Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GRIGIONI
3 ore
Tampona un'auto sull'A13, finisce in ospedale
VAUD
3 ore
Tenta di salvare il suo cane, ma muore affogato
BERNA
3 ore
I ministri della sanità discutono di canapa
ZURIGO
3 ore
Kühne: «Un bene spostarci in Svizzera, ma non so se lo rifaremmo»
VAUD
4 ore
Precipita con la tuta alare, morto un 43enne
SAN GALLO
5 ore
Grave una 17enne travolta da un treno in stazione
SVIZZERA
5 ore
Asilo, i rifugiati arrivati nel 2015 costeranno un miliardo di franchi ai comuni
GRIGIONI
6 ore
Motociclista taglia la strada a un ciclista, un ferito
BERNA
6 ore
Moto contro un'autopostale, muore un 33enne
SVIZZERA
6 ore
Cloro, solo il 25% dei trasporti soddisfa le norme di sicurezza
SVIZZERA
6 ore
«I prodotti di Wish sono pericolosi»
SVIZZERA
6 ore
Calmy-Rey: «Rinegoziare l'accordo quadro e aumentare la somma destinata all'Ue»
ZURIGO
7 ore
Amag sposta la sede nel Canton Zugo
GRIGIONI
7 ore
Cade dal minibus, morta una 93enne
ZURIGO
8 ore
«Mi hanno detto che mia madre è stata accoltellata»
BERNA
17.08.2017 - 16:520

La Posta non dovrà adeguarsi alla normativa

Il Consiglio federale ha respinto la mozione presentata dagli Stati

BERNA - Il Consiglio federale non intende esigere dalla Posta la presentazione di un progetto di pianificazione della rete postale e nemmeno sottoporre al Parlamento una proposta di revisione dei criteri che definiscono il servizio pubblico nella legge concernente la Posta. L'esecutivo ha proposto di respingere una mozione in tal senso presentata dalla Commissione dei trasporti e delle telecomunicazioni degli Stati.

Il governo ricorda di aver già commissionato uno studio volto a chiarire, da un lato, le attuali abitudini di fruizione dei servizi postali e del traffico dei pagamenti da parte della popolazione e, dall'altro lato, quale evoluzione si prospetta nell'utilizzazione dei servizi in questi settori. I risultati della rilevazione saranno disponibili nell'autunno di quest'anno e andranno a completare il rapporto di valutazione della legge sulle poste del gennaio 2017.

Sulla base dei risultati ottenuti, il Consiglio federale valuterà «l'eventuale necessità di adeguamento della normativa», tenendo conto anche delle conseguenze finanziarie, ma per il momento ritiene non sia necessario adottare ulteriori provvedimenti.

Analogamente ad altri fornitori di servizi (ad esempio banche) che risentono fortemente della digitalizzazione, l'esecutivo ricorda altresì che, anche la Posta deve adeguare la sua rete di filiali alle mutate esigenze della clientela. «La via perseguita dalla Posta nel ricorrere alle agenzie costituisce una soluzione appropriata».

Inoltre, nell'ottobre 2016 la Posta ha presentato la futura rete di accesso e ha promesso «di considerare anche le esigenze regionali e, in linea di massima, evitare la chiusura di uffici postali senza sostituzione».

Nelle località in cui è presente soltanto un'agenzia, dal prossimo settembre sarà possibile il servizio di versamento in contanti a domicilio ad opera dei postini, rammenta il governo.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-15 19:02:29 | 91.208.130.89