Una scena di "A.I."
ZURIGO
20.06.2017 - 06:050

2047: ecco come vivranno gli svizzeri fra 30 anni

Moriremo più tardi e faremo sesso virtuale. Il lavoro, però, sarà ancora più incerto

ZURIGO - Come vivranno gli svizzeri fra 30 anni? È quanto si chiedeva la rivista Blick der Frau nel lontano 1987 lasciando rispondere l’ex professore del Politecnico di Zurigo Jean-François Bergier. Come riportato da 20 Minuten e tio.ch, alcune di quelle previsioni hanno passato il test del tempo. Altre - come quelle sul numero di auto o l’impiego delle energie rinnovabili - si sono rivelate troppo ottimistiche. Il futurologo Gerd Leonhard e Dirk Helbing del Poli di Zurigo ci fanno una nuova previsione per il 2047.

«Le persone compreranno robot sessuali»

Secondo Gerd Leonhard il bisogno di esperienze di condivisione aumenterà e molti lo soddisferanno nel mondo virtuale: «Al posto di portare avanti una relazione le persone acquisteranno dei robot sessuali», afferma. La tecnologia metterà insomma a disposizione delle esperienze sociali. I mondi virtuali saranno così avanzati che si potrà vivere nel vero senso della parola al loro interno. Non tutti, però, vorranno conoscere il proprio partner su Tinder anziché in un bar. Se queste cose diventassero normali si perderebbe infatti anche il mistero e l’umanità: «La tecnologia può essere perversione», mette in guardia Leonhard.

«Molti più senza lavoro»

La tecnologia sostituirà i lavori di routine, assicura Leonhard. «La disoccupazione aumenterà in maniera drammatica», prevede. Un reddito di base, aggiunge, diventerà inevitabile. Il 70% dei lavori che esisteranno fra 10 anni, del resto, sono ancora ignoti, spiega. Dirk Helbing illustra come l’attuale catena di distribuzione sarà sostituita da un’economia circolare in cui le risorse saranno riutilizzate. I robot produrranno ciò di cui abbiamo bisogno per vivere. L’automatizzazione sconvolgerà il mercato del lavoro. Il sistema potrebbe collassare insieme alla non ancora superata crisi finanziaria ed economica ed essere reinventato senza badare alle regole del passato.

«Avremo molto più tempo libero»

«In futuro lavoreremo un terzo del tempo che lavoriamo oggi», assicura  Gerd Leonhard. Ciò ridurrà i problemi legati per esempio alla cura della prole perché la gente avrà molto più tempo a disposizione per questo. Le famiglie saranno più piccole e più importanti proprio perché si avrà più tempo.

«Profughi e terrorismo»

La mancanza di risorse in altre regioni del mondo porterà a guerre, immigrazione di massa e terrorismo, spiega Helbing. «Mentre nel passato riuscivamo a tenere lontani questi problemi, a quel punto si faranno più impellenti», prevede. Problemi che avremo in parte contribuito a causare e per i quali dovremo trovare una soluzione, con tutte le questioni etiche che ciò porta con sé.

«I miei nipoti avranno 100 anni»

«I figli dei miei figli arriveranno in media ai 100 anni», valuta Gerd Leonhard. Anche per questo in futuro si dovrà separare sempre di più il lavoro dal reddito. Nel suo scenario di riferimento la Confederazione prevede che in Svizzera ci siano 10,2 milioni di abitanti nel 2045. Nella più estrema delle ipotesi se ne calcolano oltre 11 milioni. È sicuro, quindi, che in cima alla piramide dell’età ci saranno più persone perché vi entrerà la generazione del baby boom. Non è chiaro, tuttavia, se si registreranno più nascite.

 

