIMALI! Ma se non ci fosse più la RSI, o la RTS o SRF... noi dovremmo campare con questi argomenti frivoli o poco significativi? Ah dimenticavo un argomento di predilezione del TIO: la lamentela del cittadino... che non porta nulla a livello di valore giornalistico. Almeno, e non me ne voglia la redazione, a me questi articoli non dicono proprio niente. C'è uno che racconta la sua disavventura. Punto. Stop.
Luca Mer 4 mesi fa su fb
Che i socialisti si finanzino da soli i loro organi di stampa inufficiali TSI, RSI ecc... io sono veramente ma veramente stufo di essere obbligato a farlo!
Alex Cava 4 mesi fa su fb
La realtà è che gli organi di controllo RSI sono a maggioranza PPD e PLR... Sempre loro si inventano la favola della "TV di sinistra".
Luca Mer 4 mesi fa su fb
Ecco un altro che crede a babbo natale. Il 75% dei giornalisti SRG si sono dichiarati di sinistra solo poche settimane fa. E comunque basta guardare o ascoltare un’edizione qualsiasi della loro propaganda... Vada a raccontare le sue favolette a qualcun altro.
Stefano Heubi 4 mesi fa su fb
Ma per favore!!!......
Alex Cava 4 mesi fa su fb
Lo studio del "70% di sinistra" è notoriamente falso: è stato smentito dallo stesso autore, che ha giudicato strumentale l'interpretazione dei suoi dati. Tra l'altro è abbastanza banale osservare che il Paese va massicciamente a destra: tecnicamente impossibile se la TV fosse occupata dalla sinistra! :-) La spiegazione è -ancora- banale: la balla è ripetuta all'infinito dalle stesse forze (Lega e UDC) finanziate dal colosso americano UPC Cablecom... conflitti d'interesse a vagonate!
Saulo Minoli 4 mesi fa su fb
Ma RSI è il nuovo nome della TSI, il canone sopporta solo quella parte di trasmissioni legate all’informazione ed ai Quiz televisivi. Per i film e la pubblicità si affidano alla vicina Italia, la quale provvede ai doppiaggi dei film e e delle sitcom, rivendendolo in pacchetti alle televisioni svizzere RSI 1 e 2. Ed è ovvio che solo la RSI non può fare tutto da sola, quindi i costi aumentano a scapito dell’offerta.
Stephan Kesslinger 4 mesi fa su fb
Ma quanto è triste essere un troll pagato dall'udc per fare propaganda?
Stefano Heubi 4 mesi fa su fb
Stephan Kesslinger appunto :TROLL!!...
Lore Cairoli 4 mesi fa su fb
Ma porca miseria, se lei crede che sia di sinistra faccia qualcosa e non stia su facebook a lamentarsi come farebbe un qualsiasi bambino. Come ormai sa esiste un organo apposito, lei, come tutti, può usufruirne. "Il 75% dei giornalisti SRG si sono dichiarati di sinistra solo poche settimane fa. " In quel sondaggio era stato chiesto dove si collocava il pensiero del singolo giornalista. Un giornalista prima di essere tale è un uomo e quindi è ovvio che abbia un proprio pensiero. La cosa importante è che il proprio pensiero non traspaia nello scritto, il bravo giornalista è quello che riesce a dividere il proprio pensiero dai fatti oggettivi.
Luca Mer 4 mesi fa su fb
È quasi commuovente vedere tutti questi sinistri battersi con tanto vigore in favore di un’informazione controllata dai partiti borghesi. AHAHAH 😆
Luca Mer 4 mesi fa su fb
Signor Cairoli certo che faccio qualcosa: stacco la spina, intesa come finanziamento. E poi come detto: si facciano pagare dal ps, visto che tirano solo l’acqua al suo mulino. UN CHIARO SI ALL’INIZIATIVA!
Lore Cairoli 4 mesi fa su fb
È commovente vedere un individuo adulto comportarsi come un bambino, dal piangere perché secondo lui qualcuno si comporta in modo sbagliato al credersi superiore a tutti gli altri, ora mancano solo gli insulti liberi. È bellissimo come sia in questo caso come altre volte in passato lei non risponda mai ai messaggi, non continui mai la discussione, non porti mai delle prove o dei pensieri sensati. Continua a criticare gli altri, la rsi/ssr e basta. Quello che vuole fare è fuggire, nulla di più e nulla di meno. Lei è dell'idea che la rsi sia dichiaratamente schierata e ha la possibilità di far cambiare la situazione. Se sceglie di non agire non può lamentarsi qui sui social così come parlando con altre persone della rsi per quanto riguarda la questione politica.
Roberto Andreoni 4 mesi fa su fb
Luca Mer Anche il Signor Mer, che si dice così scontento, si è sicuramente iscritto alla CORSI per plasmare la radiotelevisione pubblica secondo i suoi desideri. Eh invece no... Anche lui si affida ai luoghi comuni e alle leggende metropolitane che circolano su Facebook. Quando vincerà un ricorso davanti al mediatore per la radiotelevisione pubblica, dimostrando che un programma RSI ha gravemente intaccato le sue libertà poiché "propaganda di sinistra" ci faccia sapere! Saluti.
Luca Mer 4 mesi fa su fb
Tranquilli ragazzi. Il vostro bullismo non mi spaventa, e nemmeno i vostri pseudo argomenti da retorica di regime. Il mediatore che è parte dell’establishment... la CORSI che è occupata dalla partitocrazia... E’ quasi Natale e fate bene a raccontare favolette. Ma la mia esperienza di vita è molto diversa, e di certo non ho il minimo interesse a discuterne con voi. Auguri a voi per la votazione! Io voto di sicuro per smantellare questo sistema capillare di controllo sociale. 👍
Mirco Würgler 4 mesi fa su fb
Roberto Andreoni Ma continui a parlare della CORSI e di assurde segnalazioni a questi furboni??? Abolire BILLAG, Eliminare la CORSI (idiozia anacronistica) e piantarla di negare che la SSR/TSI sia propaganda di sinistra! Certo che è propaganda di sinistra da parte dei "giornalisti"! Da parte dei politici radical-chic e catto-comunisti un modo di avere visibilità dove neanche il cane peo dovrebbe averla. Il "dinosauro" TSI non è leggenda metropolitana: è triste realtà. Mai visto il codazzo di una "troupe" della TSI quando si muove per servizietti farlocchi? Fanno paura soltanto quando sono in giro per Lugano ... sembra una produzione di piccola cinematografia, figuriamoci in altre location. Sei un "Troll" pagato dalla SSR o fai parte direttamente di questa "non toccatemi la famiglia" ? Tra l'altro il tuo comunicare su facebook come un addetto stampa (ci faccia sapere, Saluti.) o come rappresentante di un gruppo ne sarebbe la conferma ... a meno che il plurale "majestatis" non faccia parte della patologia degli iscritti alla setta della "grandeur" SSR/RTSI/LA1/LA2LA POLVEREDELVETUSTO. Se vuoi vai a piangere alla CORSI ma non consigliarlo ad altra gente...
Mirco Würgler 4 mesi fa su fb
Alex Cava Ma dai, UPC è Statunitense? Non era nordica?
Stephan Kesslinger 4 mesi fa su fb
Bullismo? Non è bullismo fare il troll, scrivendo cazzate diffamatorie ed etichettare cose e persone?
SwissPitBull 4 mesi fa su tio
Se vogliono incassare la billag allora rinunciano alla pubblicità, mi sembra giusto che scendano a compromessi anche loro. si billag-no pubblicità... oppure no billag-si pubblicità. Altrimenti possono chiudere tanto ci sono sky e mediaset.
matteo2006 4 mesi fa su tio
Mi spiacerebbe molto chiudesse, ho molti conoscenti che lavorano per la RSI e molta gente che la guarda molto. Se passa mi mancheranno sicuramente tempi moderni, storie, il giardino di albert, falo, il filo della storia e qualche altro programma serio e interessante per il resto sono ancora indeciso ma potrebbe anche chiudere per come si stanno comportando i vertici e la prospettiva futura che hanno NON pianificato. Ieri tra l'altro è arrivata la fattura della billag, termine di pagamento marzo; bene aspettiamo e poi ci penso su per come usarla quella fattura.
Zico 4 mesi fa su tio
forse sfugge il fatto che con un pò meno di cocciutaggine assurda da parte del CF e della Leuthard in particolare non si sarebbe giunti a questo punto. qiuando tutti chiedevano un abbassamento del canone il CH ha risposto picche. ora siamo agli estremi o tutto o nulla. Cara Leuthard, pensarci prima era impossibile? o non ci sei arrivata? COSÌ COME PER LA VIGNETTA AUTOSTRADALE?
Zico 4 mesi fa su tio
@Zico LEGGASI cf E NON ch SE NO NON HA SENSO...
matteo2006 4 mesi fa su tio
@Zico Concordo.
beta 4 mesi fa su tio
@Zico Dai depositari della sola ed unica verità cosa puoi pretendere ? Che siano capaci di sentire ... l'umore della gente e calare due dita la loro strafottente supponenza sarebbe come sperare di vedere la madonna . Se passa, come mi auguro, il si imparino a grattarseli .
