Ti Press
SVIZZERA
10.10.2017 - 16:570

Diminuiscono gli amanti del vino

Per la prima volta dal 1999, la percentuale di bevitori di vino è scesa leggermente, principalmente nella Svizzera tedesca, ma anche in Ticino

LOSANNA - Il numero dei bevitori di vino è in diminuzione in Svizzera. Marcato soprattutto nella Svizzera tedesca, il fenomeno non risparmia nemmeno il Ticino, rileva uno studio - il quinto del genere - pubblicato oggi dall'organo di promozione dei vini elvetici Swiss Wine Promotion.

La notorietà dei vini svizzeri ha raggiunto livelli mai segnati finora: se nel 1999 soltanto il 54% delle persone intervistate nel quadro di un precedente studio indicava spontaneamente la Svizzera fra i paesi produttori di vino, oggi l'86% menziona il nostro paese a parità con la Francia e l'Italia e persino davanti alla Spagna.

Questa notorietà non si riflette tuttavia sulle abitudini di consumo: «per la prima volta dal 1999, la percentuale di bevitori di vino è scesa leggermente, principalmente nella Svizzera tedesca, ma anche in Ticino», passando globalmente dall'81% nel 2013 al 77% nel 2017. «Essa rimane invece invariata nella Svizzera romanda», rileva Swiss Wine Promotion.

Nonostante la buona fama dei vini elvetici, il 46% dei consumatori continua a bere soprattutto vini stranieri, mentre il 35% preferisce quelli indigeni. Al ristorante, invece, il 48% sceglie i vini locali.

Il vino continua inoltre a rivestire un importante ruolo sociale: per 8 persone su 10, la presenza di una bottiglia è ritenuta indispensabile per un pasto con gli amici.

Un ulteriore elemento di preoccupazione rivelato dallo studio è la concorrenza esercitata da altre bevande, in particolare la birra. «Il vino è a parità con la birra e supera di poco le altre bevande alcoliche nella categoria di età 18-29 anni». Fra le persone più in là con l'età, il vino si mantiene in testa, ma lo scarto diminuisce, constata lo studio. Particolarità ticinese: il numero dei bevitori di birra è quasi identico a quello dei bevitori di vino (65% contro 66%).

Per rimediare alla diminuzione dei consumatori, in particolare nella Svizzera tedesca (che rappresenta i due-terzi del mercato), l'organo di promozione menziona diverse piste, quali ad esempio lo sviluppo dell'enoturismo e il sostegno a operazioni del tipo "cantine aperte".

Un'altra speranza è riposta nel "rinnovamento" della viticoltura nella regione tedescofona, dove negli ultimi anni sono stati registrati "progressi fenomenali", sottolinea il segretario generale di Swiss Wine Promotion Jean-Marc Amez-Droz. La nascente fierezza della Svizzera tedesca nei confronti dei suoi vini potrebbe incitare i consumatori di questa regione a "riscoprire tutti gli altri vini elvetici".

Commenti
 
siska 1 anno fa su tio
ah ah ah ah ....aumentano sicuramente gli amanti del pessimo vino venduto un po' ovunque a prezzi più o meno stracciati in quanto in questi vini l'uva é di 2° o 3° qualità. Il pessimo vino anche quello fatto "passare" per buono dalle grandi catene di negozi e purtroppo mangiando ne bevo anch'io 1 o 2 bicchieri. Se hai abbastanza baiochi o hai il portafoglio pieno ettecredo che ti comperi una riserva di buon vino anch'io lo farei!
Monello 1 anno fa su tio
...Bottiglia di Rosso...buono ca 55./.60 Frs ...ma chi ce gli ha piu questi soldi per una bottiglia ?? Ovvio che se la voglio l bottiglia la compero all estero ( 15 / 20 Euro )....con le vostre statistiche da bernesi siete sempre piu fuori dimensione !
gigipippa 1 anno fa su tio
Diminuiscono i bevitori, ma aumentano i cocainomani !
GI 1 anno fa su tio
Ma il calo della percentuale dei "bevitori" (gna pö i foss tücc ciucatt) sta al calo dei consumi di vino (che non mi risulta esserci) ????
leopoldo 1 anno fa su tio
per forza queste sono statistice del cavolo lo comprano semplicemente fuoridal confine perchè costa meno.fenomeniiiiiiiiii
leopoldo 1 anno fa su tio
@leopoldo probabilmente nei paesi confinanti avranno un tasso maggiore di bevitori.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-23 10:03:49 | 91.208.130.86