Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
4 ore
Cade per 10 metri, morto un operaio
Il 33enne stava lavorando nella stazione centrale di Zurigo
BASILEA/VAUD
5 ore
Coronavirus: due casi positivi e uno accertato
Per Basilea manca ancora la conferma da parte del Centro nazionale di riferimento per le infezioni virali emergenti
SVIZZERA
8 ore
Discriminati perché sieropositivi
Gli episodi sono stati 105 l'anno scorso. La denuncia di Aiuto Aids svizzero
SVIZZERA
9 ore
RUAG International taglia 90 posti a Emmen
I tagli avverranno nei prossimi due anni nel settore delle aerostrutture
SVIZZERA
9 ore
Contagiati due bambini nei Grigioni. Un caso in Argovia e uno a Zurigo
Annullata la maratona di sci engadinese, avrebbe attratto 17'000 persone. Il quinto caso in Argovia, il sesto a Zurigo
SVIZZERA
10 ore
Coronavirus, in Svizzera quattro casi tutti importati
Le autorità sanitarie federali hanno aggiornato la popolazione sulla situazione
ZURIGO
10 ore
Coronavirus: ospiti cinesi dimezzati
Le aspettative di Svizzera Turismo: un calo del 50% nel primo trimestre dell'anno
SVIZZERA
13 ore
Si nasconde la droga negli stivali (ma non benissimo)
Il tentativo maldestro di un 37enne olandese, che viaggiava con 1 kg di stupefacenti, non ha ingannato le autorità
SVIZZERA
13 ore
I patrimoni gestiti da Lombard Odier salgono a quasi 300 miliardi
Il reddito operativo per lo scorso anno è stato di 1,2 miliardi di franchi, in aumento del 3% rispetto al 2018
SVIZZERA
13 ore
Adozioni dallo Sri Lanka, le autorità chiusero gli occhi
Attraverso un commercio organizzato a livello internazionale, 40-50 anni fa più di 700 bambini giunsero in Svizzera
SVIZZERA
14 ore
«La nuova legge sulla caccia è un buon compromesso fra uomo e lupo»
Parola di Simonetta Sommaruga che si è pronunciata sul nuovo disegno che saremo chiamato a votare il 17 maggio prossimo
GRIGIONI
14 ore
Due casi di coronavirus nei Grigioni
Ora in Svizzera i pazienti con la malattia sono quattro, di cui uno in Ticino
SVIZZERA
15 ore
Molta carne al fuoco per la sessione primaverile
Nazionale e Stati discuteranno di dissimulazione del volto, Legge sul CO2, Costituzione ticinese e molto altro
GINEVRA
16 ore
Il coronavirus è arrivato anche a Ginevra
Come indicato dalle autorità cantonali, si tratta di un informatico che era stato a Milano
GINEVRA
16 ore
Coronavirus, annullato il salone dell'alta orologeria
La manifestazione doveva tenersi dal 25 al 29 aprile
SVIZZERA
17 ore
Sunrise, risultato migliore del previsto nel 2019
Il fatturato ammonta a 1,89 miliardi di franchi
SVIZZERA
17 ore
Raiffeisen: nel 2019 l'utile netto è aumentato del 54%
La banca prevede un 2020 con «una performance commerciale stabile»
ZURIGO
1 gior
La 13enne Céline si tolse la vita, condannato l'ex ragazzo
I giudici hanno confermato i contenuti del decreto d'accusa
BERNA
13.09.2017 - 06:000

Riforma dell'Avs: «Sarà un finale da cardiopalmo»

Secondo l'ultimo sondaggio Tamedia, l'esito sarà sul filo di lana. I campi opposti sono pronti all'ultimo sprint

BERNA - A solo due settimane dalla chiamata alle urne, l’esito della votazione sulla prima, grande riforma dell’Avs in 20 anni rimane aperto. Dall’ultima rilevazione risalente a due settimane prima, infatti, nessuna delle due fazioni è riuscita imporsi. Il 24 settembre promette quindi di essere una prova di nervi per il capo del Dipartimento federale dell’Interno Alain Berset.

Secondo l’ultimo sondaggio Tamedia, al momento il 48% degli intervistati è pronto a votare “sì” alla riforma della previdenza vecchiaia mentre il 49% intende invece opporvisi. L’altro oggetto in votazione di cui si compone il progetto di riforma dell’Avs, l’aumento dell’Iva, è invece in leggerissimo vantaggio con il 51% dei consensi. Le due votazioni sono legate: se una proposta viene respinta salta l’intero progetto Previdenza per la vecchiaia 2020.

Gli elettori, rileva il sondaggio, seguono in maggioranza le indicazioni dei propri partiti. L’80% degli elettori UDC e il 62% di quelli del PLR sono quindi pronti ad affossare la riforma. Sono i simpatizzanti del PS, invece, i suoi più convinti sostenitori: il 77% dirà “sì” il 24 settembre prossimo.

Le donne - la cui età di pensionamento salirebbe a 65 anni in caso di approvazione - risultano più scettiche degli uomini. Solo il 43% di loro sostiene infatti la riforma contro il 52% dei loro concittadini maschi.

I sostenitori del progetto si preparano allo sprint finale: «La situazione di parità dimostra che entrambi i campi stanno combattendo duramente. Faremo di tutto per mobilitare il maggior numero di sostenitori possibile», afferma la direttrice della campagna per il “sì”, Laura Curau (PPD). Se la riforma venisse respinta, sottolinea, non rimarrebbe che un mucchio di cocci rotti. Secondo Curau, c’è del margine per guadagnare consenso in particolare fra le donne.