Giampi Petrillo 4 mesi fa su fb
Guardò solo Sky 😂
Amina Domeniconi 4 mesi fa su fb
Proprio bello il sondaggio che é anonimo e poi ti chiede che partito hai votato, quanto guadagni ecc..., ma la televisione non é pubblica senza tendenze politiche ed altro? Non baratto la mia libertà di scelta per la SSR. Come già detto la classe politica doveva fare il proprio lavoro e prendersi le proprie responsabilità e non delegarle al Popolo.
Lore Cairoli 4 mesi fa su fb
"Non baratto la mia libertà di scelta per la SSR" Non ha senso. Lei, ora e si spera per sempre, ha libertà di scelta. La costituzione non la obbliga a guardare la SSR. Quello che deve capire è che la presenza del canone e quindi della SSR aiuta la sua libertà di scelta, in primo luogo ha un emittente in più fra cui scegliere. Un emittente che, a differenza di TUTTI gli altri ha l'obbligo giuridico di essere super-partes e, nel caso non lo fosse esiste anche un organo a cui segnalarlo. In secondo luogo il canone, che questa iniziativa vuole eliminare completamente, sostiene tutte le realtà mediatiche, quindi favorisce la sua cara libertà di scelta.
Amina Domeniconi 4 mesi fa su fb
Il canone diventerà obbligatorio e pertanto la mia libertà di scelta cadrà. Non guardo i programmi della SSR, né alla televisione, né sul sito internet. Un'obbligo toglie la libertà di scelta! Questo vuol dire lasciarmi la libertà di scelta?
Cesare Saldarini 4 mesi fa su fb
Amina Domeniconi non è obbligata a usare l’AVS eppure la paga. Ma che discorsi fa?
Roberto Andreoni 4 mesi fa su fb
Cara Amina, si vede proprio che lei non segue la RSI (e neanche il sito RSI.ch) poiché appaiono evidenti le Sue lacune in materia di civica. In questo caso potrebbe anche evitare di andare a votare, visto che certi concetti non Le sono del tutto chiari. In primo luogo, cosa c'entrano le "responsabilità della classe politica"? Ma soprattutto "delegare al popolo"?? Qui stiamo parlando di un'iniziativa POPOLARE (peraltro discutibile dal punto di vista democratico). È una proposta di modifica della Costituzione [l'ABC dello Stato federale, se preferisce] che non scaturisce dal lavoro dei Parlamentari federali. In secondo luogo, non capisco la critica al sondaggio, visto che non è mica commissionato dalla RSI. Quindi non è la RSI che vuol sapere la tendenza politica dell'intervistato. Devo spiegarle come funziona un sondaggio di opinione? Sarò lieto di farlo. In terzo e ultimo luogo, come giustamente fa notare Cesare, e premesso che il pagamento del canone è già obbligatorio, qui non stiamo parlando di una "tassa causale" come quella sul sacco dei rifiuti. Ciò che Lei versa a Comune, Cantone e Confederazione, sottoforma di imposte, viene impiegato per garantire decine e decine di servizi che magari Lei personalmente non usa. Quindi non ho mai sentito nessuno rifiutarsi di pagare le tasse "perché magari non usufruisce della costruzione di strade", "della promozione culturale", "della gestione delle foreste", "della gestione dei Tribunali" e potrei continuare. Vedo che però Lei usufruisce e consulta TIO. Bene, allora cosa fare quando TIO riprende una notizia della RSI? Indirettamente beneficia anche Lei di un servizio erogato dall'Ente pubblico. Tutta la popolazione beneficia di ciò. Quindi smettiamola di dire che uno "non guarda o non segue la RSI". E Le ricordo che anche le emittenti private (Radio3i, Fiume Ticino e Teleticino) percepiscono una quota-parte del canone. Grazie di aver letto fin qui. Un saluto.
Amina Domeniconi 4 mesi fa su fb
Itiliziamo bene le parole canone: corrispondere periodicamente una somma di denaro per l'utilizzo di un bene o di un sevizio. Tassa: tributo che viene corrisposto allo Stato o ad ente pubblico per il godimento di certi servizi. Come scritto da lei stiamo parlando di una "tassa casuale". La ringrazio per avermi delucidato sulla civica e sugli altri argomenti.
Roberto Andreoni 4 mesi fa su fb
Visto che vuole mettere i puntini sulle "i" Le faccio notare che qui si parla tecnicamente di "tassa di ricezione", ma appunto perché il concetto di "ricezione" è divenuto obsoleto, il Consiglio federale ha rivisto il sistema di riscossione assimilando il cosiddetto "canone" a una tassa. Ergo, "per il godimento di servizi" come giustamente mi fa notare. Ciò che la radiotelevisione pubblica offre non è solo svago per il singolo utente, ma contribuisce a rinsaldare la coesione tra comunità linguistiche che fanno parte della nostra Willensnation.
Amina Domeniconi 4 mesi fa su fb
Cesare Saldarini io non userò l’AVS, la percepirò (forse) ed avrò contribuito per più di 44 anni.
Cesare Saldarini 4 mesi fa su fb
Amina Domeniconi facendo la pignola sui verbi e le loro possibili accezioni non le dà ragione. Uno dei diritti sanciti nella costituzione è quello di accesso all’informazione. Uno dei metodi per garantire questo diritto è il servizio pubblico. Vuole avere la libertà di scegliere? Ma scegliere cosa? Pure io voglio avere la libertà ad esempio di vedere la mia squadra nazionale si mondiali senza dover pagare una pay per view, di vedere un notiziario locale, ecc... Quindi per una sua libertà di accesso all’informazione, di provenienza privata essenzialmente, dovrei rinunciare io alla mia libertà?
Amina Domeniconi 4 mesi fa su fb
Lore Cairoli Purtroppo le mie libertà (le nostre) sono sempre meno e i miei (i nostri) obblighi sempre di più. Effettivamente la Costituzione non mi obbliga a guardare la SSR, ma mi obbligherà a pagare una tassa di ricezione, canone o chiamatolo come volete. È una nuova tassa e si traduce in meno soldi nelle tasche dei Cittadini. Si ora direte che fr. 1.00 al giorno è poco (a partire dal 2019), ma per chi ha già problemi economici è molto e se non potranno pagare saranno Tutti a coprire questi costi. Sulla super-parte e sull’organo che lo controlla le ricordo che “cane non mangia cane”.
Lore Cairoli 4 mesi fa su fb
Bel discorso, ma come le hanno già fatto notare in precedenza lei il canone lo paga già. Non ha senso fare una polemica del genere con i toni che sta usando su una situazione che è tale da prima che io nascessi. Cara signora, prima di giudicare ha avuto esperienza diretta? Hanno entrambi obblighi sanciti dalla legge, il pensiero di un cittadino che ha un minimo di fede nello stato in cui ha scelto di vivere dovrebbe essere che gli organi dello stato la legge la rispettano.
Amina Domeniconi 4 mesi fa su fb
Lore Cairoli mi dispiace ora io non pago il canone televisivo. Non giudico nessuno, esprimo la mia esperienza diretta!
Lore Cairoli 4 mesi fa su fb
E si ritiene un cittadino? Cavolo, fossi nei suoi panni mi vergognerei. Un cittadino in uno stato democratico moderno ha sia diritti che doveri. Non può pretendere di avere solo diritti ma dimenticarsi dei doveri.
Amina Domeniconi 4 mesi fa su fb
Quali doveri dimentico quale Cittadina?
Lore Cairoli 4 mesi fa su fb
Che è parte di una comunità e quindi, anche se non usufruisce di alcuni servizi, in quanto cittadina ha il dovere di sostenerli (in questo caso pagandoli). È un servizio pubblico offerto a tutti i cittadini, non è un servizio privato che può scegliere di pagare o meno.
Amina Domeniconi 4 mesi fa su fb
Facciamo così togliamo tutte le poprietà private e diamo tutto da gestire allo Stato così non ci saranno più queste discussioni. Con la modifiche non ci sarà più una differenza tra il canone televisivo e radiofonico. Tutti dovranno pagare senza distinzioni e anche le aziendo dovranno pagare se raggiungono una certa cifra d'affari (ci saranno dei nuclei familiari che pagheranno ben due volte la tassa per ricezione). Non si preoccupi so di essere una piccola parte della comunità e la sostengo in modo attivo, ma quando é troppo é troppo. Già del 2017 rivevo Frs. 180.00 in meno di salario per le tasse e quant'altro richiesto ai Cittadini e alle Cittadine. Forse non é sufficiente?
flowerking 4 mesi fa su tio
Non sono per la chiusura ma per una TV adatta alla nostra realtà di 300000 anime. (E non mi si venga a raccontare la storiella che TUTTE le persone di lingua italiana sparse in ogni angolo terracqueo guardano la RSI!). In poche parole che si torni alla vecchia TSI.
TIC 4 mesi fa su tio
@flowerking Sarebbe bello ! Però non penso che dimezzando gli stipendi dei tecnici si tornerebbe alla vecchia TSI. Penso piuttosto che la TSI si riempirebbe di frontalieri e gli svizzeri cercherebbero impiego altrove.
TIC 4 mesi fa su tio
@Kochise74 : Grazie per la bella risposta.
