ULTIME NOTIZIE Svizzera
FOTO
SVIZZERA
1 ora
Prima di Rytz, le altre candidature "verdi" al Consiglio federale
La prima presentata ufficialmente fu quella di Cécile Bühlmann nel 2000 per subentrare ad Adolf Ogi
SONDAGGIO
BERNA
4 ore
Regula Rytz: «Pronta al Consiglio federale» e "punta" al posto di Cassis
La presidente dei Verdi svizzeri: «Plr? Un partito ampiamente sovrarappresentato» e propone una nuova "formula magica"
SVIZZERA
4 ore
Quel pedofilo recidivo «deve essere internato»
Il Tribunale federale ha accolto un ricorso del Ministero pubblico sangallese: il 60enne resterà internato fino alla fine di maggio del 2020
SVIZZERA
4 ore
Coppie sposate: «No a una soluzione transitoria»
È il parere espresso dal Consiglio federale in risposta a una mozione volta a eliminare la penalizzazione del matrimonio
VAUD
5 ore
Assalti ai furgoni blindati: «Finché sulle strade gireranno certe somme...»
Canton Vaud nel mirino delle bande francesi: Un criminale di Lione fornisce l'identikit del rapinatore tipo: «Ha tra i 28 e i 42 ed ha un passato migratorio e spesso proviene dal Maghreb»
SVIZZERA
7 ore
Lo "Jass del vescovo" va al Governo solettese
Nel tradizionale torneo di carte, i membri dell'esecutivo si sono imposti «al fotofinish» su i rappresentanti della diocesi di Basilea
SVIZZERA
8 ore
Frontalieri, «no» ad una moratoria di 2 anni sulle assunzioni
La misura contrasta con l'Accordo di libera circolazione e il Consiglio federale invita a respingere quanto chiesto dalla mozione di Roger Golay
GIURA
12.10.2017 - 08:050
Aggiornamento : 09:48

Reazioni razziste a un video umiliante

Il video che ritrae un'aggressione è stato condiviso sul social scatenando commenti colmi d'odio e razzismo. La polizia: «Prenderemo dei provvedimenti»

DELÉMONT - Minacce, odio, insulti. Su Facebook i commenti di questo genere si moltiplicano. Le persone si nascondono dietro a uno schermo per esprimere le idee che si vergognerebbero di pronunciare a voce. Un fenomeno che allarme le autorità e, in questo caso, ha toccato la polizia cantonale del Giura.

Sul social network è stato condiviso un video girato nella notte di martedì presso la stazione ferroviaria di Delémont. Si vede un giovane che viene aggredito e maltrattato da un uomo nero, mentre chi riprende con il cellulare ridacchia. I commenti hanno scatenato una valanga di messaggi razzisti e violenti, che si concentrano principalmente sull’origine dell'aggressore.

Il video originale è stato rimosso da Facebook, ma continua a circolare su pagine e siti di gruppi di estrema destra.

La Polizia cantonale è allora intervenuta oggi ricordando che i commenti postati su Facebook sono soggetti alla legge e possono essere considerati dei reati. «Le autorità analizzano questo tipo di affermazioni, che non possono essere in contrasto con il codice penale svizzero».

Per quanto riguarda il caso specifico, le autorità avvertono: «Qualora dovessero apparire nuovi commenti che incitano all’odio, alla violenza, minacce o ingiurie, il Ministero pubblico in collaborazione con la polizia avvierà un procedimento penale».

Al comunicato postato dalla Polizia cantonale sulla sua pagina Facebook hanno risposto alcuni utenti arrabbiati: «Speriamo che le ritorsioni siano previste anche per chi ha picchiato quel ragazzo, non solo per chi preme i tasti di una tastiera».

Attenzione anche ai “like”

Nel mese di maggio il Tribunale distrettuale di Zurigo ha riconosciuto un uomo colpevole di diffamazione per avere messo “mi piace” ad alcuni commenti che definivano una persona «razzista» e «antisemita». Il giudice aveva affermato che l’imputato aveva «espresso un giudizio approvandolo». L'imputato, un 45enne, è stato condannato in prima istanza a una pena pecuniaria di 40 aliquote da 100 franchi per diffamazione.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-21 18:26:45 | 91.208.130.86