20 minutes
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SAN GALLO
4 ore
La direttrice della scuola acquista superalcolici per gli studenti minorenni
La cerimonia di diploma si è conclusa a suon di bagordi. Genitori sgomenti
SVIZZERA
8 ore
Un nuovo nome per il PPD? Voterà tutto il partito
Tra le nuove designazioni proposte, il più gettonato sarebbe “Die Mitte”
SVIZZERA
8 ore
Gruppo TX si attende un calo dei ricavi pari al 20%
Sono le previsioni per il primo trimestre del 2020
NIDVALDO
9 ore
Brucia un'auto: ustioni gravi per una bimba
L'episodio si è verificato oggi a Emmetten, nel Canton Nidvaldo
SVIZZERA
10 ore
Richiamate alcune vecchie mascherine acquistate da Berna
Risalgono al 2007 e sono state ritirate per precauzione. Il motivo? Alcune mostrano tracce di funghi
ZURIGO
10 ore
Agricoltore morto sotto la sua mietitrebbia
L'incidente è avvenuto questa mattina a Truttikon. Le autorità indagano per chiarire la dinamica dei fatti
SVIZZERA
14 ore
«Un quarto dei casi è importato dall'estero»
Le autorità sanitarie federali affermano che i contagi si stanno stabilizzando
SOLETTA
15 ore
Contatti a rischio in discoteca: quarantena finita per 580 persone
La misura era stata ordinata ai frequentatori di club di Olten e Grenchen
SVIZZERA
15 ore
Le aziende svizzere, prevedono una veloce ripresa
L'87% dei ristoratori ticinesi prevede nel 2022 un numero di dipendenti uguale o superiore a quest'anno
SVIZZERA
16 ore
Quasi 3'000 svizzeri in quarantena
Dall'inizio dell'emergenza i casi positivi registrati sono 32'501, mentre i morti restano 1'686
SVIZZERA
17 ore
Moto, un primo semestre «sensazionale»
Lo sviluppo del settore a maggio e giugno è stato definito «esplosivo»
SVIZZERA
18 ore
La soia importata «è sempre più sostenibile»
In Svizzera lo scorso anno ne sono arrivate 260'000 tonnellate dall'Europa e dal Brasile.
VAUD
15.09.2017 - 09:490

«Se fossero stati dei gatti avrebbero già una casa»

La difficile situazione di una coppia con due figli che da cinque mesi è alla ricerca di un appartamento. Gli amici si mobilitano sui social network

CULLY - Alain* viveva, con sua moglie e due figli di 3 e 9 anni, in un appartamento di quattro locali, nel distretto Lavaux-Oron. Una vita tranquilla quella della famiglia, almeno fino allo scorso aprile, quando a seguito di una violenta lite con un vicino la donna è finita in ospedale. Da qui la decisione di traslocare. Nell’urgenza della situazione il quarantenne svizzero, in assistenza, ha trovato sistemazione a casa dei genitori, nella regione del Gros-de-Vaud.

«La convinvenza si è fatta difficile. Loro sono anziani e non godono di ottima salute. Vorrebbero che ce ne andassimo, ma non riusciamo a trovare un appartamento», ha spiegato con amarezza Alain.  La coppia le ha provate tutte, e la conferma arriva anche da parenti e amici. «Hanno bussato a tutte le porte, ma senza successo. Si sono rivolti pure ad alcuni “cacciatori d’appartamenti”. Ci sono occasioni in cui sono costretti a trascorrere la notte a casa di amici o in albergo» ha rivelato un amico della coppia, dicendosi particolarmente preoccupato per la «stabilità dei due bambini».

Nel tentativo di smuovere ulteriormente le acque, un amico di Alain ha raccontato la difficile situazione della famiglia sui social network: «Ci sono molte reazioni di gente che si dice indignata, ma nulla di concreto. Dov’è la solidarietà? Se ci fossero stati dei gatti al loro posto sarebbero stati aiutati da un pezzo», ha raccontato.