Papy Krishnasamy 4 mesi fa su fb
Meglio portare fuori di Canton Ticino Rsi.
Massimo Borromini 4 mesi fa su fb
Ma secondo mè, quelli che ci tengono e guardano questi canali, continueranno sicuramente a pagare il canone.
Anna Bellini 4 mesi fa su fb
Forse ti sfugge il fatto che se passa l'iniziativa non ci sarà più nessuno di "questi canali" da guardare...
Patrick Bongiorno 4 mesi fa su fb
Non siamo nemmeno a fine anno e questa campagna mediatica impressionante me le ha già frantumate! Saprò cosa votare a marzo senza farmi influenzare da quello che dicono e vogliono farci credere i vari media...
Regina Strafogna 4 mesi fa su fb
Ossia? Niente più frontaliers? ;-)
Patrick Bongiorno 4 mesi fa su fb
😂 potrebbe essere un ipotesi! Per me L'importante è che licenzino Mammone.🤣🤣🤣
Regina Strafogna 4 mesi fa su fb
Beh.. se voti si alla no billag il Mammone lo licenziano sicuro.. assieme al Peo!
Patrick Bongiorno 4 mesi fa su fb
Sono fortemente tentato solo per questo ma per fortuna sua ho ancora un cervello...
Roberto Andreoni 4 mesi fa su fb
Regina Strafogna Lei, per cambiare la RSI è iscritta alla CORSI e partecipa alle assemblee, vero? Il #change non si fa sui social network ma basta aderire alla CORSI (ammesso che Lei sappia cosa sia) e si può far sentire la propria voce!
Regina Strafogna 4 mesi fa su fb
No che non sono membro della corsi... ma mi sa che fraintende. A me la tv pubblica piace (più o meno) così com'è! Io dicevo solo che se passa il si, dovranno andare tutti in pre-pensionamento. Anche il peo. Non penso che molti votanti abbiamo davvero capito il rischio per il servizio pubblico nell'abolizione del canone. Ma se l'hanno capito e votano si comunque: beh.. che ce vò fa?
Patrick Bongiorno 4 mesi fa su fb
Abbiamo capito che questo è un tema dove fare del sarcasmo è complicato...🤣
Prisca Walter 4 mesi fa su fb
Per quello che fanno vedere . Per me possono eliminare SSR e La1 cose viste e stra viste ......
Roberto Andreoni 4 mesi fa su fb
Lei, per cambiare la RSI è iscritto alla CORSI e partecipa alle assemblee, vero? Il #change non si fa sui social network ma basta aderire alla CORSI (ammesso che Lei sappia cosa sia) e si può far sentire la propria voce!
Anna Bellini 4 mesi fa su fb
Scusa ma cosa intendi con "cose viste e straviste"? o.O
Prisca Walter 4 mesi fa su fb
Anna Bellini se no no guarda la ti al pomeriggio sono repliche che girano da una vita , vedi Matula
Roberto Andreoni 4 mesi fa su fb
Come dicevo, si iscriva alla CORSI e faccia sentire la Sua voce. E non mi dica che le televisioni private -da Teleticino a TeleBärn, passando per Léman Bleu- non propongano un palinsesto più ampio; anzi, 3 ore di programmazione autoprodotta, replicata più volte al giorno. Mentre Quotidiano, Telegiornale, Radiogiornali RSI propongono -ogni giorno- uno sguardo sull'attualità. Quindi sarebbe opportuno esprimersi con argomentazioni un po' più solide, che vadano oltre i luoghi comuni.
Prisca Walter 4 mesi fa su fb
Roberto Andreoni allora teleticino non vedo e anche latro indicato non so cos’è . Per vedere la tv devo avere decodificatore , e spesso non va ............. per cui faccia lei .....
Filippo Pfister 4 mesi fa su fb
Giusto per precisazione: per vedere i canali SSR basta il pagamento del canone e un antenna da 5.-. Il decoder NON é obbligatorio! Tecnicamente si possono vedere i canali SSR anche senza pagare un centesimo a Swisscom, UPC, Sunrise eccetera. Poi certo, se uno vuole vedere più canali allora deve pagare il fornitore di servizi (i quali fanno prezzi indecenti, ma ciò non dipende dalla SSR). Però é così in tutto il mondo.
Prisca Walter 4 mesi fa su fb
Filippo Pfister io uso il decoder e lo pago una volta sola non tutti i mesi 5 fr . Facciamo due calcoli in 10 anni quanti decoder ho pagato ???? In più ho pagato la tessera per vedere i canali che voglio 1 volta per cui faccia un po’ il ragionamento quanto ho risparmiato .... e torno a ripetere sui canali svizzeri non fanno niente di interessante perché sono sempre repliche ..... ognuno fa come può . Ah premetto la Billag l’ho sempre pagata mal volentieri è tutta una truffa per me . ....
Filippo Pfister 4 mesi fa su fb
Forse mi sono spiegato male: per vedere i canali SSR basta un antenna che costa 5.- in qualsiasi negozio. Poi non si paga più nulla! I 5.- li paga una volta, al negozio di elettronica, poi collega l'antenna all'apparecchio TV e la usa quanto vuole senza pagare più nulla. Non é un abbonamento! Quanto al fatto che "sui canali svizzeri non fanno niente di interessante" beh, sono opinioni. Personalmente sono fermamente convinto che i programmi RSI siano infinitamente meglio che le porcate che ci propina la TV italiana (reality, format vari e informazione pilotata), ma ovviamente rispetto la sua opinione :)
ste3990 4 mesi fa su tio
In gioco il 4 marzo non c'è soltato il futuro della nostra televisione, ma anche quello della nostra radio. C'è in gioco il futuro di televisioni e radio private che ricevono il canone. C'è in gioco il futuro del servizio PUBBLICO. Pubblico perchè fatto per tutti senza distinzioni. Votare si a questa sciagurata iniziativa significa portare avanti un concetto di mercato in un settore estremamente sensibile. Noi ticinesi abbiamo diritto a delle informazioni e a dei servizi per il nostro territorio. Fatti da noi, per noi. Abbiamo diritto a televisioni e radio che portano avanti la nostra cultura. Per tutti. Abbiamo diritto a un trattamento uguale alle altre regioni linguistiche. Abbiamo diritto a un'informazione di qualità per formarci delle opinioni e rafforzare la nostra democrazia diretta. Essere contro il servizio pubblico nel nostro paese significa voler distruggere uno strumento importante per la democrazia diretta. Significa distruggere l'unità del paese. Significa consegnare un mercato in mani straniere (e prima i nostri?!). Significa togliere centinaia di posti di lavoro diretti e indiretti a ticinesi che grazie alle imprese legate al canone portano avanti un savoir-faire di mestieri che altrimenti scomparirebbero. Votare sí il 4 marzo significa eliminare dalla storia del nostro cantone un attore importante che ci ha permesso di vivere e rivivere i momenti più importanti dal dopoguerra. Votare si il 4 marzo significa sputare sul ticino e sui ticinesi. Significa non avere rispetto per noi, la nostra gente, i nostri giovani e i nostri anziani.
kochise74 4 mesi fa su tio
@ste3990 Condivido al 100%
Thor61 4 mesi fa su tio
@ste3990 Se abbassavano il canone a 200,00Fr. (Che a mio parere sono ancora TROPPI per quello che fa la SSRG) non ci sarebbero stati tutti questi dibattimenti, ma alla SSRG piace troppo sprecare denaro, quello degli altri naturalmente.
nordico 4 mesi fa su tio
@ste3990 Calma, caro ste3990, anche se penso che tu lavori per la RSI. Si tratta di un problema di "dare per avere". Questa iniziativa non sarebbe mai nata se il canone non fosse stato così esoso. Vedi, oggi le possibilità che la tecnica elettronica ci offre sono molteplici, basti pensare a cosa ci offre youtube a costi praticamente zero, e i televisori moderni - se ben configurati - ne permettono la visione. Il servizio che ci offrono le reti nazionali non tengono conto di quest'altre realtà e ci propinano un tipo di programmazione sovradimensionato ma, in media, di una qualità che - detto in buon politichese - "ha ampi spazi di miglioramento". Oggi bisognerebbe avere il coraggio di rinunciare alle 3 seconde reti televisive che, a parte lo sport, vivono di ripetizioni e telefilm e hanno uno share miserino. Con questa rinuncia si potrebbe ridurre il canone a un livello più accettabile. In quanto poi a fare del terrorismo parlando di mestieri che scompaiono e dello scorso dopoguerra (che c'entra come i cavoli a merenda), qui penso, caro ste3990, che sei completamente fuori tema. L'importante è avere un'informazione di qualità e che sappia separare la notizia dal commento (cosa che purtroppo non sempre succede) e programmi che promuovano la nostra cultura, e non (solo) la violenza gratuita che alcuni film ci mostrano. Se le persone alla testa delle nostre emittenti non riescono a darci meno programmi ma più qualità, beh, allora è ora di cambiarle.
Claudio Cherchi Grande 4 mesi fa su fb
Il billag può essere pagato ma 450 chf all'anno sono troppi. Ridurrei il costo
Umberto Federico 4 mesi fa su fb
Costerà 1 franco al giorno infatti
Nicolà Wenger 4 mesi fa su fb
Infatti verrà ridotto.
