TiPress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Via la cittadinanza ad una 30enne radicalizzata
La SEM ha avviato la procedura. La donna, attualmente si troverebbe in Siria, è sospettata di aver svolto attività legate al terrorismo nel Paese
BASILEA CITTÀ
1 ora
Il Parlamento cantonale chiede un congedo parentale di 24 settimane
Luce verde ad una mozione del Partito socialista. La misura andrebbe ad aggiungersi all'attuale congedo maternità
SVIZZERA
2 ore
Violentò donne e bambini, ora chiede il suicidio assistito
Negli anni '70 e '80 Peter Vogt ha violentato oltre una decina di donne e bambini. Ora vorrebbe farla finita, ma sul caso si stanno chinando le autorità
SVIZZERA / ITALIA
2 ore
«Mi hanno rapita e uno ha allungato le mani»
Un «racconto da brividi» quello fornito dalla svizzera, prima scomparsa e poi ritrovata ad Agrigento. Si sospetta la violenza sessuale, ma è da verificare l'attendibilità della giovane
ZURIGO
3 ore
Carlos ha colpito ancora, secondini e detenuti
Il giovane delinquente zurighese verrà processato settimana prossima per una serie di episodi - almeno 19 - avvenuti in carcere
BASILEA CITTÀ
4 ore
Cade dalla bici e viene travolto da un camion
La vittima è un anziano non ancora identificato. Stava procedendo sulla Austrasse fra i binari del tram e una serie di veicoli posteggiati sul lato destro della strada
SVIZZERA
4 ore
Monica Duca Widmer presidente del nuovo cda della RUAG
Oltre alla ticinese, ne faranno parte Monika Krüsi Schädle e Ariane Richter Merz. A loro si aggiungono Nicolas Perrin per la MRO Svizzera e Remo Lütolf per la RUAG International
BASILEA CITTÀ
4 ore
Sì al taglio dell'imposizione dei dividendi
Il Gran consiglio di Basilea Città ha approvato una mozione che chiede di sottoporre a tassazione i redditi in questione solo nella misura del 60%, contro l'80% appena deciso
BERNA
4 ore
Pascal Strupler lascia la direzione dell'UFSP
Berset è ora alla ricerca di un nuovo capoufficio. Il posto sarà messo a concorso
SVIZZERA
5 ore
Vendemmia, poca uva in Romandia
Le quote di produzione fissate - inferiori a quelle dell'anno scorso, una misura volta a evitare un calo dei prezzi - non sono state raggiunte. La qualità però dovrebbe essere buona
VAUD / ZURIGO
5 ore
Aggredì un'operatrice con una roncola: pena confermata
La 38enne ivoriana dovrà scontrare 18 anni. Il fatto avvenne in un centro per richiedenti asilo di Embrach nel 2015
GINEVRA
6 ore
Curdo si cosparge di benzina e si dà fuoco
È successo davanti all'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati. L'uomo è stato ricoverato al CHUV di Losanna
SVIZZERA
7 ore
Stop alla triturazione dei pulcini vivi
La decisione è stata presa oggi dal Consiglio federale. La procedura sarà vietata a partire dal prossimo 1° gennaio
SVIZZERA
7 ore
San Gallo ristruttura i suoi ospedali
Cinque dei nove nosocomi a vocazione locale saranno ridotti a centri per urgenze con alcuni letti. 60-70 posti saranno cancellati, ma il taglio dovrebbe avvenire tramite fluttuazioni naturali
SVIZZERA
8 ore
È così che l'assassino Zoran P. ha ingannato le autorità svizzere
Fuggito dal carcere in Bosnia, si era rifatto una vita in terra confederata. I vicini sono scioccati
BERNA
28.06.2017 - 14:020

L'obbligo di leva per le donne dovrà aspettare

Per il Consiglio federale si tratta di una questione di politica di sicurezza e di politica sociale che deve essere discussa in modo approfondito

BERNA - Il Consiglio federale ritiene che le donne debbano continuare a impegnarsi su base volontaria in seno all’esercito e alla protezione civile e che ciò vada incoraggiato.

Nella sua seduta odierna il Consiglio federale ha deciso di esaminare in dettaglio l’evoluzione a lungo termine dell’apporto all’esercito e alla protezione civile di persone qualificate soggette all’obbligo di prestare servizio. I lavori saranno effettuati entro la fine del 2020. La base sarà il «Modello norvegese» raccomandato dal gruppo di studio sul sistema dell’obbligo di prestare servizio.

Il «Modello norvegese» - Su incarico del Consiglio federale un gruppo di studio diretto dall’ex consigliere nazionale Arthur Loepfe ha esaminato integralmente il sistema dell’obbligo di prestare servizio. La sua conclusione è che non sussiste una necessità immediata di adeguare tale sistema. Il rapporto del gruppo di studio è stato pubblicato il 6 luglio 2016. Il Consiglio federale ha ora preso atto del dibattito pubblico sul rapporto, discusso le questioni fondamentali e fissato l’ulteriore modo di procedere.

