ULTIME NOTIZIE Svizzera
FOTO
VAUD
23 min
Omicidio in un parcheggio sotterraneo
Il fatto di sangue è avvenuto ieri sera nel parcheggio dell'autorimessa del porto di Ouchy.
VIDEO
BERNA
1 ora
Mister Covid, Daniel Koch, si è buttato nell’Aare
  Il diretto interessato conferma l’autenticità del video e rivela: “Sotto avevo la muta”
SAN GALLO
1 ora
Ciclista urtato da un'auto
Il 56enne è stato portato in ospedale da un elicottero della Rega
ZURIGO
2 ore
“Datemi i soldi” e poi la coltellata. Grave un 28enne
Accoltellato in piena notte mentre rientrava a casa. Il racconto shock degli amici
FOTO
ZURIGO
3 ore
L'uccisione di Minneapolis arriva fino a Zurigo
Lungo la Langstrasse si sono radunati diversi manifestanti. Forse più di mille.
SVIZZERA
4 ore
Raccolta firme di nuovo possibile, ma le critiche non mancano
Al momento la ricerca di sostegno è in corso per 15 atti popolari. Ma le direttive fanno scuotere il capo a molti
BERNA
5 ore
Caduta in mountain-bike fatale per un 28enne
Il giovane si trovava nella regione dell'Hohgant. È precipitato per una sessantina di metri.
BERNA
5 ore
Coronavirus in Svizzera: 9 contagi nelle ultime 24 ore
Non si registrano invece nuovi decessi legati al Covid-19.
ZURIGO
6 ore
Escono di strada e si ribaltano sulla scarpata
L'incidente è avvenuto ieri sera a Teufen. Due feriti in ospedale
SCIAFFUSA
8 ore
Tre feriti dopo un'aggressione di gruppo
Un manipolo di giovani è stato insultato e aggredito. La polizia ha aperto un'indagine.
ARGOVIA
9 ore
Sgasano facendo gli «sboroni» in centro: la polizia gli sequestra le auto
Operazione anti rumore della cantonale argoviese: «Il problema è che i neo conducenti possano comprarsi questi veicoli».
VAUD
21 ore
Dipendenti comunali licenziati per essere riassunti
Accade a Losanna. Il nuovo contratto riduce di 10 minuti la giornata lavorativa. E ridotto è pure il salario
BERNA
04.04.2017 - 11:550

Ruscelli troppo inquinati, colpa dei pesticidi agricoli

Uno studio ha mostrato che i requisiti di legge in materia di protezione delle acque non vengono mai rispettati

BERNA - In Svizzera i piccoli corsi d'acqua sono molto inquinati a causa dei pesticidi. Uno studio che ha interessato cinque ruscelli - compreso un canale sul Piano di Magadino (TI) - ha mostrato che i requisiti di legge in materia di protezione delle acque non vengono mai rispettati.

Nei corsi d'acqua presi in esame, situati in cinque cantoni (TG, BL, BE, VS, TI) e tutti in zone caratterizzate da un intenso sfruttamento agricolo, sono persino state superate concentrazioni di sostanze la cui tossicità per gli organismi acquatici è considerata acuta.

In Svizzera ci sono circa 45'000 chilometri di ruscelli che rappresentano i tre quarti dell'intera rete idrografica. Fino ad ora non esistevano tuttavia misurazioni attendibili sulla qualità dell'acqua di questi corsi, indica oggi in una nota l'istituto per la ricerca sulle acque dei Politecnici federali (Eawag).

L'indagine presentata oggi è stata realizzata dall'Eawag in collaborazione con il centro di ricerca Ecotox e i cinque cantoni interessati. Fra marzo ed agosto del 2015 sono stati prelevati complessivamente 1800 campioni d'acqua: i risultati delle analisi sono stati pubblicati (in tedesco) in due articoli specializzati sulla rivista Aqua&Gas.

Ordinanza non rispettata nell'80% dei casi

Il sospetto che i piccoli corsi d'acqua fossero fortemente inquinati da prodotti fitosanitari è stato confermato. I ricercatori hanno rilevato nei campioni 128 diversi principi attivi derivanti dalla campicoltura, dall'orticoltura e dalla viticoltura. Fra questi 61 erbicidi, 45 fungicidi e 22 insetticidi.

Nell'80% dei casi il requisito dell'ordinanza sulla protezione delle acque (che fissa una soglia massima di 0,1 microgrammi per litro) non è stato rispettato per almeno una sostanza: ciò è avvenuto in tutti i ruscelli esaminati per oltre 60 giorni.

Il valore massimo fissato nell'ordinanza sulla protezione delle acque dice tuttavia ben poco sul vero rischio per gli organismi. Per questo, i ricercatori hanno confrontato i dati analitici con criteri qualitativi ecotossicologici. Sono inoltre stati effettuati test con alghe e anfipodi d'acqua dolce ed è stata esaminata la varietà di invertebrati.

Anche in questo caso i risultati lasciano poco spazio all'interpretazione, scrive l'Eawag. I criteri di ecotossicità cronica sono stati superati di gran lunga in tutti i corsi d'acqua, al minimo per due settimane (nel caso del canale sul Piano di Magadino) e al massimo fino a cinque mesi e mezzo (nel ruscello Weierbach, a Basilea Campagna e nell'Eschlibach, in Turgovia).

Situazione relativamente migliore in Ticino

In quattro corsi d'acqua sono state superate concentrazioni a partire dalle quali la miscela di pesticidi costituisce un rischio acuto per gli organismi sensibili, nel caso della Tsatonire (in Vallese) per un periodo di due mesi.

In presenza di elevate concentrazioni di pesticidi, gli anfipodi liberati nei ruscelli hanno evidenziato tassi di mortalità maggiori e un comportamento letargico. L'inquinamento minore è stato rilevato nel punto di misurazione in Ticino. Ciò è dovuto al fatto - precisa l'Eawag - che il relativo bacino imbrifero presenta un'intensità di sfruttamento agricolo minore agli altri.

«In molti casi la miscela di molte sostanze in concentrazioni problematiche e i persistenti rischi elevati non concedono agli organismi alcun periodo di recupero», afferma citata nella nota Marion Junghans del Centro Ecotox.

Il piano d'azione dell'UFAM

Per Stefan Müller, capo della divisione acque presso l'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM), i risultati confermano che i prodotti fitosanitari (PF) provenienti dall'agricoltura costituiscono - assieme ai microinquinanti che non vengono filtrati negli impianti di depurazione - il fattore di inquinamento più significativo per le acque di superficie. Ciò vale soprattutto per i piccoli ruscelli che costituiscono un importante rifugio e un "vivaio" per gli esseri viventi che li popolano, in particolare i pesci.

I provvedimenti tecnici decisi recentemente dal Parlamento dovrebbero dimezzare i microinquinanti provenienti dagli impianti di depurazione. Secondo Stefan Müller, è tempo di prendere misure per ridurre anche l'inquinamento da prodotti fitosanitari: un importante passo è rappresentato dai Piano d'azione PF che l'UFAG sta elaborando.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-01 17:33:03 | 91.208.130.86