Claudio Cherchi Grande 4 mesi fa su fb
Nicolà Wenger si lo so, intendevo un ulteriore ribasso.
Filippo Pfister 4 mesi fa su fb
Il problema grosso é che i costi che incidono veramente sulle economie domestiche per quanto riguarda la TV, sono quelli dei fornitori di servizi (Swisscom, UPC, ecc) che si intascano tranquillamente 1500.- anni senza giustificazione valida. Poi si può discutere anche dell'ammontare del canone ovviamente, ma se davvero si volesse far risparmiare le famiglie bisognerebbe proporre qualcosa mirato a ridurre i costi dei fornitori di servizi e non attaccando solo la SSR
Claudio Filipponi 4 mesi fa su fb
nessuno ti obbliga ad avere SwisscomTV o UPC. Mai sentito parlare di Zattoo?
Tarok 4 mesi fa su tio
la ssr che voglio io? SPENTA
Thor61 4 mesi fa su tio
@Tarok Allo stato attuale siamo in DUE ;o)))
samarcanda 4 mesi fa su tio
Denunce per abuso di potere (v. assunzione dei raccomandati), per dumping, per clientelismo, ecc. Ma a questo punto, dopo anni di abusi (e dai programmi si vede, eccome) è meglio fargliela chiudere, così che i raccomandati si mettano anch'essi in fila come gli altri a cercare lavoro.
kochise74 4 mesi fa su tio
@samarcanda Raccomandati?Io ne conosco alcuni che ci lavorano ed hanno seguito i concorsi ufficiali ed eseguito selezioni e prove scritte/orali e test. Non escludo che qualche raccomandato vi sia ma allora smettiamo di pagare le tasse perché tra politici, Stato, Cantone, Confederazione di raccomandati é pieno.Per non parlare dei piccoli posti...pensi che alla Manor non asumano amici degli amici?!? Siamo in Ticino dai...
samarcanda 4 mesi fa su tio
@kochise74 Appunto: siamo in Ticino. È ora di smetterla con questi sistemi mafiosi. Non sono legali e intaccano, facendola poi marcire, la società. Ne annullano meriti e progresso.
kochise74 4 mesi fa su tio
@samarcanda Allora dovremmo licenziare tutti da tutti i posti (privati e pubblici) e reiniziare da capo... condivido ideologicamente ma credo sia davvero dura praticarlo.
kochise74 4 mesi fa su tio
@kochise74 Vero. Ma siamo realisti va che é meglio. Allora licenziamo tutti in ticino e riassumiamo tutti. Dal pubblico al privato, dallo Stato alla piccola impresa edile....
samarcanda 4 mesi fa su tio
@kochise74 Così provano anche gli oligarchi cosa significa essere disoccupati. La disoccupazione è dura per tutti e se si propugna il neo-liberalismo, allora che si diano da fare anche loro.
pillola rossa 4 mesi fa su tio
@kochise74 I privati assumono quelli che vogliono e se non fanno utili chiudono. Lo Stato dovrebbe funzionare in modo diverso, per rispetto di chi paga le imposte.
F.Netri 4 mesi fa su tio
Renderla meno marxista-leninista!
samarcanda 4 mesi fa su tio
@F.Netri Ma dov'è marxista-leninista? È solo una realtà provinciale!
volavola 4 mesi fa su tio
@F.Netri Buona idea! Si potrebbe trasformare in una setta religiosa di nostalgici dell'ordine cavalleresco religioso più famoso della storia: I Templari. Sembra che tu sia un grande fan...toccio.
TIC 4 mesi fa su tio
@F.Netri Hai dimenticato Trotskyana ... ahahaha, ma dai !
F.Netri 4 mesi fa su tio
@volavola Fantoccio sarai tu, imbecille!
limortaccituoi 4 mesi fa su tio
@volavola ahaha i templari! Ti dice già tutto sul soggetto...
flowerking 4 mesi fa su tio
Il canone attuale (che una personadeve pagare anche se non guarda mai la TV e/o non ascolta mai la radio) deve essere diminuito e di molto ( e non 1 franco al giorno!). Di conseguenza anche la RSI deve ridimensionarsi e tornare ad avere un solo canale Tv e un solo canale radio.
kochise74 4 mesi fa su tio
@flowerking Forse é la via giusta ma non la votazione giusta. L'iniziativa parla di asta delle concessioni e nessuna TV gestita dallo stato o da terzi per lo stato se non in caso di guerra (se none erro son più o meno 700 anni che non ne facciamo una noi). Quindi l'abbassamento del canone o l'inserimento nelle tasse sarebbe lo step dopo e solo se questa iniziativa sarà bocciata.Leggete bene il testo, é semplice e di chiara lettura.
TIC 4 mesi fa su tio
@flowerking Per cui non saresti per la chiusura ?
kochise74 4 mesi fa su tio
@TIC Personalmente NO e voterò NO. È dal 2015 che il popolo ed il Consiglio federale hanno accettato delle procedure. La prima é che a partire dal 2019 anche tutti i dipendenti pagheranno il canone.Non che ora non lo paghino ma per loro lo paga la SSR riducendo lo stipendio di 451 fr all'anno. Qui non voglio far polemiche ma dico solo che 2 miei amici lavorano alle ferrovie e per le loro famiglie l'abbonamento generale dei mezzi pubblici é gratuito (si parla di più di 1500.- annui).Stessa cosa per Swisscom: non pagano il telefono e internet..Quindi io voglio una TV di stato dato che si occupi anche delle minoranze e dei paesini d'alta valle e della mia terra. Poi deve sistemare un po' di cose ma questa é la votazione sbagliata a mio avviso. Già votare su licenziare 7000 persone in Svizzera mi sembra assurdo....
Thor61 4 mesi fa su tio
@TIC Quielli che vogliono la chiusura sono proprio i "sig.ri" di SSRG, altrimenti portavano il canone a 200,00Fr. e la storia non si poneva nemmeno, quindi??............
volavola 4 mesi fa su tio
Io cambierei una sola cosa: La tassa di ricezione va inserita nelle imposte (stesso discorso con la LAMAL)... se prendi 4'000 al mese paghi 200chf all'anno; se ne prendi 10'000 al mese ne paghi 500 all'anno e così via... ma ieri i politici hanno deciso di fare nuovamente uno sconto ai ricchi e alle aziende in nome della competitività... Al cittadino comune sfugge il vero problema ma non perché è stupido; perché i politici sono abili a spostare il focus dove vogliono loro.
TIC 4 mesi fa su tio
@volavola La tua idea non é per niente male !
kochise74 4 mesi fa su tio
@volavola Concordo. Ma appunto da non chiudere secondo me....Altrimenti ci toccherà guardare il Tg di espansione TV o telelombardia....Tra l'altro espansione Tv aveva già iniziato a trattare sport (sopratutto hockey) ticinese e chiamava a Como ospiti e giocatori svizzeri...
andrea28 4 mesi fa su tio
1)Via la Billag. 2)Far incassare il canone dalla via cavo o Swisscom TV, così paga solo chi guarda veramente e con costi minori. 3)Togliere La2: se eliminiamo giochi inutili, film trasmessi contemporaneamente su altri canali e un po' di sport di 3a lega, un solo canale basta e avanza. Insomma facciamo un passo indietro per garantire un servizio pubblico di qualità, non di quantità
kochise74 4 mesi fa su tio
@andrea28 Posso anche concordare ma l'iniziativa non é via la billag e troviamo un modo per finanziarla. Ma via la billag e mettiamo all'asta le concessioni. Swisscom non potrà gestire una TV in quanto per il 51% é dello Stato e l'iniziativa (se approvata) lo vieta. Probabile entrata mercato estero e non in italiano...
andrea28 4 mesi fa su tio
@kochise74 Hai ragione, ma io ho risposto al quesito posto dall'articolo: cosa cambieresti della SSR? E poi pensi veramente che verrebbe abolito il servizio pubblico? In tutte le ultime votazioni importanti non mi sembra che la politica abbia seguito la volontà popolare, ma l'abbia travisata alquanto. Quindi un segnale forte potrebbe costringere la politica ad agire, uno debole darebbe il pretesto per travisare lo scontento trasversale sulla questione.
Thor61 4 mesi fa su tio
@andrea28 Infatti non hanno preparato nemmeno un piano in caso vincesse il No Billag, della serie, come finisce, finisce io (SSRG) me ne frego??!! Se accettavano quanto proposto dai refendari, cioè abbassare il canone a 200,00Fr. la questione non si poneva più. ma alla SSRG piace troppo sprecare denaro, quello degli altri naturalmente.
cf. 4 mesi fa su tio
@Thor61 Non sono referendari ma iniziativisti. E poi non hanno proposto 200 franchi, ma 0. Leggi l'iniziativa. Se avrebbero voluto 200 franchi avrebbero scritto 200 franchi nel testo dell'iniziativa (che del resto non si limita solo a sopprimere il canone)
Thor61 4 mesi fa su tio
@cf. Vedo che per te la lingua italiana sia un hobby. Faccio notare come le informazioni che hai siano fallaci per cui ti auguro un miglioramento in entrambi i campi, eppure sembrerebbe che entrambi leggiamo lo stesso blog.
