Ti Press
SVIZZERA
07.12.2017 - 15:200

Vescovi contro “No Billag”

Un sì «nuocerebbe alla coesione e all’identità nazionale». Nel corso della riunione Claudio Mottini della diocesi di Lugano è stato nominato membro della commissione per la migrazione

BERNA - Un "sì" il prossimo 4 di marzo all'iniziativa "No Billag" nuocerebbe alla coesione nazionale e all'identità svizzera, specie nella svizzera italiana e romanda. È l'opinione dei vescovi svizzeri, che nel corso della loro riunione a Engelberg (OW) hanno anche deciso di aumentare di 300 mila franchi (dai 500 mila iniziali) il fondo destinato all'indennizzo di vittime di abusi sessuali commessi nel contesto ecclesiale e ormai prescritti.

Per quanto riguarda l'iniziativa popolare che vuole impedire il finanziamento tramite canone della radio e televisione pubblica, secondo una nota odierna i vescovi temono che se il popolo dovesse accoglierla, la formazione dell'opinione pubblica diventerebbe ancora più dipendente dalle imprese mediatiche estere o finanziariamente potenti; tutto ciò non farebbe che indebolire l'identità svizzera.

Nel corso della loro riunione sono stati anche nominati i membri della commissione per la migrazione di cui fa ormai parte anche monsignor Claudio Mottini della diocesi di Lugano.

Potrebbe interessarti anche
Tags
vescovi
billag
corso riunione
riunione
no billag
no
identità
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-04-25 18:33:39 | 91.208.130.86