Immobili
Veicoli
keystone
BERNA
01.08.2017 - 14:590

Il Primo agosto costa 1,5 miliardi all'economia

È la stima di Patrik Schellenbauer, capoeconomista di Avenir Suisse

BERNA - Il patriottismo ha il suo prezzo, 1,5 miliardi di franchi per la precisione: questo è il costo del Primo d'agosto per l'economia svizzera, stando a un calcolo riportato dal Blick.

Il quotidiano ha chiesto a Patrik Schellenbauer, capoeconomista di Avenir Suisse, il laboratorio di idee del mondo economico elvetico, di quantificare quanto il Paese teoricamente perde rimanendo fermo un giorno per la festa nazionale. Questo perché il prodotto interno lordo (Pil) sale meno, visto che la gran parte dei lavoratori ha libero.

Stando a Schellenbauer partendo da un Pil nazionale di circa 650 miliardi e dividendolo per 230 giorni di lavoro effettivi si arriva a 2,8 miliardi per giorno. Visto però che il Primo agosto non tutti sono assenti dal proprio impiego e che prima e dopo si lavora di più e in modo più efficiente, l'esperto stima che l'ammanco si limiti a 1,5 miliardi, pari a 180 franchi a testa.

Il calcolo è naturalmente teorico. Se si tiene conto del tempo libero e della gioia per la festa la perdita è molto più limitata: "le persone di buon umore consumano di più e lavorano meglio", osserva Schellenbauer. Anche al di là degli aspetti concreti, la stessa coesione nazionale ha un valore secondo lo specialista, che mai quindi proporrebbe di abolire la festa nazionale. "In un giorno all'anno possiamo tranquillamente essere anche un po' patriottici", conclude il 53enne.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
GIGETTO 4 anni fa su tio
....e chi c....o se ne frega!! Sbattiamo via, si proprio buttiamo via, miliardi a destra e a manca (UE dei falliti, migranti, contributi in CHF per la coesione internazionale, etc. etc. etc.) quindi possiamo benissimo festeggiare anche il 1 agosto!
vulpus 4 anni fa su tio
Nei laboratori si fanno gli esperimenti, in particolare per gli scienziati e i chimici. Nei laboratori di idee, si fanno gli esperimenti per imbrodarsi, per far parlare di sè, creando polemiche e null'altro. Speriamo che questo di laboratorio non sia sovvenzionato anche dallo stato, altrimenti bisognerebbe tagliare subito i contributi.
GI 4 anni fa su tio
Wow ma, in CH si produce PIL "solo" per 230 gg all'anno.....eppure "bagniamo il naso a tanti"....
Sarà 4 anni fa su tio
E' il Blick che fa domande idiote...
Sarà 4 anni fa su tio
La festa genera anche introiti: grigliate, pranzo o cena al ristorante, vendita di fuochi d'artificio ed alcune manifestazioni sono delle attrazioni turistiche. E poi il mese d'agosto per l'economia è normalmente fiacco.
roma 4 anni fa su tio
...e quindi cosa vorrebbe fare Avenir Suisse? Abrogare il 1 agosto? Bell'avvenire...
rojo22 4 anni fa su tio
E chissene... ma è mai possibile che si sentano sempre obbligati a monetizzare tutto? Perché non calcola i benefici che trarremmo dal suo silenzio??? Paese di contabili del piffero.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-22 21:55:14 | 91.208.130.85