TIC 4 mesi fa su tio
@ Igor Gutschen : Se a un tecnico con famiglia che guadagna 4500 franchi al mese vuoi dargli solo il 50 % di stipendio 2250.- ... Come fa a vivere in Svizzera ?!
flowerking 4 mesi fa su tio
@TIC Si arrangia a vivere come fanno tante persone in Ticino (e sono molte!).
kochise74 4 mesi fa su tio
@flowerking Credo che dare 2250.- sia un ragionamento tipico capitalista da chi fa dumping salariale. Io sono fautore del salario minimo e se diamo 2250 questo sarà il nuovo metro. Direi in contrasto con tutto quello che i sindacati stanno cercando di fare...
Marco Merola 4 mesi fa su fb
Non si tratta di cambiare. Deve costare meno punto. Non più di 100 franchi all'anno per 2 canali
Filippo Pfister 4 mesi fa su fb
Due canali per 4 lingue nazionali la vedo dura...
Marco Merola 4 mesi fa su fb
Intendevo in Ticino.. pensavo si capisse. Il Ticinese medio di certo non parla e capisce 4 lingue 😂
Cesare Saldarini 4 mesi fa su fb
Il servizio è federale... Ergo in 4 lingue. E ricevendo molto più di quanto versiamo cara grazia! Inoltre, un ticinese dovrebbe saperne tre di lingue.
Raffaella Norsa 4 mesi fa su fb
Marco Merola il ticinese medio dovrebbe parlare le quattro lingue visto che vengono studiate nelle scuole dell’obbligo
Filippo Pfister 4 mesi fa su fb
Il riferimento al solo Ticino era ovvio, chiaro. Però l'articolo parla di SSR e non di RSI. Inoltre, come é giustamente già stato detto, il servizio é federale e non si può - fortunatamente per noi - scorporare tra regioni linguistiche o cantoni. P.S. Non centra nulla, ma un ticinese che non capisce almeno i rudimenti di 3 lingue nazionali secondo me dovrebbe vergognarsi
Garage Bellinzona 4 mesi fa su fb
Il canone va abbassato e inserito nelle imposte. Cio significa che tutti lo pagano. Allo stato attuale ci sono una marea di persone che non lo pagano. Ci credo che costa piu di 400fr!!!
Lore Cairoli 4 mesi fa su fb
Oltre a quanto detto aggiungo che anche solo in Italiano lei, come tutti noi, dal canone non beneficia soltanto di 2 canali televisivi, ma anche di 3 radiofonici puramente ticinesi, 3 canali radiofonici di solo musica, il sito di informazioni rsi, il sito di informazioni swissinfo e, sempre con il canone, tutte le realtà ticinesi come radio 3i o teleticino vengono sostenute economicamente.
Marco Merola 4 mesi fa su fb
I giornali possono finanziarsi con le vendite. Quelli online con la pubblicità, così come le radio e la rsi. I loro costi non vanno scaricati sui cittadini. 440 franchi all'anno è un prezzo folle.
Cesare Saldarini 4 mesi fa su fb
Marco Merola la tv pubblica, per essere tale no. Se svolge un servizio pubblico deve essere finanziata dai cittadini.
Filippo Pfister 4 mesi fa su fb
In tutta Europa (e in gran parte del resto del mondo) la TV pubblica é finanziata cosi. Non ci sono alternative valide. Pensare che la RSI possa finanziarsi con le pubblicità del Karubian di turno é quantomeno da ingenui...
Marco Merola 4 mesi fa su fb
Ma lo capite l'italiano? La media del canone televisivo pagato nelle altre nazioni europee è circa 130 euro. 440 franchi é un prezzo esagerato. è il triplo della media europea. Con le pubblicità integrano già il fiume di denaro che ricevono
Filippo Pfister 4 mesi fa su fb
Ma anche no. Basta fare un paragone con lo stipendio medio per capire che l'incidenza del canone SSR é inferiore a quella, ad esempio, che ha il canone in molti paesi nordici. Limitarsi alle cifre assolute non ha senso! Si sa che mediamente in Svizzera tutto é più caro rispetto alla media europea. Bisognerebbe semmai chiedersi perché é così (costi di produzione più alti, necessità di produrre tutto in 3 o 4 lingue, carovita, ecc). Le pubblicità artualmente coprono meno del 25% dei costi. Ma questo ovviamente quelli della No Billag non lo dicono mai... Poi uno é libero di pensarla come vuole eh. Però almeno che si ragioni partendo dagli elementi reali e non dagli slogan
Cesare Saldarini 4 mesi fa su fb
Marco Merola certo paragonare la situazione Europea a quella Svizzera è proprio corretto...
Alessandro Kom 4 mesi fa su fb
Vi auguro i palinsesti rai,le Barbare d’Urso , il grande fratello e le meraviglie Fininvest, e il pagamento , in Italia 450 euro annui che vanno aggiunti ai 90 del canone Rai, per poter vedere formula 1, Motogp,Tennis, Coppe europee di calcio . Cazzo volete che siano 540 euro l’anno per noi “ frontalieri “ . Dimenticavo , da Milano in giù , ad est e ad ovest , di fortunati frontalieri non ce ne sono. Fatevi salassare da chi vi imporra’ Sky o dai proprietari che si accaparreranno la vostra Tv “ di stato” . Se poi pensate che internet sia democratica e vi permetta di scegliere senza capestri, siete fuori strada .
Alexandre Sassella 4 mesi fa su fb
Qui si paga all' anno 1400 ticino
Filippo Pfister 4 mesi fa su fb
Ma anche no. I 1400.- (e rotti) all'anno se li intascano la Swisscom TV, la UPC o la Sunrise TV di turno. La SSR non c'entra NULLA! I costi assurdi sono quelli dei fornitori di servizi, non certo quelli del canone che, dall anno prossimo, ammonteranno a 365.-, corrispondenti a circa 1/4 di quanto si intascano i fornitori di servizi in maniera del tutto ingiustificata. Non miss chiamo burro e ferrovia.
Raffaella Norsa 4 mesi fa su fb
Alexandre Sassella e tra l’altro in Italia ne paghi 90 e non 450. Se poi vuole Sky o altre tv satellitari il problema è suo
Bossart Simon 4 mesi fa su fb
Noi paghiamo billag e poi per vedere qualcosa 1000 fr. all’anno in piu
Filippo Pfister 4 mesi fa su fb
Giusto per precisazione: per vedere i canali SSR basta il pagamento del canone e un antenna da 5.-. Tecnicamente si possono vedere anche senza pagare un centesimo a Swisscom, UPC, Sunrise eccetera. Poi certo, se uno vuole vedere più canali allora deve pagare il fornitore di servizi (i quali fanno prezzi indecenti, ma ciò non dipende dalla SSR). Però é così in tutto il mondo.
Filippo Pfister 4 mesi fa su fb
É ovvio che il canone è in Italia pro capite sia più basso! La RAI può produrre in una sola linuga e puo spalmare i costi su 60 milioni di persone, la SSR deve produrre in 3 (4) lingue e deve spalmare i costi su 8 milioni di abitanti. Suvvia, non diciamo assurdità facendo paragoni senza un minimo di contrstualizzazione
Alessandro Kom 4 mesi fa su fb
Raffaella Norsa Il problema é tuo? Io pago obbligatoriamente 90 euro per vedere cosa? Se voglio vedere ciò che mi piace il problema , e di come me ce ne sono alcuni milioni, non è solo mio e i 450 eurini devo pagarli. E come lei ben sa, i nostri denari pesano in modo diverso da quelli degli Svizzeri.
Alessandro Kom 4 mesi fa su fb
Filippo Pfister Senza tenere presente che con 90 euro vedo zero moto, tennis, Champion e Europa League, , ecc.ecc.
Valeria Maeusli 4 mesi fa su fb
Sarà bellissimo non avere più una tv neutrale dal punto di vista politico e pregna di pubblicità. Ma tanto infondo chi si informa più? 😑
Ilaria Piraneo Giuliano 4 mesi fa su fb
Neutrale dal punto di vista politico? 😂
Mauro Gaggini 4 mesi fa su fb
La SSR e RSI in particolare si è impantanata in questa situazione proprio perché non è per niente neutrale sia sul piano politico che sportivo😡 inoltre il mercato attualmente ricerca altre cose che le televisioni private offrono a piene mani, anche se per gli intellettuali di comano la definiscono come tele spazzatura
Cesare Saldarini 4 mesi fa su fb
Perché non è neutrale? Sentiamo? Ah già lo dice un domenicale...
Roberto Andreoni 4 mesi fa su fb
Mauro Gaggini Ah secondo Lei i privati offrono le stesse cose della RSI? 40 minuti giornalieri di Quotidiano (7 giorni su 7!) contro circa 15 minuti di Ticino News (chiuso la domenica!). Oltre al fatto che la RSI propone servizi dai villaggi più discosti, proprio perché trattasi di #serviziopubblico. Teleticino non ha alcun interesse a raggiungere paesini come Corippo.
