Archivio Tipress
SVIZZERA
11.09.2017 - 16:090
Aggiornamento : 18:08

Il libro resiste nell'era di internet

La lettura rimane uno dei passatempi preferiti degli Svizzeri, assieme alla TV e all'ascolto della musica alla radio. Il web

BERNA - Nonostante le differenze regionali, la lettura rimane uno dei passatempi preferiti dagli Svizzeri assieme alla tivù e l'ascolto della musica alla radio. Il ricorso ad Internet per informarsi o formarsi è importante, ma meno di quanto ci si potrebbe immaginare.

Stando all'inchiesta condotta nel 2014 nelle tre regioni linguistiche riguardante le abitudini culturali in Svizzera, è diffusa oggi dall'Ufficio federale di statistica (UST), è risultato che ben l'83% della popolazione legge libri; quasi il 30%, specie donne, ne legge addirittura uno in media al mese.

Il 15% del campione interrogato via telefono (16 487 persone hanno risposto all'invito) legge anche degli e-book. Tuttavia, solo il 2% della popolazione ha abbandonato del tutto il buon vecchio libro cartaceo per rivolgersi alla versione elettronica.

Guardare la televisione (91%), ascoltare musica alla radio o alla tv (91%) non ha scalzato la tradizionale lettura, in poltrona o a letto. Dall'indagine risulta che il 56% ascolta musica sul web (per esempio su youtube) e sul cellulare (45%). Il 65% del campione consulta Internet per formarsi e il 63% per informarsi. Solo il 55% di dedica ai videogiochi.

Svizzeri buoni lettori - A livello internazionale, l'alta percentuale di lettori registrata in Svizzera è paragonabile alla Germania (79%), ma superiore alla Francia (73%) e all'Austria (73%). Primeggiano la Svezia (90%) e i Paesi Bassi (86%). Confermando che i Paesi dell'Europa meridionale sono meno innamorati del libro, l'Italia registra solo il 56%.

Come indicato, quasi il 30% della popolazione svizzera legge oltre 13 libri all'anno. Poco più del 30% ne legge tra 4 e 12, e il rimanente da 1 a 3. In genere, la lettura di libri è diffusa in tutti i gruppi di popolazione, anche se le donne, i giovani (15-29 anni), e le persone con una formazione universitaria lo fanno più spesso. Gli Svizzeri leggono un po' di più rispetto agli stranieri. Tra i lettori assidui spiccano le donne: il 34% di esse legge oltre 13 libri l'anno a fronte del 22% degli uomini.

Si legge per piacere - Se si scorporano i dati in base allo scopo della lettura, si nota che il 78% lo fa per piacere e il 39% per lavoro o formazione. Sono soprattutto le donne a leggere per hobby (85%), rispetto agli uomini (71%). Quest'ultimi leggono soprattutto per formarsi (44%, donne 34%).

A seconda delle regioni linguistiche, gli svizzero italiani sono il gruppo che legge di meno per piacere (75%) rispetto a francofoni (77%) e germanofoni (79%). Meno del 20% degli abitanti delle regioni italofone legge per piacere oltre 13 libri all'anno (dietro a francofoni e tedescofoni). Gli italofoni sono anche quelli che leggono di meno per lavoro/formazione (33% a fronte del 36% per i francofoni e 40% per i germanofoni).
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-03 14:48:45 | 91.208.130.87