Anche i contrari sono battaglieri: «Sarà un finale da cardiopalmo, ma il sondaggio ci dimostra che una vittoria è possibile», dichiara il direttore della campagna del “no”, Matthias Leitner (PLR). Leitner crede che Alain Berset si immaginasse una votazione più tranquilla: «Le sue minacce e la sua propaganda governativa hanno però insospettito molti elettori», conclude.

Decreto sulla sicurezza alimentare senza sorprese - Ci si attende un chiaro "sì" al decreto federale sulla sicurezza alimentare: due elettori su tre intendono approvarlo (nella seconda tornata erano il 63%). Rispetto all'ultimo sondaggio, invece, la percentuale dei contrari è scesa dal 29 al 27%.

Il sondaggio Tamedia - 11’921 persone provenienti da tutta la Svizzera hanno preso parte online fra il 7 e l'8 settembre alla terza tornata del sondaggio Tamedia. I sondaggi vengono condotti in collaborazione con i politologi Lucas Leemann e Fabio Wasserfallen, che ponderano i dati tenendo conto di variabili demografiche, geografiche e politiche. Il margine d’errore è dell’1,3%. Per maggiori informazioni visita tamedia.ch/umfragen (in tedesco).

Commenti
 
Carlo Aiele 2 anni fa su fb
Io voto NO... gia l'Iva è stata aumentata e i soldi se li sono magiati...tutte buffonate....voi credete ancora a quello che vi dicono o promettono??? Ahahahahahahaha ..... svegliatevi !!!!! Per favore.....
nordico 2 anni fa su tio
Tutti i sistemi assicurativi obbligatori in Svizzera (secondo pilastro, Casse Malati) sono obbligati per legge ad avere determinate riserve. Sulle riserve, che normalmente vengono investite in beni immobiliari) le assicurazioni possono giocare senza alcun pericolo, in quanto le eventuali perdite verranno poi compensate prelevando il mancante dai premi versati dagli assicurati gli anni seguenti. Anche il deprezzamento annuale degli immobili, che contabilmente diminuisce le riserve, viene poi compensato allo stesso modo. Ecco dove sta la ricchezza delle assicurazioni: Nella differenza fra il valore effettivo (generalmente in aumento) degli stabili e il valore contabile, continuamente in diminuzione per via del deprezzamento annuale. Questo modo di agire non è giusto. La Confederazione potrebbe eliminare il problema mettendo essa stessa un fondo di garanzia a disposizione delle assicurazioni ad un interesse nominale. Ma non lo fa, e questo la dice tutta sulla volontà di Berna nella correzione degli squilibri fra chi liberamente assicura e chi è invece obbligato ad assicurarsi. A questo punto bisogna obbligatoriamente votare NO a questa riforma che confonde ancora più le idee fra l'AVS e il secondo pilastro.
Nuti Nikita Giannini 2 anni fa su fb
Fabio daje uff
Roger Rashnu Brunschweiler 2 anni fa su fb
Sopra i 50 anni si fa fatica a trovare lavoro e questi vogliono alzare l'età pensionabile?!? Ma dove vivono???
Arwen 2 anni fa su tio
Non é l'AVS ad essere in negativo, ma é la cassa pensione!!!!! E' in negativo a causa di investimenti fatti male da alcune persone (non si sanno mai i nomi). Queste persone dovrebbero risarcire la cassa pensione e non noi! Ma invece cercano di far pagare a noi i loro sbagli!!!!!
Lore62 2 anni fa su tio
@Arwen Esatto ! ;-) La cosa assurda poi è il fatto di aumentare l'età di pensionamento quando il lavoro continuerà a diminuire causa la digitalizzazione, occupando così un posto di lavoro che potrebbe avere un giovane disoccupato a carico della collettività, compresi gli ultracinquantenni licenziati....
Alex Cava 2 anni fa su fb
Mah... Questi sondaggi di solito risultano scorretti e poco scientifici... https://m.youtube.com/watch?v=qpyuhael4Ag&feature=youtu.be
Mario Zucca 2 anni fa su fb
Giusto, i sondaggi li indirizzano a loro piacimento!!!
Sandro Rennis 2 anni fa su fb
Questo testa mi fa pensare...mi piacerebbe capire il criterio
Pepperos 2 anni fa su tio
Se verrà affossata ( come spero ) I cari rappresentanti Delle camere federali, tornino ha rifare i compiti.
MIM 2 anni fa su tio
Io voto contro
Pepperos 2 anni fa su tio
Voto NO.
Eva Ghiringhelli 2 anni fa su fb
Ma se in Ticino lavorano ormai solo i frontalieri.. arrivare a65 anni ed avere un lavoro e pura utopia?
Alberto Cavolina 2 anni fa su fb
Scusate ma che fate a fare i referendum se poi il consiglio federale non vi calcola?
Arwen 2 anni fa su tio
Io sto dalla parte dei NO. OK ad una riforma ma NON questa. Questa é piena di disparità, controsensi, disuguaglianze e chi più ne ha più ne metta .... é una fregatura confezionata bene, come sempre. Riflettete bene e rileggete il materiale di voto e poi votate NO.
Damiano Maeder 2 anni fa su fb
Auguri a chi vota!
Agnese Sista Gamma 2 anni fa su fb
Difficile decisione!!!
Ornella Guerra 2 anni fa su fb
Io voto no!
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-28 01:22:33 | 91.208.130.86