archivio Tipress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GRIGIONI
4 ore
Brienz ogni anno scende a valle di un metro, il Cantone: «Vi aiuteremo»
La frazione grigionese abitata da un centinaio di anime si sposta in maniera costante, le autorità: «Situazione particolare»
SVIZZERA
5 ore
Noi i canali della Srg/Ssr sul digitale terrestre non li vediamo più, ma in Austria...
Ci riescono ancora (e pure in chiaro) grazie agli sforzi di un'emittente privata e il nullaosta dell'Ufcom: «Il blackout era dispiaciuto a tanti»
SVIZZERA
6 ore
Alla fine il giornale di sinistra Wochenzeitung andrà al WEF
L'accredito stampa della testata per l'edizione 2020 del Forum di Davos è stato accettato
BERNA / RUSSIA
7 ore
Maurer e Putin concordano una cooperazione più stretta
Gli argomenti trattati? Relazioni bilaterali, temi economici e impegno politico della Svizzera a favore della pace
FOTO
SVIZZERA
9 ore
Prima di Rytz, le altre candidature "verdi" al Consiglio federale
La prima presentata ufficialmente fu quella di Cécile Bühlmann nel 2000 per subentrare ad Adolf Ogi
SONDAGGIO
BERNA
11 ore
Regula Rytz: «Pronta al Consiglio federale» e "punta" al posto di Cassis
La presidente dei Verdi svizzeri: «Plr? Un partito ampiamente sovrarappresentato» e propone una nuova "formula magica"
SVIZZERA
12 ore
Quel pedofilo recidivo «deve essere internato»
Il Tribunale federale ha accolto un ricorso del Ministero pubblico sangallese: il 60enne resterà internato fino alla fine di maggio del 2020
SVIZZERA
12 ore
Coppie sposate: «No a una soluzione transitoria»
È il parere espresso dal Consiglio federale in risposta a una mozione volta a eliminare la penalizzazione del matrimonio
VAUD
13 ore
Assalti ai furgoni blindati: «Finché sulle strade gireranno certe somme...»
Canton Vaud nel mirino delle bande francesi: Un criminale di Lione fornisce l'identikit del rapinatore tipo: «Ha tra i 28 e i 42 ed ha un passato migratorio e spesso proviene dal Maghreb»
BERNA
30.08.2017 - 14:080

Procedure d'asilo, fondi ridotti ai Cantoni

Il Consiglio federale ha posto in consultazione l'ultimo pacchetto di modifiche. La revisione della legge entrerà in vigore nel 2019

BERNA - Abbreviare i tempi di procedura e diminuire i costi: sono questi gli obiettivi delle revisione della legge sull'asilo, che entrerà in vigore nel 2019. Il Consiglio federale ha posto oggi in consultazione il terzo e ultimo pacchetto di modifiche delle relative ordinanze. In programma ci sono meno soldi per i Cantoni.

Il governo intende in primo luogo ridurre della metà, a 550 franchi, la somma forfettaria per le spese amministrative, visto che in futuro i Cantoni si vedranno attribuire un numero nettamente inferiore di richiedenti asilo e la Confederazione si assumerà compiti supplementari nell'ambito del rimpatrio, indica la Segreteria di Stato della migrazione (SEM) in un rapporto.

Per quanto riguarda l'aiuto urgente versato dai Cantoni ai richiedenti respinti, sarà eliminato il forfait di 6000 franchi. Al suo posto ci saranno tre tipologie di indennizzo, a seconda della procedura. Per chi segue quella di Dublino sono previsti 400 franchi, per quella accelerata 2013 e per quella ampliata 6006.

Nell'ambito delle spese di partenza sono inoltre introdotte nuove partecipazioni della Confederazione riguardanti le spese di accompagnamento nonché le visite e scorte mediche.

Accelerare e centralizzare - La nuova legge, approvata dal popolo il 5 giugno del 2016, prevede che la maggioranza dei richiedenti, quelli per i quali non sono necessari ulteriori approfondimenti, seguano una procedura accelerata. Il loro caso andrà ultimato in 100 giorni, eventuale rinvio incluso. Durante questo periodo saranno alloggiati in sei centri della Confederazione e potranno usufruire gratuitamente di una consulenza e di un rappresentante legale.

Per coloro che hanno già presentato una domanda in un altro Stato Dublino, il termine per la decisione definitiva salirà a 140 giorni. Se per arrivare a un provvedimento saranno necessarie indagini supplementari, i richiedenti saranno attribuiti, come finora, ai Cantoni per la procedura ampliata.

Quest'ultima andrà conclusa entro un anno, con decisione passata in giudicato, e i richiedenti la cui domanda sarà respinta dovranno lasciare la Svizzera entro questo termine. Come finora, l'allontanamento spetterà ai Cantoni.

La legge contempla anche la possibilità, già esistente, di utilizzare le strutture militari, come la caserme, quali centri per far fronte ad una eventuale penuria di posti nei centri della Confederazione.

I primi due pacchetti - Visto che la nuova legge impone alla Confederazione, ai Cantoni e ai Comuni adattamenti di carattere organizzativo, tecnico e strutturale, il Consiglio federale ha deciso di porre in vigore il progetto a scaglioni.

Un primo pacchetto è stato attuato il primo ottobre 2016. Si tratta, in particolare, delle misure nel settore dell'esecuzione degli allontanamenti e della possibilità di versare ai Cantoni i contributi della Confederazione destinati all'istruzione di base dei richiedenti l'asilo in età scolastica.

Un secondo pacchetto disciplina in particolare la messa in vigore della procedura di approvazione dei piani. La relativa procedura di consultazione si è conclusa il 26 gennaio 2017 e le disposizioni legali corrispondenti entreranno in vigore all'inizio del 2018.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-22 02:17:30 | 91.208.130.85