«Mia figlia ha 9 anni e in pochi mesi ha dovuto cambiare due scuole. E sicuramente ce ne sarà una terza che si aggiungerà alla lista. Ora però vogliamo trovare una situazione che sia stabile. Ad essere in gioco è la nostra salute mentale», ha concluso, sconsolato, il padre di famiglia.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
francox 2 anni fa su tio
se hanno un gatto glielo tengo io ;-)
dudo 2 anni fa su tio
Forse non ê colpa di Alain se si trova in assistenza, il comune paga comunque l'affitto. Ma visto che hanno avuto alterchi con i vicini, forse era meglio abbassare il cranio e fare in modo di non arrivare alle mani, vista la loro situazione economica. Quando si arriva agli scontri fisici è sempre un brutto segno.Anch'io non affitterei un appartamento ad una copia così.
Zico 2 anni fa su tio
@dudo non sono poi così sicuro che sia il comune a pagare l'affitto. se vedi l'esempio della signora Weiss di Meride i soldi non li incassa. il comune paga alla persona in assistenza e questa gira i soldi. se no non vedo perchè la signora di Meride sia ricorsa al TF per mancato pagamento dell'affitto ed, ironia della sorte il TF gli ha dato torto. ma questi di Meride forse sono profughi in assistenza. anche se onestamente non vedo cosa cambi. comunque la signora non riesce a rientrare in casa sua , oltre a non incassare l'affitto.
Liola 2 anni fa su tio
Non sarà per il carattere "dolce" della moglie finita all'Ospedale in seguito ad una lite con vicini??? Di solito i genitori, anziani o no, aiutano i figli...gatta ci cova...tanto per stare in tema di gatti...
skorpio 2 anni fa su tio
il fatto che nemmeno i genitori li vogliono vorrà dire qualcoa, anziani o no,....
GI 2 anni fa su tio
@skorpio concordo.....sentiamo anche i genitori....
Svizzeraefieradiesserlo 2 anni fa su tio
Non è che non trovano appartamento, perchè hanno una figlia. E cosa c'entrano i gatti? Non trovano casa perchè sono in assistenza.
moonie 2 anni fa su tio
l'assurdo è che chi cerca casa ai gatti non ha l'aiuto né giuridico, né tanto meno finanziario da parte di nessuno. anzi, le spese veterinarie, di stallo e telefonate, benzina ecc ecc per trovare una sistemazione idonea (se si fanno adozioni serie) sono a carico di VOLONTARI che spendono il proprio tempo e risorse per una cosa che nemmeno gli competerebbe. bhè... se il funzionare meglio dei volontari piuttosto che le istituzioni (e la gestione dei gatti erranti ne è un fulgido esempio) è una colpa!!... anche no! anche se in questa storia qualcosa come al solito non torna, evitiamo paragoni assurdi please. Se siete in quella situazione è più probabile colpa vostra che dei gatti e di chi se ne occupa
GATTOVERDE 2 anni fa su tio
@moonie ...giustissimo!....
castigamatti 2 anni fa su tio
il Comune solitamente interviene in casi di sfratto e/o di persone in difficoltà e trova loro una sistemazione (anche provvisoria ma la trova), soprattutto se ci sono dei minori. Qualcosa non quadra...
tip75 2 anni fa su tio
ma mi pare che il problema qui non sia se fossero gatti ma se pagheranno l'affitto...
Pepperos 2 anni fa su tio
@tip75 Sono i assistenza! Un privato si astiene nel formalizzare un contratto. ( Anche se paga il comune ).
Zico 2 anni fa su tio
@Pepperos forse la storia della signora Weiss ha insegnato qualcosa; se poi aggiungi che il TF ha dato ragione alle persone in assistenza non paganti..hai chiuso il cerchio. Ora, secondo me queste persone dovrebbero accamparsi a Mon Repos
Pepperos 2 anni fa su tio
@Zico Dove vivo( Basilea ) 300m un condominio solo di persone in assistenza ( protetario la città ). Ogni 2gg polizia o altro .

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-10 04:45:09 | 91.208.130.87