7 mesi fa La Svizzera di oggi vista 30 anni fa
Commenti
 
siska 7 mesi fa su tio
Continueranno a frustarsi la schiena per pagare i premi di cassa malati e chi più ne vuole far pagare più ce ne metta, come fanno certuni con il cu...o al caldo e che lavorano per il cantone quelli lì si che sono dei fenomeni. A volte da denuncia penale.......oggi non avrei nessun problema a denunciare qualcuno che si permetta di demolire la mia persona in quanto facente parte della parte più fragile ma dura a morire.
Foxdilollo78 7 mesi fa su tio
Da quello che so, durante la rivoluzione industriale l'avvento dei macchinari ha fatto aumentare la produzione e di conseguenza anche posti di lavoro... già ai tempi ci si faceva le pugnette con i giornalini, ora con internet e domani magari con l'ausilio di qualche macchinario ma andremo avanti lo stesso... ciò che vorrei dire è che malgrado i cambiamenti il mondo è andato sempre avanti! Dunque secondo me questi sono solo inutili allarmismi da banco.
Kama 7 mesi fa su tio
per immigrazione e terrorismo siam già qui...tra 30 anni la domanda sarà se c'é ancora un'identità svizzera o cmq uno svizzero 100%... Per i robot...che triste previsione, secondo me nulla potrà rimpiazzare il rapporto fisico umano, ci sarà sempre, unica differenza che quelli con difficoltà di approccio sessuale o con perversioni varie invece che andare a "signore di facili costumi" si compreranno il robot come elettrodomestico :-P IL lavoro se andremo avanti cosi si tornerà a coltivare la terra tra 30 anni...e non mi dispiacerebbe a dire il vero, almeno magari chissà si torna ai vecchi valori:-)
maocr 7 mesi fa su tio
Lasciando in mano le redini a economisti e profittatori non c'é certo da rallegrarsi,già G . Gaber li definiva un cancro per la società. Lo schifo é che i politici ci credono e ci trascinano dentro ( e non nei nostri interessi,figuriamoci, lo vedete Cassis fare gli interessi del popolo????) Si diceva che i robot avrebbero facilitato la vita degli operai ,non che li eliminava,questo quasi un secolo fa. È l'economia la vera malattia del secolo,una specie di parassita attaccata al profitto senza scrupoli per pochi che si credono eletti non si sa da chi(amici e affini)il cui scopo é lo sfruttamento incondizionato della popolazione mondiale a tutti i costi e senza regole (a parte le loro).
gigipippa 7 mesi fa su tio
Il lavoro non mancherà, sarà tanto se i futuri giovani vorranno rimediare ai grandi disastri ecologici, economici, sociali e politici causati dalle precedenti generazioni.
Jones Taras 7 mesi fa su fb
Col sesso allora sono avanti di 30 anni!!!💪💪💪😁
Iron Jack 7 mesi fa su fb
Marco Alberto 7 mesi fa su fb
Se devo fare l amore virtualmente allora mi suicido prima 😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂
navy 7 mesi fa su tio
Anziché preoccuparci di come saremmo messi nel 2047, vediamo di sistemare le varie schifezze in odor di clientelismo mafioso dei giorni nostri. Guardiamo al mondo ma non vediamo che abbiamo un palo nell'occhio.....per non dire in un altro posto!
Blaise Metroz 7 mesi fa su fb
Matteo uffa non ci saranno i draghi fra 30 anni
Matteo Juric 7 mesi fa su fb
Tranquillo che tu con un buon allucinogeno e io con una buona grappa, ne vedremo😂
Gaspare Rigamonti 7 mesi fa su fb
Se riesco a campare recupero contributi versati I.N.P.S.da lavoratore sempre che I.N.P.S. faccia ristorno 😅
mariposa 7 mesi fa su tio
saremmo stati catapultati nel medievo
Pietro Ghezzi 7 mesi fa su fb
E i premi della cassa malati saranno ancora più alti
vulpus 7 mesi fa su tio
Un articolo che desta un interesse da....flebo.
Roger maids 7 mesi fa su tio
Saranno dei Robot che praticheranno qualsiasi Sport, l`Iphone 47S sarà un orecchino con lo schermo incorporato nel cervello
francox 7 mesi fa su tio
La tecnologia sostituirà i lavori di routine, avremo molto più tempo libero..... Sono cavolate che ci raccontavano già quarant'anni fa e le previsioni erano per vent'anni fa!
Grace Rota 7 mesi fa su fb
Sarò già tornata polvere 😜
Oliver Sargenti 7 mesi fa su fb
Mancano le navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione.
Papy Krishnasamy 7 mesi fa su fb
Menomale non si saro io 😂
Traccia 7 mesi fa su tio
Veramente interessante....io predico che guarderemo la tele in 3 d senza gli occhiali, le auto si guideranno in buona parte da sole, I costumi si asciugheranno appena usciti dall acqua...un genio!
chico2017 7 mesi fa su tio
E secondo voi, esisterà ancora una civiltà tra 30 anni?
Piera Mazzei 7 mesi fa su fb
E chi ci arriva al 2047.
Sì Motorsport completo Svizzera Ja Motorsport complet Schweiz 7 mesi fa su fb
Nel frattempo sarà stato abrogato anche quell'assurdo divieto riguardo al Motorsport?
Matteo Piras 7 mesi fa su fb
🤔😑
Potrebbe interessarti anche
Tags
leonhard
tempo
lavoro
gerd leonhard
gerd
fra anni
svizzeri
helbing
problemi
tecnologia
Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-24 05:02:57 | 91.208.130.87