Filippo Pfister 4 mesi fa su fb
E comunque anche Teleticino sta in piedi grazie al canone. Le TV private che si reggono solo sulle proprie gambe non esistono e non possono esistere (forse solo TeleZüri).
Lore Cairoli 4 mesi fa su fb
La rsi non è neutrale? Ok, è il vostro parere. La rsi ha l'obbligo giuridico di essere super-partes. Voi credete che non lo sia, la costituzione offre un organo apposito per segnalare situazioni simili, lo avete sfruttato? Inutile dire che quest'organo verrebbe eliminato nel caso passasse la modifica. Se volete fare ricorso e non conoscete l'organo, ecco a voi un link a cui informarvi: https://ombudsman-rtv-priv.ch/organo-di-mediazione/amp/
Luca Mer 4 mesi fa su fb
Che bello, e io sono babbo natale....
Mauro Gaggini 4 mesi fa su fb
Lore Cairoli non faccio nessun ricorso ma aspetto serenamente l'esito della votazione ed accetterò il verdetto del popolo sovrano
Lore Cairoli 4 mesi fa su fb
Luca Mer ma prima di giudicare lei ha mai provato o è la classica persona che sputa sentenze sui social ma nella vita non è nemmeno in grado di sostenere una discussione semplice semplice? Mauro Gaggini se sceglie di non fare ricorso allora non può andare in giro a lamentarsi che la rsi si schiera politicamente. Inoltre il popolo dovrebbe ricordarsi che in uno stato democratico ha si dei diritti, ma anche dei doveri.
Sylvan Rusca 4 mesi fa su fb
Più rispetto per i contribuenti (quindi non sprecare soldi inutilmente e rivedere alcuni stipendi e compensi di pseudo opinionisti); Più rispetto alle nostre tradizioni e cultura. È una rete Svizzera e che rimanga tale, di canali italiani ne abbiamo già abbastanza.
Raffaella Norsa 4 mesi fa su fb
Canali italiani che vedi gratuitamente mentre per vedere due canali in lingua italiana devi pagare la Billag. Con le trasmissioni che finisco alle 24
Roberto Andreoni 4 mesi fa su fb
Forse a voi non è chiaro che -accettando l'iniziativa- non si vedranno neanche più i 2 canali RSI, visto che il testo VIETA al Governo di finanziare emittenti. Forse conviene leggere l'iniziativa prima di esprimersi...
Filippo Pfister 4 mesi fa su fb
I canali italiani si vedono gratis solo perché vengono finanziati con il canone italiano eh... Non é che la RAI lavora pro bono. Suvvia....
Pepe Ticino 4 mesi fa su fb
Abolire. La televisione è obsoleta e ancor più obsoleto è il concetto di televisione di stato.
Anna Bellini 4 mesi fa su fb
La televisione è obsoleta??? Ma in che nuvoletta (di fumo) vivi? :D
Pepe Ticino 4 mesi fa su fb
Anna Bellini lo dicono le statistiche nonna. Radio, TV e giornali fisici sono sempre meno usufruiti, secondo te quali due mezzi di comunicazione le stanno soppiantando?
Anna Bellini 4 mesi fa su fb
Bel tentativo, moccioso. Ma, sorvolando sullo strafalcione linguistico, ti comunico che cercare di confondere le acque mischiando la margarina con l'areonautica (burro e ferrovia ormai non bastano più) non funziona. Dai, tira fuori una statistica che dimostri la tua affermazione e cioè che LA TELEVISIONE È OBSOLETA.
Pepe Ticino 4 mesi fa su fb
Anna Bellini Scusa ma hai bisogno di una statistica per accorgerti che le nuove generazioni passano sempre meno tempo davanti alla tele e sempre più tempo davanti a smartphone e PC? Comunque ecco qua... http://www.businessinsider.com/cable-tv-subscribers-plunging-2015-8
Anna Bellini 4 mesi fa su fb
Fai una bella cosa, dai: dì che stai scherzando/trollando (male) e la mettiamo via così... :D ...perché se sei davvero convinto di quello che dici (ma forse sarebbe meglio dire di quello-che-credi-di-aver-capito... compresa quella statistica, che parla di tutt'altro e, semmai, dimostra esattamente l'opposto di ciò che stai dicendo tu) sei davvero messo malino.
Pepe Ticino 4 mesi fa su fb
Anna Bellini Va bene nonna...
Cesare Saldarini 4 mesi fa su fb
Pepe Ticino il suo grafico parla delle sottoscrizioni alla tv via cavo in USA. Esempio di utilizzo della televisione in Svizzera sulla quale si sta dibattendo... Non basta googlare una cosa a caso per avere ragione...
Pepe Ticino 4 mesi fa su fb
Cesare Saldarini di dati per la Svizzera non ne ho trovati, ma davvero mettete in dubbio che di fronte alla crescita di Internet la gente guardi sempre meno TV, radio e giornali a scapito di natel/PC/tablet?
Anna Bellini 4 mesi fa su fb
Prima fai il fenomeno e poi speri di cavartela con "di dati per la Svizzera non ne ho trovati"? :D Fatto sta che la crescita di internet è una cosa, il fatto che gli ascolti della TV generalista abbiano subito una certa flessione è un'altra cosa e, soprattutto, dire che la televisione è obsoleta è e resta una boiata colossale. Anche perché, guarda caso (e sorvolando sull'ennesimo strafalcione linguistico) natel/PC/tablet sono solo dei mezzi di trasferimento dati, non dei fornitori di contenuti: e infatti in tanti li usano proprio per guardare programmi TELEVISIVI... SSR compresa.
Anna Bellini 4 mesi fa su fb
Per capirci: "la televisione" e "il televisore" non sono la stessa cosa. ;)
Pepe Ticino 4 mesi fa su fb
Anna Bellini non sono la stessa cosa ma le due cose vanno insieme. Obsoleto è poi un termine relativo e soggettivo, c'è che chi ascolta ancora il grammofono, quello che difficilmente è discutibile che è i contenuti mediatici e l'informazione si stanno spostando sempre più dall'essere fatti per il televisore e sempre più per PC tablet e smartphone. Se non fosse così non staremmo neanche facendo questa discussione, io e molti altri cittadini la televisione NON la guardiamo e non c'è motivo che tenga perchè dobbiamo anche pagarla.
Anna Bellini 4 mesi fa su fb
Ma guarda, tutt'a un tratto "obsoleto" diventa un termine relativo e soggettivo (che è come dire che hai ragione solo perché pensi di averla)... :D Quanto al tuo discorso riguardo allo "spostamento dei contenuti mediatici", quello lo sanno anche gli gnu ma, di nuovo, non cambia una virgola rispetto a ciò che cercavo di spiegarti: non stiamo parlando di supporti ma di contenuti. La SSR non produce supporti ma contenuti (che possono essere e vengono riprodotti su TUTTI i potenziali supporti, più o meno moderni e "trendy")... E sarei pronta a scommettere che, anche se non lo ammetteresti mai, ogni tanto li guardi/ascolti pure tu.
Pepe Ticino 4 mesi fa su fb
Anna Bellini puoi rigirarla come vuoi, il televisore è un mezzo tecnologico in via di estinzione e i contenuti SSR fanno schifo. E no, non guardo proprio la tele. Quale contenuto credi sia indispensabile che non potrei guardarlo altrove?
Anna Bellini 4 mesi fa su fb
Sei tu che "rigiri", non io, e infatti ora parli di "televisore" (che comunque non è affatto in via di estinzione, anzi, prova ne sia che ne trovi ALMENO uno praticamente in ogni abitazione) e quanto ai contenuti, la giri sui (tuoi) gusti personali (ma, rassegnati, quello che fa schifo a te non fa necessariamente schifo a tutti). Quanto al resto, non esiste nulla di "indispensabile" (nemmeno la Cassa Malati lo è, se non ti ammali): per la cronaca, anch'io non seguo quasi mai la RSI ma sono sicura che se questa iniziativa andrà in porto ci rimetteremo tutti, ben più di quel franco al giorno che ci costerebbe il canone.
Pepe Ticino 4 mesi fa su fb
Anna Bellini io invece penso che avremmo tutto da guadagnarci, sia dalla parte dei contenuti e l'informazione.
Filippo Pfister 4 mesi fa su fb
Il digitale avanza sempre più, questo é chiaro. Però l'interesse della popolazione per la "vecchia" RSI (che tra l'altro é anche in digitale) sembra stabile https://www.rsi.ch/news/ticino-e-grigioni-e-insubria/Bene-la-TV-vola-lonline-8567818.html
avalon 4 mesi fa su tio
Se consideri che la RSI, tanto radio come TV, sia "a misura di anziano", probabilmente non conosci gli "Anziani" ticinesi.. Secondo me cercano di scimmiottare le emittenti italiane che, a loro volta, sono la copia in brutto di quelle U.S.A. Sono la domenica, per poche ore, si potrebbero recepire la "nostre" di Comano come Ticinesi...
kochise74 4 mesi fa su tio
Che vi sia qualcosa da sistemare sicuramente e siam tutti d'accordo ma da qui a chiudere un'azienda svizzera che, messa insieme,conta un numero di abitanti di una piccola cittadina (tipo Chiasso) ne passa di acqua sotto i ponti.In più non si avrebbe una TV di stato perché le concessioni andrebbero all'asta.A chi importerà del Ticino (400'000 anime che parlano italiano)?Tutto prodotto in svizzero tedesco oppure telegiornale di Telelombardia..
