Keystone
SVIZZERA
03.08.2017 - 15:160

Hooligan: autorità sempre più prese di mira

Il numero di tifosi facinorosi in Svizzera è stabile, ma sono raddoppiati i casi di violenza contro le forze dell'ordine. 1600 le persone registrate, fra di loro anche 16 donne

BERNA - In Svizzera attualmente sono registrati 1600 tifosi facinorosi di calcio e hockey su ghiaccio. La situazione è stabile rispetto a un anno fa, ma i divieti di accesso agli impianti sono in calo.

Alla fine dello scorso mese di luglio nella banca dati degli hooligan erano registrate 754 persone con misure a loro carico ancora in corso. Si tratta di 57 individui in meno rispetto a 12 mesi prima, secondo le cifre pubblicate oggi dall'Ufficio federale di polizia (fedpol).

I facinorosi rimangono registrati nella banca dati fino a tre anni dopo la fine delle misure nei loro confronti. Nel sistema - chiamato HOOGAN - al 31 luglio in totale erano presenti 1592 persone, fra le quali 16 donne. Il livello più alto fino ad ora si è raggiunto 12 mesi fa, con 1593 registrazioni.

Violenza contro autorità in aumento - Circa tre quarti delle persone registrate hanno a che fare con il calcio, il restante quarto con l'hockey. Oltre il 40% ha un'età compresa fra i 19 e i 24 anni, grosso modo un terzo fra i 25 e i 29.

L'infrazione più comune è la sommossa, che accomuna 568 persone, seguita dalle violazioni alla legge sugli esplosivi (340). In aumento sono i casi di violenza o minacce contro le autorità, passati dai 168 nel luglio 2015 ai 308 attuali.

Per la lotta contro il fenomeno del tifo violento sono responsabili Comuni e Cantoni. Questi ultimi nel 2007 hanno siglato il concordato anti-hooligan. Fedpol li sostiene attraverso la banca dati HOOGAN, nella quale vengono registrati i facinorosi segnalati in avvenimenti sportivi in Svizzera e all'estero, contro i quali è stata intrapresa una misura.

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-11 03:15:00 | 91.208.130.86