Per l’ulteriore sviluppo del sistema dell’obbligo di prestare servizio il gruppo di studio raccomanda il «Modello norvegese», che prevede di estendere alle donne svizzere l’obbligo di prestare servizio militare e l’obbligo di prestare servizio di protezione civile. Tuttavia sarebbero chiamate a prestare servizio soltanto le persone effettivamente necessarie per l’esercito e la protezione civile. Gli uomini e le donne saranno pertanto soggetti all’obbligo di leva, ma solo una parte di loro presterebbe personalmente servizio. Il gruppo di studio ritiene che, nel quadro attuale, l’esercito a lungo termine avrà serie difficoltà nel reclutare il numero indispensabile di persone qualificate soggette all’obbligo di prestare servizio, poiché le esigenze aumentano.

Il Consiglio federale vuole che ciò sia analizzato in maniera più approfondita. L’obbligo di prestare servizio per le donne è una questione di politica di sicurezza e di politica sociale che deve essere discussa in modo approfondito. Al momento il Consiglio federale ritiene che le donne debbano continuare a impegnarsi su base volontaria in seno all’esercito e alla protezione civile e che ciò vada incoraggiato.

Apporto di personale all’esercito - Il Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS) e il Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca hanno già adottato misure per l'apporto di personale all'esercito, mentre altre sono al vaglio. L’obiettivo è di stabilizzare la quota di idoneità, di ridurre il numero di licenziamenti dalle scuole reclute per motivi medici e di diminuire il numero di coloro che passano dall’esercito al servizio civile dopo aver assolto la scuola reclute. Il Consiglio federale non ravvisa nell’ambito dell’attuale quadro costituzionale un margine di manovra per rendere più flessibile l’applicazione dell’obbligo di prestare servizio militare.

Modelli - Il gruppo di studio ha illustrato lo spettro di possibilità di sviluppo del sistema dell’obbligo di prestare servizio mediante quattro modelli. Salvo il modello «Status quo plus», tutti i modelli implicherebbero la revisione degli articoli 59 e 61 della Costituzione federale. Secondo il Consiglio federale, per il momento non sussiste alcun motivo per procedere a questa revisione. Ulteriori lavori ai modelli risulteranno opportuni soltanto quando si prenderà in considerazione l’adeguamento di tali disposizioni costituzionali. In una prima fase si attueranno alcuni elementi del modello «Status quo plus», ma non tutti. Il modello «Obbligo di prestare servizio di sicurezza» nella sua forma attuale non è appropriato, mentre il modello «Obbligo generale di prestare servizio» non è una soluzione sostenibile. Il «Modello norvegese» è innovativo e orientato al futuro.

Verifica dell’efficacia e analisi - Il Consiglio federale ha incaricato il DDPS di illustrare l’evoluzione a lungo termine dell’apporto all’esercito e alla protezione civile di persone qualificate soggette all’obbligo di prestare servizio. Questa analisi esaminerà dove sussistono carenze, quale potrebbe essere la loro evoluzione e se è possibile porvi rimedio internamente all’esercito e alla protezione civile o se sono di natura strutturale ossia, se in ambito formativo e sul mercato del lavoro sarebbe disponibile un numero sufficiente di persone qualificate, ma che dalla quota di uomini svizzeri idonei al servizio militare non è possibile reclutare un numero sufficiente di persone soggette all’obbligo di prestare servizio che disponga delle qualifiche richieste. I lavori saranno effettuati entro la fine del 2020. L’analisi dovrà inoltre illustrare se l’ulteriore sviluppo dell’esercito e le misure già adottate per migliorare l’apporto di personale all’esercito e alla protezione civile hanno avuto un impatto sul sistema dell’obbligo di prestare servizio.

Tassa d’esenzione dall’obbligo militare - Il Consiglio federale non si è ancora pronunciato sulla proposta concernente la tassa d’esenzione dall’obbligo militare formulata dal gruppo di studio. Il tema sarà discusso nel quadro della revisione della relativa legge federale, attualmente in corso sotto la direzione del Dipartimento federale delle finanze.

Commenti
 
curzio 2 anni fa su tio
Parità Legge federale sulla parità dei sessi art. 1 "La presente legge mira a promuovere l'uguaglianza effettiva fra donna e uomo." art. 16 "L'Ufficio federale per l'uguaglianza fra donna e uomo promuove la parità dei sessi in tutti gli ambiti della vita e si adopera per eliminare qualsiasi forma di discriminazione diretta o indiretta." Perfetto! Quindi, servizio militare obbligatorio o tassa militare anche per le donne!
Lucauno 2 anni fa su tio
@curzio Bravo Curzio, e se permetti , vi aggiungerei anche il pensionamento a 65 anni e la parità degli oneri nei casi di divorzio.
Benji78 2 anni fa su tio
"Le esigenze aumentano", "ulteriore sviluppo dell'esercito", donne in guerra invece che in famiglia..... Mi sono perso qualcosa? Siamo alle soglie di un conflitto bellico con il Liechtenstein? E io che i pensavo che i problemi fossero la disoccupazione, l'approvvigionamento energetico sostenibile, il rafforzamento misure sociali verso famiglie e ai giovani, l'inquinamento ambientale... Mah
miba 2 anni fa su tio
Accidenti...non hanno preso in considerazione il modello della Corea del Nord....
elvicity 2 anni fa su tio
obbligo di leva per le donne... mi sa che il tempo ha dato alla testa ... Ma per piasè
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-23 18:14:08 | 91.208.130.85