foto lettore
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GINEVRA
43 min
«Se Ginevra fosse una nazione sarebbe sulla lista dell'UFSP»
Il cantone romando è uno dei principali focolai e presenta un'incidenza superiore a cento casi per 100'000 abitanti.
SVIZZERA
1 ora
Pernottamenti giù del 47,5% nella prima metà del 2020
La domanda degli ospiti stranieri presenta un calo del 60,1%.
SVIZZERA
1 ora
Mercato del lavoro? Le aspettative sono (molto) basse
Sale la fiducia degli svizzeri nei confronti dell'andamento dell'economia, ma non sulla sicurezza degli impieghi
SVIZZERA
10 ore
Un po' di neve che fa sorridere i ghiacciai
La perturbazione delle scorse ore ha fatto scendere il limite delle nevicate nelle Alpi
BERNA
11 ore
Errore sui luoghi di contagio, ora c’è chi vuole vederci chiaro
La politica si fa domande. Il PLR: «Come è stato possibile?». Parla l'ex medico cantonale di Berna: «Uno sbaglio grave»
SVIZZERA
16 ore
«Le accuse contro Infantino sono infondate»
È quanto ha ribadito oggi la FIFA, che non esclude il complotto
ZURIGO
16 ore
Atto di inciviltà: lancia un petardo nel tram per il primo di agosto
Dopo pochi secondi l’esplosione. Il video è stato pubblicato su Instagram.
VALLESE
17 ore
Il sindaco accusato di molestie rinuncia alla candidatura sulla lista PPD
A poche settimane dalle elezioni, nel comune di Collombey-Muraz è scoppiato un piccolo "sex-gate"
FOTO
LUCERNA
17 ore
Capannone agricolo divorato dalle fiamme
L'incendio è divampato venerdì sera a Menznau. Sul posto sono intervenuti oltre 100 pompieri
SVIZZERA
18 ore
Operazione al timpano per Palazzo federale
L'anno prossimo verrà lanciato un concorso per decorare una delle parti più in vista dell'edificio.
ZURIGO
18 ore
Il Leopardo Villy è stato addormentato, aveva 17 anni
Si trovava allo Zoo di Zurigo dal 2006, ma era malato da tempo.
BERNA
08.09.2017 - 12:080

L'assistenza agli estremisti «va negata»

Secondo un esperto il sistema sociale rende la Svizzera una base ideale per gli ambienti radicali

BERNA - Il sistema di assistenza sociale rende la Svizzera una base ideale per gli estremisti radicali, afferma in un'intervista alla Berner Zeitung Thomas Kessler, esperto dell'ambiente islamista e impegnato nella lotta contro la radicalizzazione. «Chi desidera ricevere i contributi deve essere obbligato a rispettare il sistema giuridico e prendere parte a programmi di istruzione e di occupazione».

Secondo Kessler, gli estremisti conoscono bene la realtà dello Stato sociale in Svizzera: «essi sono ben collegati a livello internazionale e sanno esattamente dove si possono ottenere molte risorse con poco sforzo. È il caso della Svizzera e di alcuni paesi nordici. I jihadisti abusano del sistema sociale elvetico e utilizzano il Paese come base logistica per il loro estremismo».

Una situazione che bisogna «migliorare il prima possibile», indica Kessler, consigliere per la sicurezza e lo sviluppo in Svizzera e all'estero. Il 58enne, che negli anni Ottanta era granconsigliere verde a Zurigo, sta attualmente lavorando al piano d'azione nazionale contro la radicalizzazione.

«Gli islamisti temono la perdita dell'assistenza sociale più delle pene detentive. Dobbiamo iniziare da qui», rileva Kessler, sottolineando che «per chi non desidera o non vuole impegnarsi a integrarsi, è sufficiente l'aiuto di emergenza».

«I paesi d'origine si rifiutano? La Svizzera reagisca» - L'esperto critica anche la politica estera dettata dalla Confederazione: «Se i Paesi di origine rifiutano di riprendere gli estremisti condannati, la Svizzera dovrebbe reagire. Ad esempio adottare misure di politica economica o riesaminare i fondi per i Paesi che non collaborano». L'obiettivo è la cooperazione attiva, non l'ostruzione. «Non dobbiamo permettere che le regole del gioco vengano imposte, dobbiamo definirle noi stessi», afferma lo specialista.

I Paesi europei sono sempre più esposti alle minacce islamiste. Anche se la Svizzera attualmente si trova «in una posizione unica e confortevole per quanto riguarda la sicurezza», sta agendo troppo «lentamente» per contrastare questo pericolo.

La Francia ha dovuto agire rapidamente in seguito a ciò che è accaduto, richiedendo lo stato di emergenza e limitando le libertà pubbliche. «Noi abbiamo la possibilità di trovare una soluzione equilibrata che soddisfi sia la necessità di sicurezza sia lo Stato di diritto», dice Kessler.

«Se gli indizi sono provati e si stabilisce che qualcuno è coinvolto in un'organizzazione terroristica e la supporta finanziariamente o attraverso azioni concrete, il carcere preventivo può essere una misura ragionevole», ritiene l'esperto.

«La libertà di espressione è una grande libertà» - È invece contrario a procedere legalmente nei confronti di chi esprime giudizi positivi nei confronti del sedicente Stato islamico (Isis): «la libertà di espressione è un grande bene nello Stato liberale e nessuno può essere punito per la sua pura convinzione».

Kessler ritiene inoltre che le risorse destinate alla sicurezza siano da investire in maniera più elevata nel settore tecnologico, ovvero dove risiedono i rischi più grandi. «La Confederazione e la polizia usano solo poche decine di specialisti informatici per difendersi dagli attacchi digitali», rileva l'esperto, che critica gli investimenti compiuti dall'esercito per il rinnovamento dei veicoli Duro - circa mezzo miliardo di franchi - definendole risorse che a livello di sicurezza non garantiscono nulla e che rientrano «nella logica della Seconda Guerra mondiale».

Kessler promuove invece investimenti nella lotta alla radicalizzazione attraverso la prevenzione e la cooperazione tra le parti coinvolte, tra cui rientra anche la collaborazione tra Confederazione e Cantoni.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-04 09:56:40 | 91.208.130.85