Bandito976 4 mesi fa su tio
@kochise74 A Berna se ne fottono giá del ticino. Siamo un cantone in vendita al miglior offerente
TIC 4 mesi fa su tio
@kochise74 Perfettamente in sintonia con il mio pensiero. @ Bandito : non se ne "fottono" per niente del Ticino, ci danno diversi milioni, informati !
Thor61 4 mesi fa su tio
@kochise74 Se non volevano il referendum avrebbero dovuto accettare quanto proposto dai refendari, abbassare il canone a 200,00Fr. ma alla SSRG piace troppo sprecare denaro, quello degli altri naturalmente.
Thor61 4 mesi fa su tio
@Bandito976 Lo hanno appena confermato con il nuovo CCL del settore dei distributori con un salario minimo, TRANNE che per il Ticino, chissà come mai!
kochise74 4 mesi fa su tio
@Thor61 In realtà non é la SSR che non ha accettato il referendum di 200.- ma il Consiglio Federale non lo ha accettato ed ha ritenuto che un controprogetto non fosse attuabile. I motivi non li conosco perché non faccio parte dei 7 della stanza dei bottini di Berna... Come tutte le cose la SSR non può far nulla se non andare avanti come sempre ed attendere dato che é direttamente implicata. Non può fare propaganda su questo argomento ma solo informazione...
Thor61 4 mesi fa su tio
@kochise74 Faccio notare che C.F. e SSRG (Esattamente come Swisscom, Billag, FFS e molto altro di cui la Confederazione è la proprietaria, alla faccia delle "Privatizzazioni" fasulle) sono la stessa cosa, quindi non cambia la sostanza, anzi dimostra solo quanto il CF sia poco propenso ad usare criteri di equità inerente alla TV e non solo, usassero lo stesso metro di misura con l'UE con cui fanno stipule assurde e REGALI non richiesti, invece di tartassare di tasse e leggi gli indigeni.
kochise74 4 mesi fa su tio
Ma vi rendete conto dell'incoerenza dell'iniziativa lanciata dai partitoni che dovrebbero difendere il popolo svizzero?Quelli che hanno fatto "prima i nostri" e che ora vogliono far chiudere un'azienda in ticino di 60 anni che ha una percentuale di lavoratori residenti del 98% solo per intascarsi molti $$$ loro? 7000 posti di lavoro in svizzera per arricchire 5-6 persone e che scaricherà la completa responsabilità dell'aumento della disoccupazione, avs, tasse, al popolo svizzero che ha votato?!?Assurdo.Davvero assurdo a mio avviso.
MIM 4 mesi fa su tio
@kochise74 Io leggo molta incoerenza in quello che scrivi tu, sinceramente.
Thor61 4 mesi fa su tio
@kochise74 Se non avessero voluto il referendum avrebbero dovuto accettare quanto proposto dai refendari, cioè abbassare il canone a 200,00Fr. ma alla SSRG piace troppo sprecare denaro, quello degli altri naturalmente.
kochise74 4 mesi fa su tio
@MIM Perfetto dimmi cosa però, caro MIM.
kochise74 4 mesi fa su tio
Stipendi inferiori del 50% per tutti, 70% per i dirigenti? Davvero Igor Gutschen sa o stipendio di riferimento di uno dei 60 posti (non dirigenziali) all'interno della RSI? Ma per favore, basta propaganda da 2 soldi.Forse 20 anni fa...ma oggi é diverso. Su questo passo non scordiamoci UBS, salvata con le nostre tasse (di chi le paga almeno) e che continua a licenziare. Oppure Argo1, pagato coi soldini pubblici e nessuna testa caduta.Tutti lì...
pontsort 4 mesi fa su tio
@kochise74 Quindi per te, visto che molti ricevono stipendi da fame lo dovrebbero fare anche chi lavora in settori che per ora sono stati risparmiati da questa corsa al ribasso?
kochise74 4 mesi fa su tio
@pontsort Assolutamente no. Anzi io sono un fautore dei minimi salariali e anti dumping. Ma se li abbassiamo del 50% per arrivare a 2500.- al mese andiamo leggermente controcorrente con quanto fanno i sindacati. Questo ragionamento lo trovo capitalista, tipico da chi ha un'azienda e fa dumping per arricchirsi. Se accettiamo 2500.- questo sarà il nuovo metro di misura...
WGWG 4 mesi fa su tio
Non si pagano sufficienti imposte per mantenere l esistente ? Forse non bisognerebbe sperperare quel denaro promettendolo a destra e a manca a fondo perso e senza nulla in cambio. Poche parole da buon intenditore
Igor Gutschen 4 mesi fa su fb
io personalmente voglio una SSR che tolga il sorriso dalle facce di coloro che vi lavorano all'interno; stipendi inferiori del 50% per tutti e del 70% inferiori per i dirigenti. Accorpamento delle varie sedi e, chiusura immediata di due canali radio pubblici e del secondo canale. Blocco immediato di parte del canone voluto da Lombardi con una legge a d.o.c. alle radio e tv private che, potranno navigare da sole con le loro capacità raccogliendo pubblicità come fanno tutte le radio/tv private del mondo. Forse quando avranno tagliato i rami secchi, si potrà riconsiderare di far pagare il canone ai cittadini.
Alex Cava 4 mesi fa su fb
Tagliando gli stipendi si abbasserà l'asticella anche per tutti gli altri... È più interessante fare il contrario: se ancora ci sono stipendi degni, in Ticino, dovremmo proteggerli e lottare per averli in tutti i settori! Sul tagliare i fondi alle tv private invece sono d'accordo. :-)
Stefano Casalinuovo 4 mesi fa su fb
Io sono ben contento che in Ticino ci sia un datore di lavoro che paga stipendi dignitosi a tutti i suoi collaboratori.
Filippo Pfister 4 mesi fa su fb
Il continuo lamentarsi (giustamente) di come gli stipendi in Ticino siano troppo bassi e poi chiedere la riduzione del 50% di quegli stipendi ancora onesti é l'apoteosi dell'incoerenza... My 2 cents
Cesare Saldarini 4 mesi fa su fb
Lei conosce gli stipendi di tutti i lavoratori RSI? Dimezzargli gli stipendi? Ah già la Casta prende stipendi da 10’000 al mese...
Mayla Border 4 mesi fa su fb
Se si dovessero dimezzare gli stipendi, diventerebbero salari unicamente per frontalieri!
Igor Gutschen 4 mesi fa su fb
Cesare Saldarini non me ne frega nulla della casta; chi lavora nel settore pubblico ha già il posto al caldo praticamente a vita, in quanto difficilmente vengono lasciati a casa, almeno abbassare lo stipendio. Chi lavora nel privato non ha mai avuto tutta questa sicurezza.
Igor Gutschen 4 mesi fa su fb
Maya Border vorrà dire che invece di spendere lo stipendio solo per andare a cena e fare la spesa in Italia, porteranno anche la residenza e faranno anche loro i frontalieri!
Roberto Andreoni 4 mesi fa su fb
Igor Gutschen Certo che Lei parla proprio con cognizione di causa! #eufemismo! Mai sentito parlare dei licenziamenti operati nei mesi scorsi? Strano perché sono state proprio le TV private -da lei tanto apprezzate- a darne notizia! E sempre secondo Lei, avere all'improvviso un migliaio di disoccupati in Ticino -in caso di chiusura della RSI, perché è QUESTO che l'iniziativa chiede- non farebbe male all'economia cantonale? Guardi che poi sarebbe ancora Lei chiamato alla cassa: non ha mai letto le cifre sull'indotto che ha la RSI sulle imprese locali? E tornando al suo primo post, si dice "ad hoc" (locuzione latina!). Tante cose si possono imparare anche seguendo i quiz e i giochi della RSI... Una radiotelevisione che fornisce una panoramica su quello che accade oltre Gottardo. Senza di essa, il ticinese medio resterebbe ignorante e non saprebbe neppure chi sono i sette Consiglieri federali! Saluti!
Igor Gutschen 4 mesi fa su fb
Roberto Andreoni e quindi per salvare un migliaio di posti di lavoro, andiamo avanti a vessare tutti gli altri con un canone demenziale! La gente era più produttiva ed intelligente prima ancora che la radio e tv fossero presenti ad indicare linee guida, ciò detto; dato che è molto ferrato col latino faccia lei impresa e crei posti di lavoro, da come parla sono certo che è un vero talento. Il mio d.o.c. era voluto...o se preferisce una presa per il culo...tornando alla nostra RSI, oggi con tutte le tecnologie, non occorre così tanto personale per gestire una tv e se, un tempo per avere una programmazione più vicina al territorio occorreva avere sedi ovunque, non mi pare proprio il caso nel 2017, dove con una semplice connessione internet puoi trasmettere. Sembra di sentire i cialtroni della Posta che rimpiangono i vecchi tempi e, si rifiutano di utilizzare le nuove tecnologie. Purtroppo salteranno vecchi impieghi e ne verranno creati altri nel settore informatico...suvvia, alla fine tra RSI e Posta e impieghi comunali o cantonali, tutti si sono fatti la casetta a carico dei contribuenti, oggi potranno metterci sopra una bella ipoteca.
