SERAINA BONER
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FRIBURGO
20 min
Ballottaggio, due cittadini presentano ricorso
Ritengono di non aver ricevuto il materiale di voto entro i termini stabiliti
GINEVRA
1 ora
Minacce con il coltello e furti notturni, è paura in riva al lago
Diverse persone sono state derubate lo scorso mese nei pressi di un centro autogestito a Ginevra. La polizia al momento brancola nel buio
BASILEA
3 ore
Uomo in sedia a rotelle muore cadendo nel Reno
Il malcapitato è deceduto poco dopo il ricovero in ospedale
FRIBURGO
3 ore
Le donne sono considerate meno competenti degli uomini
Nessuna evoluzione in 50 anni nei campi considerati tipicamente maschili
BERNA
6 ore
Lobby a Palazzo federale: pubblicato un vademecum per i neoparlamentari
Le Camere federali hanno sviluppato una guida sulla (non) accettazione di vantaggi e sul segreto d'ufficio
BERNA
7 ore
Auto elettriche: un automobilista svizzero su due è interessato a comprarne una
Lo rivela un sondaggio pubblicato dal TCS. Gli interpellati sperano che l'uso di questi veicoli protegga di più l'ambiente
BASILEA CAMPAGNA
8 ore
Ritrovate monete di epoca romana
Sarebbero state sotterrate attorno all'anno 180 dopo Cristo. Verranno restaurate, catalogate ed esposte al Museo di Liestal
SVIZZERA
8 ore
«Non c'è nemmeno spazio per uno zaino»
L'associazione traffico e ambiente stima che negli ultimi anni lo spazio per i bagagli sui treni FFS sia diminuito drasticamente
BERNA
9 ore
Il PPD cerca un nuovo capogruppo
La ricerca segue la mancata elezione Lombardi al Consiglio degli Stati
BERNA
04.12.2017 - 07:200

«Siamo motivati nonostante la "No-Billag"»

Serafe AG dovrebbe riscuotere il canone dal 2019, ma rischia di perdere un madato milionario con la votazione

BERNA - In marzo Serafe AG ha fatto il colpaccio: si è accaparrata il mandato per la riscossione del canone radio-televisivo. A partire dal 2019 si sostituirà a Billag, sempre che l'iniziativa “No-Billag” non passi. Abbiamo chiesto al direttore comunicazione di Serafe, Erich Heynen, se l’azienda sia preoccupata per la votazione.

Signor Heynen, se l’iniziativa No-Billag fosse accettata la sua azienda non servirebbe più. Che aria tira nei vostri uffici?

Si respirano più motivazione e passione per il futuro incarico che incertezza. Siamo fiduciosi di poter iniziare con successo il mandato con una squadra di 40 collaboratori a partire da gennaio 2019.

Che cosa succederebbe a questi impiegati in caso di “sì” all’iniziativa?

Probabilmente la riscossione del canone andrebbe a cadere. Noi, però, ci concentriamo completamente sullo sviluppo della Serafe AG come nuovo servizio di riscossione, non sull’Iniziativa No-Billag.

Per l’intera durata del mandato, 7 anni, riceverete complessivamente 123 milioni di franchi, lavori preparatori compresi. La somma è giustificata per inviare delle fatture?

Sì. Il mandato è molto complesso. La Serafe AG ha calcolato la propria offerta con molta serietà.

Per molti “Billag” significa “canone obbligatorio”. Come intendete levarvi di dosso questa immagine nel caso in cui l’iniziativa non fosse accolta?

La nostra futura attività non è paragonabile a quella dei nostri predecessori. Noi faremo tutto il possibile perché a partire da gennaio 2019 si parli bene di noi.

Come chiamerete il canone? “Canone Serafe”?

No. Molto meglio “imposta domestica”.

Commenti
 
Tato50 1 anno fa su tio
Il Signore intervistato ha dimenticato di dire quanto il CF dovrà sborsare come risarcimento per gli investimenti fatti dalla Serafe per aggiudicarsi l'appalto nell'eventuale ipotesi che la votazione passi !!
TIC 1 anno fa su tio
@ Matteo 2006 : Ben scritto :-)
GI 1 anno fa su tio
Wow 123 mio per 7 anni per 40 collaboratori......una modica cifra di oltre 400k a capoccia....serve aiuto ??
Tato50 1 anno fa su tio
@GI Figurati che alla Billag ne hanno 200 e chissà quale cifra "ha sparato" per rinnovare la concessione d'incasso considerato che Serafe ha vinto con un'offerta di 123 milioni sull'arco di 7 anni.
Calotta Polare 1 anno fa su tio
Puoi provare a scrivergli una lettera. Faresti un po' meno danni che non votando sì all'iniziativa
matteo2006 1 anno fa su tio
Intanto come volevasi dimostrare la SRG SSR non ha intenzione di prendere in considerazione la possibile riuscita dell'iniziativa dando per scontato che del caso passasse la SRG SSR fallirebbe e loro non intendo fare nulla per contrastare questa possibilità. Diciamoci la verità probabilmente è così, non ci sarebbe molto da fare, ma che immagine da un azienda che non intende nemmeno prendere in considerazione la possibilità di provarci? Che immagine porta all'esterno, alla gente che per anni ha pagato tacitamente il canone o ai sui dipendenti che continuano a lavorare con impegno fino all'ultimo giorno? Mi fanno quasi pena, se ne lavano le mani allo stesso modo di quando lo fanno prima di pranzo, tanto i vertici che stanno su e decidono il destino di decine di persone il modo di rimettere i piedi al caldo lo trovano in fretta per tutti gli altri date la colpa al popolo sono loro che hanno votato. Complimenti! Questo non cambia la mia idea in merito alla SRG SSR e all'iniziativa; voterò comunque No e rimarrò con il rammarico che se l'iniziativa l'avessero pensata un po meglio forse qualcosa sarebbe cambiato in meglio invece così o perdiamo tutto o tutto rimane come adesso. Complimenti anche agli iniziativisti!
Bandito976 1 anno fa su tio
L'importante é crederci!
87 1 anno fa su tio
AHAHAHAHAH!!! {}Come chiamerete il canone? “Canone Serafe”? No. Molto meglio “imposta domestica”.{} Almeno sono sinceri, "imposta" è il termine giusto, dato che di tassa (canone) non si può più parlare. [Definizioni]: tassa=tributo allo stato per servizi ricevuti; imposta=prelievo coattivo, indipendente dal tipo di servizio ricevuto
Tarok 1 anno fa su tio
no billag! pago regolarmente il canone e nonostante ciò. da mesi ricevo minacciosi richiami da billag per annunciarmi. peggio della gestapo. no billag no billag no billag
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-18 21:20:32 | 91.208.130.87