Simon James Wachter 4 mesi fa su fb
Mahhhh... quanta ignoranza. Spero che un giorno il tuo datore di lavoro ti toglie una fetta di stipendio.
Cesare Saldarini 4 mesi fa su fb
Igor Gutschen quindi le faccio un esempio, l’incaricato delle pulizie della RSI mettiamo che prenda 3400.- al mese, le dimezziamo lo stipendio per un 1700.- al mese? Tra l’altro chi le dice che un lavoro pubblico ha il posto, al caldo?
Alessandro Asta 4 mesi fa su fb
Ti ricordo che i loro sono dei super stipendi .... forse un po’ troppo esagitasti per un tv piatto
Roberto Andreoni 4 mesi fa su fb
Alessandro Asta Ma chi parla di stipendi, lo fa con cognizione di causa o per luoghi comuni? Scommetto che Lei stesso non abbia MAI preso in mano i conti della RSI [che tra l'altro sono PUBBLICI!] e che li abbia pure analizzati, prima di esprimersi a sbalzo solo perché non apprezza i programmi dell'Ente pubblico. E questo sarebbe dibattito democratico?!
Roberto Andreoni 4 mesi fa su fb
Igor Gutschen Tornando alla Sua ultima risposta, Lei lo sa che gli utenti svizzero-tedeschi (che NON guardano di certo la RSI) finanziano tuttavia i "nostri" due canali TV, tre radio, teletext e anche la centrale del traffico di Viasuisse? Se ticinesi e grigionesi italofoni dovessero finanziare tutto ciò da soli... allora sì che il canone sarebbe "demenziale". Mentre Le ricordo che fra un anno passerà a 365.- annui e che -comunque- la RSI sarà costretta a ridimensionarsi. E se Lei ritiene "tendenziosi" i programmi RSI, non ha mai pensato di attivare il mediatore inoltrando un reclamo? Quando otterrà ragione dall'Ombudsman ne riparleremo... Ma la invito soprattutto a prendere visione degli ultimi casi trattati da quest'ultimo. Ne ricaverà informazioni molto edificanti. Saluti.
Igor Gutschen 4 mesi fa su fb
Mauro Mangili sai quanta gente ha perso il lavoro durante la crisi economica e non ha potuto piangere davanti a nessuno. Il mondo deve andare avanti, ci hanno detto che facciamo tutti parte di un grande progetto, quindi ci hanno obbligato ad accettare le fusioni dei comuni, abbiamo visto molte banche lasciare a casa gente, insomma, il resto del paese è stato raso al suolo mentre chi lavorava nei soliti impieghi sicuri, continuava a portare a casa da mangiare a fine mese. Nel privato gli stipendi mio caro Mauro Mangili non sono mai stati cosa sicura con scatti di anzianità , insomma mentre tutti si sono abituati a questo delirio, coloro che lavorano in Posta, RSI (spesso gli ex collaboratori varcano le porte della sorellina mantenuta Teleticino), Cantone e Comuni vari, non hanno ancora patito la grande globalizzazione ed è finalmente giunta l'ora della resa dei conti; proprio chi lavora in RSI fa tanta propaganda per aprirsi verso l'estero e allora dunque per quale motivo non lasciare a casa tutti i ticinesi/svizzeri e fare quello che da sempre si tollera nel privato; sostituzione di massa con una nuova fonte di lavoratori
Mauro Mangili 4 mesi fa su fb
Ripeto!!!! Potete votare quello che volete!!!! Ma non dire che ci sono stipendi da nababbi e non si lavora!!!! Questo mi offende un pochino tanto!!!! Forse, prima di parlare come tanta gente, venite a fare un giro e mettete dentro il naso per vedere di persona, com’è l’andazzo degli stipendi e come sono gli orari di lavoro. Poi magari ripensate a quello che scrivete.
Alessandro Lupica 4 mesi fa su fb
Igor Gutschen domanda abbassando lo stipendio nel pubblico si alza il suo nel privato? Se dimostrato è reale... ci può stare altrimenti io non ne vedo il vero motivo. Le lo può spiegare per cortesia?
Stefano Heubi 4 mesi fa su fb
Igor Gutschen qui l'ignoranza la fa da padrona! Ai,ai,ai.....
Igor Gutschen 4 mesi fa su fb
Stefano Heubi invece di aprire la bocca a vanvera; ignoranza significa ignorare, non conoscere una situazione; pagando forzatamente un canone di oltre 400 franchi annui significa che conosco perfettamente di che sto parlando. RSI è un contenitore pubblico inutile, può tranquillamente essere gestito dal privato. Se poi nel privato, le vuole guadagnare milioni di franchi, è un problema che non mi tocca. Pazzesco che ogni qualvolta si vada a toccare il settore pubblico, il cittadino diventa sempre ignorante, inetto, incapace di intendere e volere.
Franco Locatelli 4 mesi fa su fb
Parli di mondo, ma dimentichi che siamo in Ticino. 350'00 abitanti, un quartiere di Milano. Per me dovrebbero costare meno le casse malati, la carne, i meccanici che girano a 150.- fr. l'ora, ecc. ecc. Tre ore di lavoro alla tua macchina e hai pagato il canone per tutto l'anno, adesso ancora meno.
Igor Gutschen 4 mesi fa su fb
Franco Locatelli io non voglio essere obbligatoooooooooooooo a pagare il canone; voglio pagare quello che voglio io e non quello che mi impongono gli altri. Il canone è un obbligo esattamente come le tasse che vengono anche dette (imposte) proprio per il fatto che ci obbligano a pagarle con la forza! PRIVATIZZARE tutto e ognuno paga ciò di cui ha necessità, solo in questo modo le cose funzionano!
shooter01 4 mesi fa su tio
il miglior cambiamento che potrebbe fare è smettere di fare la propaganda per il peggiore partito esistente . Poi guardatevi intorno quello che gli altri fanno pagare e che offrono. Io non voglio pagare a peso d'oro qualcosa che gli altri mi possono offrire a minor costo e forse in modo migliore
limortaccituoi 4 mesi fa su tio
@shooter01 Chi ti offrirebbe un servizio di sport, info e film a minor prezzo scusa? E poi quali programmi fanno propaganda?
Pesciora 4 mesi fa su tio
Raramente vado a votare con le idee così chiare come questa volta 1) basta con una televisione megalomane, spendacciona e arrogante 2) basta con i servizi faziosi, moralisti o politically correct 3) basta con gli inviati speciali in tutto il mondo per TG e sport 4) basta con i giochi stupidi 5) basta con le trasmissioni pseudo culturali che non interessano a nessuno 6) basta con la frottola che senza la RSI non ci sarà più la Svizzera e la coesione nazionale 7) basta con la frottola che l'informazione non sarà più oggettiva se in mano ai privati. Ed ora, con l'86% di giornalisti di sinistra, come sarebbe l'informazione? Quindi un sì straconvinto all'iniziativa. Viel Glück!
Chance 4 mesi fa su tio
@Pesciora E poi basta con 1'200 impieghi in Ticino. Basta con la formazione per i giovani. Basta con 250 mio di franchi in Ticino. Ricordate che magari qualcuno di quei 1'200 prende il vostro di posto di lavoro. Viel Glück :)
beta 4 mesi fa su tio
@Pesciora Concordo ! Eliminare la sovrabbondanza di chi sperpera a piene mani .
Thor61 4 mesi fa su tio
@Chance La SSRG non è un ente di carità ma paga i dipendenti per un servizio, se sono troppi per ragioni di partito e sono in esubero vanno ridimensionati, per la socialità ci sono altri enti, non la SSRG. Per assurdo costerebbero meno alla collettività che li paga già oggi, altro che doverli mantenere alle cifre attuali. Tutto il resto è solo della pessima propaganda. Se non avessero voluto il referendum avrebbero dovuto accettare quanto proposto dai refendari, cioè abbassare il canone a 200,00Fr. ma alla SSRG piace troppo sprecare denaro, quello degli altri naturalmente. Oggi chi difendere la SSRG o è un dipendente oppure un indottrinato della politica di sinistra a cui piace farsi del male da solo, agli altri non indottrinati invece pagare 400,00fr. per una pessima GESTIONE (In alcuni casi in stile gestapo, con visite a casa delle persone alle quali la TV nemmeno interessava) della SSRG non piace per nulla.
franco1951 4 mesi fa su tio
La SSR non cammbierà. Molto semplicemente NON esisterà più. Con la pace degli iniziativisti e la disperazione, per esempio, di tutti i nostri anziani.
bubi_67 4 mesi fa su tio
1) guardate quello che pagate e quale è l'offerta 2) guardate gli altri quello che fanno pagare e quello che offrono 3) Molti altri canali offrono quasi tutto quello che oggi paghiamo a peso d'oro. L'errore è quello di credersi unici e indispensabili!
Potrebbe interessarti anche
Tags
canone
ssr
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-04-20 18:41:51 | 91.208.130.86